PeaceLink Abruzzo

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Ortona, mercoledì si discute del Centro Oli

    Ortona, mercoledì si discute del Centro Oli

    Mercoledì 30 aprile alle ore 09:30 al consiglio comunale di Ortona si ridiscutera' la questione Centro Oli. E torna il panico. Un colpo al cuore per i centinaia di appartenenti ai comitati spontanei e ambientalisti che pensavano di poter stare tranquilli almeno fino al nuovo anno
    25 aprile 2008
  • Ad Annozero si parla di Viggiano e Ortona s'infiamma

    Ad Annozero si parla di Viggiano e Ortona s'infiamma

    «Ci avevano detto che l'Eni avrebbe portato sviluppo», raccontano i residenti, «e noi ci avevamo creduto». Ma adesso, invece, il paese si sta spopolando: «vanno via i giovani e non solo…si portano via tutta la famiglia». In 15 anni si calcola una perdita di un quarto della popolazione e si racconta di «aziende smembrate per far passare l'oleodotto», «aria irrespirabile», «paura per la salute».
    9 marzo 2008
  • Ortona, il Centro oli  Eni  è «pericoloso» I medici in municipio

    Ortona, il Centro oli Eni è «pericoloso» I medici in municipio

    ORTONA. «Ho ribadito il nostro fermo no, senza se e senza ma, a questo insediamento in un’area abitata». Parole di Fabio Di Stefano, portavoce di 88 dirigenti della Asl Chieti-Ortona, nel corso di un incontro avuto in municipio con il sindaco Nicola Fratino.
    23 febbraio 2008
  • Centro oli: i medici chiedono un incontro
    «Preoccupati dei rischi 88 professionisti scrivono al sindaco»

    Centro oli: i medici chiedono un incontro

    Una lettera aperta al sindaco, Nicola Fratino, per chiedere di essere ricevuti. Fabio Di Stefano, dirigente medico dell’ospedale Bernabeo e componente dell’associazione medici per l’Ambiente, scrive al primo cittadino per chiedere un confronto sul documento sottoscritto da 88 medici della Asl cui si sintetizza il loro pensiero ed orientamento sulla questione Eni
    19 febbraio 2008 - Sara Fabrizio
Progetto di stoccaggio del pet-coke

Ad Ortona arriva la feccia del petrolio

Potrebbe presto arrivare l'ennesimo impianto ad alto impatto ambientale. Transiteranno 75.000 tonnellate di pet-coke (derivato del petrolio) all'anno in una zona ad alta densità abitativa e a vocazione turistica.
6 settembre 2010 - WWF Zona Frentana e Costa Teatina

logo wwf
Ortona potrebbe presto ospitare un deposito di stoccaggio di Pet-Coke, attualmente in Verifica di Assoggettabilità a VIA - Valutazione di Impatto Ambientale-, se l'iter si concluderà secondo le richieste dell'azienda proponente F.LLI NERVEGNA AUTOTRASPORTI S.r.l. che chiede “l’esonero” dalla VIA. La regione Puglia, con una determina regionale (5/9/2005) sul deposito di Pet-coke nell'Italcave di Statte Brindisi, non se l'è sentita di escludere che il Pet-coke potesse essere anche "cancerogeno, mutageno e teratogeno" e pertanto ha ritenuto di sottoporre a procedura di VIA il progetto in esame al fine di chiarire la qualificazione del Pet-coke come "sostanza pericolosa".

Il Pet-Coke è l'ultimo prodotto delle attività di trasformazione del petrolio, tanto da guadagnarsi il nome di "feccia del petrolio". Contiene una miscela di sostanze estremamente pericolose, come idrocarburi policiclici aromatici (IPA), metalli pesanti(vanadio, nichelio), alto contenuto di zolfo (anche oltre il 7%) e cloro. Le sostanze contenute nel pet-coke oltre ad una tossicità intrinseca sono indicate anche come cancerogene (come il benzopirene) e/o mutagene. La prima proprietà provoca tumori di vario genere, la seconda modificazioni genetiche, tra cui malformazioni nei nascituri.

I luoghi di Ortona deputati al transito e allo stoccaggio di questo pericoloso materiale (nella determina regionale suddetta lo si legge per ben 11 volte) sono il porto, dove navi lo scaricheranno, e la zona industriale in C.da Tamarete, in un’ area allestita pari a 100 metri di lunghezza e 30 metri di larghezza, all'aperto, tra 2 capannoni per i cereali e le farine di soia.
Il sito di stoccaggio in un anno ospiterà 75.000 tonnellate di questo derivato del petrolio pari a 18.000 metri cubi. Ci saranno 5.833 autotreni all’anno per l'ampliamento dell'attività dell'azienda che, oltre al Pet-Coke, movimenteranno cereali e farina di soia. Considerando che vanno raddoppiati per tenere conto dell’ingresso e dell’uscita, ogni anno circoleranno 11.666 autotreni, circa 55 al giorno che si andranno a sommare a quelli di altre attività portuali.

La spiaggia dei Saraceni a ridosso di uno degli snodi viari in questione, non potrà che subire in estate tutte le problematiche inerenti, dallo smog al rumore, che andranno a sommarsi al flusso dei turisti e bagnanti.

Il WWF presenterà le dovute osservazioni al progetto, per scongiurarne la realizzazione, data la pericolosità del composto stoccato e le zone densamente abitate e frequentate d’estate, dove sono previste le operazioni di sbarco, trasporto e caricamento merci.
Basterebbe un piccolo incidente agli automezzi o alla nave in fase di attracco e avremmo l'ennesima tragedia italiana largamente annunciata, per non parlare delle micidiali polveri sottili che in queste fasi vengono disperse nell'aria.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy