Basilicata

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • donazione ONLINE con carta di credito
  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Lo scioglimento dei ghiacci artici sta causando il rilascio di tossine nocive nell'ambiente.
    Allarme inquinamento nelle zone artiche

    Lo scioglimento dei ghiacci artici sta causando il rilascio di tossine nocive nell'ambiente.

    Quantità sconosciute di agenti inquinanti organici non smaltiti, intrappolati nei ghiacci artici, stanno costituendo una nuova minaccia per la vita marina e la vita umana via via che la temperatura globale si innalza.
    18 ottobre 2011 - Damian Carrington, The Guardian
  • Qualità dell'aria: rispondi alle 10 domande della Commissione per cambiare la Direttiva Europea
    E' importante prendere confidenza con le istituzioni europee

    Qualità dell'aria: rispondi alle 10 domande della Commissione per cambiare la Direttiva Europea

    La consultazione pubblica termina il 15 ottobre. Il questionario è destinato a semplici cittadini ed è facile da compilare. Naturalmente è in inglese, ma basta superare il disagio delle prime volte
    14 ottobre 2011 - associazione PeaceLink
  • I veleni dentro l'auto
    Un consiglio pratico: evitate di tenere i bambini per troppo tempo dentro le auto. Se potete scegliete la bicicletta

    I veleni dentro l'auto

    Un problema non affrontato è quello dell'infiltrazione degli IPA (idrocarburi policiclici aromatici) dentro l'abitacolo. Praticamente l'auto inquina il suo stesso abitacolo che dimostra di non essere sufficientemente protetto. Gli IPA sono cancerogeni e contengono sostanze genotossiche come il benzo(a)pirene che possono essere particolarmente pericolose per le donne in stato di gravidanza. Vi possono essere errori di progettazione delle case automobilistiche e non vi sono attualmente norme per verificare la presenza di alte concentrazioni di IPA negli abitacoli delle auto.
    20 maggio 2011 - Alessandro Marescotti
  • Tutela penale e ambiente: solo quindici minuti da dedicare alla direttiva europea 2008/99/CE
    L'Europa chiede sanzioni "efficaci, proporzionate e dissuasive" ma il governo prevede un'ammenda che può arrivare "al massimo" a 150 mila euro

    Tutela penale e ambiente: solo quindici minuti da dedicare alla direttiva europea 2008/99/CE

    Nel paese delle ecomafie e dei grandi porti l’attenzione dovrebbe essere massima. Invece ci si è ridotti agli ultimi giorni, con una direttiva tenuta nel cassetto e lontana dai riflettori dei media. Mercoledì prossimo nelle Commissioni Ambiente si avranno pochi minuti per formulare un parere sulle norme preparate dal governo e trasmesse l'8 aprile alle Camere.
    15 maggio 2011 - Lidia Giannotti

Parco Val d'Agri: veleni nella sorgente "Acqua dell'Abete"

Dai rilievi che l'Arpab avrebbe eseguito, sul terreno e nell'acqua sarebbero state rinvenute sostanze altamente pericolose ed inquinanti, con molta probabilità derivanti dall'attività petrolifera.
12 gennaio 2009 - OLA | Organizzazione Lucana Ambientalista

Sequestro della sorgente "Acqua dell'Abete" La OLA (Organizzazione Lucana Ambientalista) – Coordinamento apartitico territoriale di Associazioni, Comitati, Movimenti e Cittadini - denuncia l'ennesimo grave inquinamento ambientale nel Parco Nazionale Appennino Lucano Val d'Agri-Lagonegrese.

Da varie segnalazioni, fonti giornalistiche locali (Il Giornale di Calvello | Anno 1 n.5 Dicembre 2008) e sopralluoghi effettuati si è constatato che, con provvedimento del NOE (Nucleo Operativo Ecologico dei Carabinieri) e del Corpo Forestale dello Stato è stata posta sotto sequestro – in data 28 Novembre 2008 - l'area attrezzata "Acqua dell'Abete", situata nel Comune di Calvello, ad oltre 1200 metri s.l.m. L'area si trova nel perimetro del Parco Nazionale Appennino Lucano Val d'Agri-Lagonegrese.

Dai rilievi che l'Arpab avrebbe eseguito, sul terreno e nell'acqua sarebbero state rinvenute sostanze pericolose inquinanti, con molta probabilità derivanti dall'attività petrolifera. A poche centinaia di metri più a monte, infatti, è presente il pozzo Cerro Falcone 2 dell'Eni mentre, sempre nell'area, si stanno effettuando lavori connessi "al progetto di Sviluppo Val d'Agri", sempre dell'Ente Nazionale Idrocarburi, consistenti in posa nel terreno di oleodotti, reti di reinezione e nuove postazioni petrolifere. Non è la prima volta che la medesima zona è interessata da inquinamento da idrocarburi: già nel 2004 l'associazione ambientalista Sos Lucania denunciò il versamento di liquidi oleosi e di idrocarburi, a cui non seguì alcuna azione di disinquinamento e precauzionale a difesa della salute di persone ed animali.

La OLA denuncia come l'episodio non costituisca affatto un caso isolato. Sono, infatti, note a questa Organizzazione altre località interessate da medesimi problemi, nonostante che in uno studio del Cnr e dell'Università della Basilicata l'area veniva definita a "rilevante rischio di inquinamento", mettendo in luce "il percolo di alterazione delle caratteristiche degli acquiferi derivanti da installazioni petrolifere capaci di porre in contatto acquiferi diversi e, soprattutto, fluidi diversi con l'assenza di azioni di sorveglianza della Regione". Lo stresso studio sottolineava, inoltre, come nonostante la scarsa antropizzazione "tali aree, seppure naturalmente protette dalle accidentate configurazioni orografiche, rappresentano spesso, in quanto poco controllate, preferenziali siti per lo smaltimento abusivo di rifiuti di vario genere [...] in particolare nell'area studiata, nei pressi della località Cerro Falcone è situato un pozzo petrolifero".

In riferimento al sequestro di Polizia dell'area attrezzata "Acqua dell'Abete", la OLA chiede di conoscere dall'Assessore all'Ambiente della Regione Basilicata, Vincenzo Santochirico, i motivi ufficiali alla base del sequestro, la natura e la quantità degli inquinanti rinvenuti e le azioni che ha intrapreso, congiuntamente, al Sindaco di Calvello, a tutela della salute pubblica e quella degli animali, con le eventuali azioni di monitoraggio ambientale, sorveglianza e di tipo giudiziario imposte in questi casi dalla legge nei confronti dei responsabili dell'inquinamento.

Per approfondimenti:
http://www.olambientalista.it/parchiart119.htm

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy