Editoriale

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • donazione ONLINE con carta di credito
  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Le violenze su civili e militari e l'azione del CNS (Consiglio nazionale siriano)

    Siria: cosa è il CNS

    Ha stretto nel dicembre 2011 un patto di collaborazione con l'Esercito Siriano Libero che organizza l'insurrezione armata
    16 febbraio 2012 - Marinella Correggia
  • Perché io non parteciperò alla manifestazione del 19 febbraio
    A Roma la Tavola per la Pace partecipa ad una manifestazione organizzata dal CNS siriano

    Perché io non parteciperò alla manifestazione del 19 febbraio

    Le nostre linee di lotta sono sintetizzate dal nostro slogan dei “quattro no”.
    No alla violenza. No alla repressione. No al settarismo. No all’intervento militare esterno.
    13 febbraio 2012 - Ossamah Al Tawil
  • In vista della manifestazione del 19 febbraio indetta dal CNS e sostenuta dalla Tavola della Pace. Questi i pro e i contro

    Come risolvere il conflitto in Siria?

    Vi proponiamo una raccolta di link per saperne di più
    12 febbraio 2012 - Associazione PeaceLink
  • Il protocollo prevedeva la creazione e la messa in campo nella Repubblica Araba Siriana di una missione composta da esperti civili e militari provenienti da paesi arabi e da organizzazioni arabe non governative per i diritti umani

    Rapporto sulla Siria

    Missione degli Osservatori degli Stati della Lega Araba in Siria per verificare l'attuazione delle disposizioni del piano di azione arabo per risolvere la crisi siriana e proteggere i civili siriani
Ma noi vogliamo ricordare un giornalista coraggioso e onesto

Gilles Jacquier, il giornalista dimenticato

Ucciso in Siria, la colpa era stata data subito alle forze di sicurezza siriane. Invece la pista che emerge è un'altra e il caso è ormai così scomodo che molti vogliono archiviarlo
5 febbraio 2012 - Associazione PeaceLink

Era metà gennaio. Gilles Jacquier, il giornalista ucciso in Siria nel gennaio 2012

Il governo francese, dopo aver sollevato il sospetto che l'uccisione di Gilles Jacquier  fosse addebitabile alle forze di sicurezza siriane, ha stranamente dimenticato e archiviato il caso. Non se ne parla più.

Provate a fare una ricerca su Internet: non c'è quasi nulla.
Eppure questo giornalista coraggioso ha vinto il Premio Ilaria Alpi.
Perché questo silenzio?
Emerge quello che sospettavamo di trovare: le piste della morte di Jacquier portano agli insorti. Vedere http://lists.peacelink.it/pace/2012/02/msg00024.html
A dire questa scomoda verità è addirittura Le Figaro che ha raccolto informazioni dagli osservatori internazionali (ecco perché sono scomodi...) che hanno indagato sul caso.
Ma i media internazionali non hanno minimamente rilanciato la notizia.
Vogliamo mettere nella nostra home page questo caso perché non venga archiviato, coinvolgendo l'ambasciata francese, Amnesty International, il premio Ilaria Alpi, ecc. affinché - così come è avvenuto per Ilaria Alpi - questo giornalista venga ricordato e sulla sua morte si indaghi, prima che la volontà di rimozione non arrivi fino all'indecenza.
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy