Ecologia

RSS logo

Mailing-list Ecologia

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

Lista Ecologia

...

    Ambiente Svenduto, comunicato di PeaceLink sulle richieste di rinvio a giudizio

    Il comunicato stampa della redazione di Peacelink
    6 marzo 2014 - Redazione Peacelink

    ilva di taranto

    La Procura della Repubblica di Taranto ha depositato le richieste di rinvio a giudizio dopo la conclusione della fase delle indagini e degli interrogatori.

    Emerge un quadro allarmante di inquinamento che la citta' ha subito, come accertato dalle perizie.

    Ma il nodo su cui occorre riflettere e' quello politico.

    Mentre la Procura ha agito su segnalazioni ed esposti dei cittadini, la politica di governo ha in questi anni elargito lodi e apprezzamenti verso i Riva e la loro politica aziendale.

    In tribunale ci va ora chi ha ignorato la pressione di noi cittadini.

    Mentre noi ci opponevamo, loro approvavano l'autorizzazione AIA all'Ilva su cui la Procura ha acquisito faldoni di materiale scottante.

    Vendola, Florido e Stefano dovranno comparire davanti al giudice dell'udienza preliminare con questo passato di sordita' alle nostre richieste pressanti e motivate.

    Le accuse ai Riva sono gravi ma ancora più grave e' la rottura del rapporto di fiducia che si e' consumata fra i politici che si accordavano con Archina' e una larga fetta di cittadini oggi delusi.

    Quei cittadini avevano sostenuto con grande speranza Vendola, Florido e Stefano.

    Oggi viviamo lo strappo definitivo di una grande illusione.

    Ma nonostante tutto cio', nessun mea culpa abbiamo ascoltato. Tutto sta avvenendo in un clima surreale. E' come se fossero venute meno nei partiti (di cui Florido, Vendola e Stefano sono espressione) le difese immunitarie e la stessa capacita' di indignazione.

    Nessuno si dimette.
    Nessuno chiede le dimissioni.

    Il Palazzo e' muto.

    Oggi assistiamo alla fine ingloriosa di un sistema di potere.

    Auspichiamo che altre citta' inquinate seguano l'esempio di Taranto e che altre Procure indaghino sui disastri ambientali.

    Taranto e' la punta di un iceberg.

    Ferma restando la presunzione di innocenza, tutto questo non potra' non avere conseguenze se le ipotesi di reato venissero confermate in tutto o in parte.

    Per questo sosteniamo con convinzione l'azione della magistratura, senza la quale a Taranto avrebbero vinto le logiche dei poteri forti.

    Quanto avviene a Taranto deve far riflettere i partiti in quanto si palesa un profondo malessere nel rapporto fra cittadini e potere e una giustificata diffidenza.

    La rigenerazione di questo rapporto civile e partecipativo passa attraverso il ristabilimento del principio di legalita' e per la riattivazione della cittadinanza attiva e del controllo democratico.

     

    Fulvia Gravame
    Responsabile nodo PeaceLink Taranto

    PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy