Voltana

A ottanta anni dalla nascita, Luciano Marescotti ricorda il filosofo, l'uomo e il cittadino impegnato

Ricordando Loris Ricci Garotti (1926-1965)

Luciano Marescotti è nato nel 1921 a Voltana e ha conosciuto Loris Ricci Garotti, diventando suo amico. Questa intervista è un contributo alla memoria storica di Voltana che per vari anni ha ospitato Loris come amico e compagno.
23 aprile 2006

- Come hai conosciuto Loris?
E’ venuto ad insegnare nelle scuole elementari di Voltana nell’anno scolastico 1947-48, se ben ricordo.

- Che tipo di persona era?
Era un bel ragazzo, estroso, fantasioso, desideroso di socializzare. Amava parlare dei suoi studi e farti partecipare alle sue conversazioni.

- Come siete diventati amici?
Io diventai uno dei suoi interlocutori. Ero tutt’orecchi e lo ascoltavo come un maestro, un intellettuale. Ti metteva in moto la mente, il desiderio di conosce e di capire. E lo considero ancora il mio maestro di filosofia. Grazie a lui ho potuto entrare nelle problematiche culturali del tempo, di appassionamici ad esse e di apprendere cose che sarebbe stato difficile scovare da solo.

- Ci parli di alcuni aspetti del vostro rapporto?
Il suo metodo era quello della scoperta e i suoi problemi di ricerca diventavano anche i miei in questo rapporto di dialogo. Memorizzavo gli aspetti nodali che indagava e approfondiva. Ricordo della felicità con cui ricevette una mia cartolina e mi rispose. Anche per corrispondenza affrontavamo le questioni filosofiche che avevamo affrontato nelle letture. Ad esempio alcune questioni relative all’idealismo e al positivismo.

- Qual era l'orientamento filosofico di Loris?
Loris era un ammiratore di Gramsci e un attento studioso del materialismo storico.

- Che lavoro facevi allora?
Facevo il collocatore delle operaie ortofrutticole per conto del sindacato. A tempo perso costruivo la mia casa e facevo quindi anche il muratore, lavoro che avevo esercitato dai 14 a 20 anni, ossia prima di partire militare.

- Avevate la stessa età?
No, lui era più giovane. Io ero del '21 e lui era del '26. Quindi quando venne a Voltana era giovanissimo e stava per laurearsi. Aveva partecipato alla lotta di liberazione come partigiano.

- Quando è scomparso Loris?
Loris è morto prematuramente a 39 anni nel 1965. Si era ammalato di tumore. Ne conservo un ricordo profondo e una stima che il tempo non ha cancellato mai.

Note: L'intervista è stata realizzata da Alessandro Marescotti.

Segnaliamo questo libro su Loris Ricci Garotti scritto dalla figlia Federica.

Per amore del padre
Romanzo
di Federica Ricci Galotti
http://www.pendragon.it/libri/Linferno/libro-414.html

ed.2004; formato cm.14x21
Pagine 204; € 13.00 (ISBN 88-8342-266-X)
Collana Linferno - 63

Questo romanzo è una dichiarazione d’amore di una figlia per suo padre: nella vita di ogni donna l’incontro con la figura paterna è determinante per la propria femminilità e per la considerazione di se stessa. La forma narrativa trasforma questo rapporto emblematico, diviso tra rabbia e devozione, in un racconto vivo e pulsante che si svolge nello scenario di una Bologna lontana negli anni ma quantomai presente e attuale nei suoi intrecci con la contemporaneità. Una città fatta di osterie, di quartieri divisi tra destra e sinistra, tra preti comunisti e preti reazionari, genitori vecchi e nuovi.

Articoli correlati

  • Loris, il maestro affascinante
    Voltana
    “Sai, io sono stato figlio di un esperimento”

    Loris, il maestro affascinante

    L’aspetto sorprendente di questa storia è che per tanti anni ho seguito inconsapevolmente le orme di una persona che non ho mai conosciuto. E a cui devo moltissimo. C’è a volte qualcosa di nascosto che ci guida nella vita e non lo sappiamo.
    28 maggio 2019 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.23 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)