Ecologia

RSS logo

Mailing-list Ecologia

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

Lista Ecologia

...

    Eni è "inadempiente": la Regione chiude il Centro Oli, Bolognetti pubblica documenti inediti

    I recenti fatti legati alle estrazioni di petrolio in Basilicata
    17 aprile 2017 - Luciano Manna

    Flusso contaminazione CENTRO OLIO VAL D'AGRI

    C'è uno sversamento che interessa i serbatoi del Centro Oli Val D'Agri, migrazione di idrocarburi che, secondo un vertice in Prefettua dovrebbe essere arrivato anche in alcuni affluenti del fiume Agri. Il Centro Oli che era stato già chiuso l'anno scorso dopo l'intervento della Procura di Potenza oggi riceve lo stop dalla Regione Basilicata "a fronte di inadempienze e ritardi da parte di Eni rispetto alle prescrizioni regionali".

    Solamente un giorno prima Maurizio Bolognetti (Radicali Italiani) aveva pubblicato sul suo profilo social una nota dove rendeva noti documenti inediti inerenti lo sversamento di idrocarburi dai serbatoi del Cetro Oli gestito dall'Eni. I documenti sono molto espliciti: vengono descritte le caratteristiche tecniche del sito, dei serbatoi e si ipotizza l'eventuale percorso del flusso di contaminazione. Sempre nella stessa nota Bolognetti scriveva: "Ritengo che il diritto di ciascuno e di tutti a poter conoscere cosa stia avvenendo nella Zona Industriale di Viggiano a seguito della perdita di idrocarburi dai serbatoi del CENTRO OLIO VAL D'AGRI, prevalga sul diritto di proprietà accampato da Eni/Syndial. Quindi, continuerò a pubblicare documenti attinenti l'evento Dime/Perdita idrocarburi. Se ENI dovesse ravvisare in questa mia decisione una qualche violazione dei suoi diritti, mi auguro che voglia procedere di conseguenza"

    Immediatamente dopo l'itervento della Regione Basilicata arriva l'ordinanza sindacale del Comune di Grumento Nova con oggetto: "Incidente Centro Oli Eni"

    ORDINANZA SINDACALE  N° 2652 del 16/4/2017  – (Estratto) Incidente Centro Olio ENI 


    - Divieto uso (Pascolo, coltivazione, raccolta fieno, frutti, funghi , etc) terreno Agricolo in cda Campestrini di Grumento Nova,  Foglio 17, particelle 874- 699 -700.  Proprietà A. Cunto – Conduttore M. Miranda

    - Divieto uso Acqua (irrigazione, zootecnico e qualsiasi altro impiego) di fuoriuscita Dreno Area Industriale lato SS 598 – Fossa del LUPO,  in c.da Campestrini di Grumento Nova, foglio 17, particelle 874-699-700 Proprietà A. Cunto – Conduttore M. Miranda

    Inquietante sono i seguenti video di Maurizio Bolognetti che già il mesi fa intervistava alcuni operai intenti ad intercettate questa perdita di idrocarbuuri nei territori lucani adiacenti il Centro Oli. Anche in questo caso, e come spesso siamo abituati a leggere nelle cronache di espisodi ambientali, la ciddadinanza attiva anticipa di molto l'intervento delle istituzioni e cosa più importante è più efficace nell'informazione. Ciò che è grave sono i ritardi e le inadempienze sui controlli ambientali che vanno a danno dela salute dei cittadini che da questi episodi ne traggono solo conseguenze sanitarie.

    PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies