PeaceLink Abruzzo

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

Comunicato stampa di PeaceLink Abruzzo e dell'Ass. Antimafie Rita Atria

Sempre più inquietanti le ombre di Gomorra in Abruzzo

Tracima sempre più in Abruzzo la corruzione e il malaffare. Gli arresti di questa mattina, che hanno portato alle dimissioni l'assessore all'Ambiente e alla Protezione Civile Daniela Stati (e all'arresto del padre, già condannato per finanziamento illecito ai partiti con sentenza passata in giudicato, e del compagno), gettano ulteriori ombre sulla gestione pubblica nella nostra Regione.
2 agosto 2010 - Alessio Di Florio

Il terremoto del 6 Aprile 2009 è stato considerato da molti un lauto banchetto a cui sedersi. Un banchetto infinito, i cui rischi avevamo già denunciato nelle settimane successive al sisma. Il 25 maggio scrivevamo in un editoriale su PeaceLink che "Mafie e potentati economici" stavano "mettendo le mani sulla ricostruzione"*. Così è stato. Col passare dei mesi aumentano le inchieste e gli arresti, mentre L'Aquila rimane una città ferita, senza alcuna prospettiva di rinascita all'orizzonte.

I fatti odierni costringano ad una seria riflessione sulla gestione del terremoto. Cessi il sistema autoritario, cedevole davanti alla corruzione e alle mafie. Si restituisca L'Aquila e il suo futuro agli aquilani, a chi sogna e costruisce il futuro e non a "squallide consorterie" criminali.

Inquieta ancor di più che la vicenda coinvolga l'Assessorato Regionale all'Ambiente che, tra le tante tematiche, si occupa anche di gestione dei rifiuti. La cronaca degli ultimi giorni denuncia ancora una volta come quello dei rifiuti sia in Abruzzo un business appetito da molti, dove organizzazioni criminali e politici conniventi (quando non criminali essi stessi) si stanno spartendo immensi finanziamenti. Il futuro dell'Abruzzo non può essere questo, tra discariche illegali e inceneritori (che un grande sponsor avevano nell'ormai ex assessore Stati). Si punti sul riciclo dei rifiuti, non sul riciclaggio del denaro...

* l'editoriale è raggiungibile al link http://www.peacelink.it/abruzzo/a/29544.html

Note:

abruzzo@peacelink.it
http://www.ritaatria.it
http://www.peacelink.it/abruzzo

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy