Conflitti

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

    Calipari

    Le menzogne di Mario Lozano

    12 aprile 2007 - Giuliana Sgrena
    Fonte: Il Manifesto (http://www.ilmanifesto.it)

    Dopo due anni di silenzio Mario Lozano esce allo scoperto per raccontare le sue verità o meglio, secondo la versione dei media americani, per «smentire le bugie della Sgrena». Peccato che né lui né i suoi consiglieri si siano accorti che nel frattempo la mia testimonianza sia stata avvalorata dai risultati delle perizie fatte da esperti nominati dalla magistratura sulla macchina su cui viaggiavamo quella notte del 4 marzo 2005 a Baghdad. Mario Lozano è stato rinviato a giudizio per omicidio volontario politico di Nicola Calipari e tentato omicidio volontario di Andrea Carpani e mio proprio, in base alle perizie e non certamente alle mie «fantasie».
    Questi i punti essenziali. Secondo Lozano, la macchina andava troppo veloce. I periti hanno verificato che nel momento di massima velocità la Toyota andava a 65 chilometri all'ora. Lozano afferma che quando la macchina si trovava a 100 metri dal checkpoint (tutti i media americani parlano di checkpoint, in realtà si trattava di una pattuglia mobile collocata fuori dalla strada, dietro a una curva) ha cominciato a dare avvertimenti per fermarci: prima una luce, poi a 80 metri spari, infine, quanto la macchina era a 60 metri è stata presa di mira. La perizia della magistratura sostiene invece che la prima raffica (in totale sono tre) è stata sparata quando la macchina si trovava a 100-130 metri dalla pattuglia. Infine, Lozano sostiene di avere sparato davanti alla macchina, poi alle ruote e al motore. I periti hanno invece accertato che dei 58 colpi che hanno colpito la macchina, 57 erano diretti contro i passeggeri e solo l'ultimo contro il motore, quando la macchina era già ferma. Dunque, dicono gli esperti, ha sparato per uccidere. Da qui l'accusa di omicidio volontario.
    Perché Lozano non viene a presentare la sua versione dei fatti al processo? Per lui, quello che inizia martedì a Roma è solo un «processo-spettacolo». Un disprezzo della magistratura italiana che meriterebbe qualche presa di posizione da parte del nostro governo. E se si tratta di una farsa perché si agita tanto e si affanna a ribadire la versione della commissione militare americana, già smontata dal rapporto Campregher-Regaglini, dal nome dei due italiani che ne facevano parte?
    In un punto tuttavia Lozano si discosta dal rapporto militare, secondo il quale, dopo la sparatoria, lui, scioccato, fu allontanato dai passeggeri e furono gli altri soldati della pattuglia ad avvicinarsi a Nicola Calipari e a me. Lui invece si assume anche il ruolo di avermi soccorsa e di avermi portata "velocemente" (a 10 km all'ora, secondo quanto mi aveva detto il soldato che realmente mi ha trasportato, per spiegarmi quanto tempo occorreva per arrivare, visto che non riuscivo a respirare a causa del collasso al polmone) con il suo Humvee all'ospedale. Ignorando che quando sono stata tirata fuori dalla macchina sono rimasta per un quarto d'ora, seminuda, sul selciato, prima di essere portata all'ospedale, sull'Humvee, dal quale erano partiti i colpi, questo è vero.
    Dopo quello che è successo è facilmente comprensibile che Lozano abbia gli incubi, come li ho io che ho vissuto la stessa scena dall'altra parte della barricata. Sappiamo che le regole di ingaggio sono feroci, che i soldati in Iraq sono terrorizzati, ma ci sono molti di loro che hanno avuto il coraggio di ribellarsi a quella situazione.
    Quello che è inaccettabile è anche il vittimismo di Lozano. Alimentato dai giornalisti Usa che lo hanno intervistato rispondendo tutti a un ordine di scuderia, senza porsi nessun problema di fronte a una versione unilaterale dei fatti e citando a sproposito il mio libro Friendly fire.
    Una vera lezione di giornalismo made in Usa.

    PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies