PeaceLink Abruzzo

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Cinquestelle, Legambiente, WWF e i "reati ambientali"
    Audizioni in Senato su un testo che ha scatenato polemiche

    Cinquestelle, Legambiente, WWF e i "reati ambientali"

    Tra gli ambientalisti c'e' chi preme sull'acceleratore per la nuova legge sui reati ambientali, e chi la segnala come un pericoloso colabrodo.
    6 luglio 2014 - Carlo Gubitosa
  • Difendiamo i nostri paradisi: lì dove il cuore danza
    Assalto alla diligenza contro la Riserva del Borsacchio e la Riserva di Punta Aderci

    Difendiamo i nostri paradisi: lì dove il cuore danza

    A febbraio, mese di San Valentino, rinviata ancora l'istituzione del Parco Nazionale della Costa Teatina: arrivi presto l'anno in cui si potrà celebrare anche la storia d'amore tra questa terra e chi l'ama e la vuol difendere
    12 marzo 2012 - Alessio Di Florio
  • Si rispetti il volere di cittadini e istituzioni locali

    “Sì all’Abruzzo delle energie rinnovabili, no al petrolio”

    Domenica 18 aprile 2010 a San Vito Marina (CH) presso l’ex Stazione Ferroviaria, ore 15,00
    15 aprile 2010
  • Ortona, mercoledì si discute del Centro Oli

    Ortona, mercoledì si discute del Centro Oli

    Mercoledì 30 aprile alle ore 09:30 al consiglio comunale di Ortona si ridiscutera' la questione Centro Oli. E torna il panico. Un colpo al cuore per i centinaia di appartenenti ai comitati spontanei e ambientalisti che pensavano di poter stare tranquilli almeno fino al nuovo anno
    25 aprile 2008
Coordinamento per la tutela della costa teatina

La lenta agonia della Postilli-Riccio

La giornata del fratino, indetta dal WWF Abruzzo, ha fatto emergere ancora una volta lo scempio della costa abruzzese
6 maggio 2008

- Il 22 marzo era la giornata del Fratino, un uccellino grande pochi
centimetri, leggero come un sogno e coraggioso come pochi; un indicatore biologico straordinario, che ci dice in che misura è devastato un habitat.

Il 22 aprile eravamo alla Postilli Riccio, la spiaggia in Abruzzo che spesso deteneva il record di presenze, un vanto!
Mirko Di Marzio, biologo faunista scrive: "La prima sensazione è che quest'anno ce ne siano molti meno dei precedenti, il continuo disturbo comporta che i fratini non riescano proprio a nidificare o a portare a buon fine le nidificazioni iniziate quando ancora il disturbo non era (o non sarebbe dovuto essere) così intenso".

Il tratto sud dove l'amministrazione ha annunciato un secolo fa la creazione del parco delle dune, oggi è in balia dei Quod - moto a tre ruote - che scorrazzano indisturbate; hanno creato anche una pista di 400 metri circa, dove poco o niente è rimasto, le dune, i bellissimi e rarissimi Verbasco Niven, tutto spianato. Nel tratto nord, mezzi pesanti, ruspe e consimili impegnati nella costruzione del famoso troncone infrastrutturale strategico per implementare il traffico con l'EST Europa, a pochi metri dalla battigia, con un mega sottopasso alto tre metri che doveva essere tra i primi provvedimenti, ma che all'oggi è fermo e ricoperto.

Procede invece il ponte sulla foce del fiume Foro, forse progettualmente più facile,
ma molto più controverso, poichè come giustamente osserva la geologa Patrizia Di Giglio, tali opere antropiche “rigide” contribuiscono ad un’accoglienza indegna nelle acque marine di un fiume già molto “sofferente” durante tutto il suo viaggio: la foce del fiume Foro è originariamente a delta e in caso di piene eccezionali dove andrà a sfogarsi e, successivamente, a risedimentare il corso d’acqua?
Quel tratto di fiume è stato normato nel 2004 (D.G.R. del 29 dicembre n.1386) dal PSDA - Piano Stralcio Difesa Alluvioni - e la cementazione collegata alla realizzazione del ponte interessa le 4 classi di Pericolosità che vanno da quella molto elevata a quella moderata.

L'intervento previsto alla foce del Foro e cioè la realizzazione del ponte di collegamento e delle fondazioni dello stesso, costituite da pali cementati armati, non sono assolutamente compatibili con il deflusso naturale delle acque fluviali nella zona della foce; come ben dicono i saggi: viene tolto il respiro a questo tratto di fiume.
Carta straccia se gli strumenti di pianificazione territoriale dichiarano l'opera essenziale, e quello è un nodo strategico infrastrutturale per implementare il traffico con i paesi dell'EST Europa.“VERAMENTE ESSENZIALE “.

Noi al dolore sordo ai pochi, quelli che si inventano uno sviluppo per tutti ma che invece andrà nelle tasche dei soliti, che espropria a 4 soldi la gente onesta, e con l'arroganza del frastuono dei mezzi cingolati, colate di cemento e asfalto spazza via quel poco di bello che resisteva; aggiungiamo la determinazione di stare a controllare, centimetro per centimetro , perchè quella strada la stiamo pagando
con i soldi del nostro duro e onesto lavoro ; già una variante in corso d'opera di 350.000 euro aggiuntivi, è già un pozzo senza fondo.
Ci vorrebbe il coraggio del Fratino, per non lasciare alle generazioni future, solo l'imperfetto del verbo essere, e la sua leggerezza per spazzare il piombo dal cuore degli uomini.

Coordinamento per la Tutela della Costa Teatina

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy