Ecologia

RSS logo

Mailing-list Ecologia

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

Lista Ecologia

...

    Peacelink e Cova Contro scrivono alla Commissione Europea sulla questione Basilicata

    Il comunicato delle associazioni e la lettera inviata in Commissione
    17 febbraio 2016 - Redazione Peacelink

    Raffinerie in Basilicata

    Peacelink e Cova Contro hanno inviato oggi alla Commissione Europea una lettera riguardante i diffusi problemi ambientali della Regione Basilicata. Sottolineando che su un’area di neanche 10mila kmq si concentrano impianti per il trattamento del nucleare in via di dismissione ( l’Itrec di Trisaia ), insieme a centinaia di pozzi petroliferi perforati fino ai 37 pozzi produttivi, due centri oli in funzione e il prossimo centro di estrazione e lavorazione di Tempa Rossa, Peacelink ha chiesto al Commissario all’Ambiente Vella che la Commissione possa indagare sulla reale situazione ambientale della Regione Basilicata.

    Menzionando anche le numerose discariche ed i centri di trattamento degli oli reflui,gli inceneritori come Fenice e dei cementifici di Matera e di Barile, i due siti SIN di Tito e della Val Basento, con i circa 390 a siti di interesse regionale affetti da contaminazioni, Cova Contro e Peacelink hanno chiesto che la Commissione verifichi il rispetto del diritto europeo in materia ambientale.

    Le conseguenze della forte concentrazione di impianti industriali e soprattutto dell’attività di ricerca petrolifera potrebbero aver avuto ricadute molto importanti sulla salute umana e sulla catena alimentare. La Basilicata, inoltre, rappresenta un immenso serbatoio strategico per l’acqua potabile di tutto il Sud d’Italia e quindi per l’agricoltura.

    La Convenzione di Aarhus stabilisce che è un preciso diritto dei cittadini essere informati e prendere parte ai processi decisionali quando è in gioco anche il proprio futuro, i propri diritti ad un ambiente sano e alla salute. I cittadini lucani, si augurano le due Associazioni, dovranno essere messi a conoscenza dei dati sull’inquinamento attuale e futuro.

    Per Peacelink,

    Alessandro Marescotti, Presidente
    Antonia Battaglia, Rappresentante presso EU

    per Cova Contro, 

    Giorgio Santoriello, Presidente 

    Gian Paolo Farina, Vice Presidente 

     

     

    in allegato la lettera originale

    Allegati

    PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies