Editoriale

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

    Il colpo di mano di Renzi fallisce...

    Siamo ancora in tempo per dire no ad una nuova guerra in Iraq!

    Pacifisti del mondo svegliatevi: non avete altro da perdere che la vostra sfiducia!
    7 ottobre 2015 - Patrick Boylan (Statunitensi per la Pace e la Giustizia - Roma) . / . (U.S. Citizens for Peace & Justice - Rome)

    Italian Defense Minister Roberta Pinotti, right, and US Secretary of Defense Ashton Carter  in Rome, Oct. 7, 2015.

    .
    Il Pentagono è furioso. Grazie ad una “gola profonda”, il Corriere della Sera ha potuto rivelare in prima pagina, ieri mattina il 6 ottobre, che il Ministro della Difesa Roberta Pinotti e il suo omologo statunitense Ashton Carter avevano già deciso l'uso, per missioni di bombardamento, dei caccia italiani attualmente in Iraq per i soli compiti di ricognizione. Decisione presa, dunque, ancor prima dell'arrivo del sig. Carter in Italia ieri pomeriggio per la sua visita ufficiale di due giorni, e ancor prima che il Parlamento italiano potesse discutere l'intera questione, come imporrebbe la Costituzione.

    La reazione alla notizia di Corsera e la successiva controreazione del governo sono state immediate: grida di scandalo da più parti seguite dal dietrofront del Presidente del Consiglio Matteo Renzi e dei suoi ministri. “Si tratta solo di un'ipotesi”, hanno rassicurato in coro sia Pinotti che il Ministro degli Esteri Paolo Gentiloni; “Sottoporremo senz'altro la questione al Parlamento prima di decidere definitivamente qualsiasi cosa.”

    Quindi Carter lascerà la Capitale oggi sicuramente a mani vuote. Grazie all'anonimo “Chelsea (Bradley) Manning” italiano che svelò la tresca, il governo Renzi fallisce il tentativo di replicare il colpo di mano che il governo di Mario Monti realizzò invece nel luglio del 2012. Infatti, Monti e l'allora Ministro della Difesa Giampaolo Di Paola riuscirono ad autorizzare alla chetichella – e sempre in barba alla Costituzione italiana – l'impiego bellico dei caccia tricolore che erano stati inviati in Afghanistan in precedenza per i soli compiti di ricognizione. E i parlamentari, con poche eccezioni, scelsero di sonnecchiare.

    Questa volta, qualcuno li ha svegliati.

    Pertanto i caccia italiani dislocati a Baghdad rimarranno senza bombe per ora – e, più precisamente, per tutto il tempo necessario al dibattito parlamentare. “Rimanere senza bombe” non significa, naturalmente, che questi aerei non partecipino già ai combattimenti. Anzi, per dirla alla Giovanni Sarrubi, “scattando le foto degli obiettivi da bombardare, sono già un po' come i complici di un omicidio.” Tuttavia il passaggio da ricognizione a lancio di ordigni non è poco ed è pur sempre gravido di conseguenze.

    I pacifisti italiani, dunque, come tutti i cittadini, possono ora usare il margine di tempo ottenuto per alzare la loro voce e far ricordare al Parlamento che il “conflitto” in corso in Iraq è, per ammissione dello stesso governo statunitense, una guerra. Pertanto l'eventuale partecipazione italiana al conflitto non potrà, in nessun modo, essere travestita da "missione di peacekeeping" o di "addestramento delle forze armate irachene". L'eventuale partecipazione italiana configurerebbe una vera e propria cobelligeranza e pertanto necessita di una formale approvazione parlamentare come tale.

    Il parlamento italiano deve dunque decidere se vuole o meno provocare, bombardando l'Iraq, altri morti, altre devastazioni, altri flussi di profughi in Europa – il tutto, poi, non per eliminare l'autoproclamato Stato Islamico (perché ciò non è mai stato il vero obiettivo della cosiddetta Operazione Internazionale Anti-Isis, come si vedrà più avanti), ma solo per poter “contare” diplomaticamente in ipotetici futuri negoziati sulla regione. Ricordiamocelo: le bombe italiane eventualmente sganciate, seppure ai soli fini del contenimento dei jihadisti, colpiranno pur sempre aree popolate da esseri umani innocenti, da infrastrutture civili vitali e da famiglie che, poi, cercheranno per forza scampo e rifugio altrove.

    “Ma questi mali sarebbero minori rispetto ai mali che l'Isis infligge alla popolazione”, risponderanno sicuramente i falchi. E, come per incanto, i mass media faranno vedere le foto di orrori dell'Isis finora inediti – nuove decapitazioni o altre distruzioni di patrimoni culturali – per convincere l'opinione pubblica italiana a non opporsi al ricorso alla guerra.

    Mentre, in realtà, per sconfiggere l'Isis, non serve la guerra.

    Anzi, la guerra serve solo ad aumentare le fila dell'Isis, facilitando il reclutamento di nuovi combattenti jihadisti.

    Inoltre le guerre colpiscono i soli esecutori materiali, i guerriglieri, mentre, per stroncare l'Isis totalmente, bisognerebbe colpirne i mandanti. Altrimenti, se lasciati intoccati, i mandanti fanno presto a reclutare nuovi esecutori materiali. Tutto questo, l'Italia dovrebbe saperlo bene, avendolo appreso dalla sua lotta sistematica e ultra-ventennale alla mafia. Non è possibile stroncare il fenomeno mafioso in una determinata zona arrestando i picciotti soltanto; bisogna arrivare ai mandanti.

    Per sconfiggere l'Isis, infatti, basterebbero pochi provvedimenti – purché realmente applicati – diretti ai mandanti, come i seguenti:

    1. vietare alle industrie d'armamento di Brescia e del Veneto di esportare armi che possono finire, anche indirettamente, nelle mani dell'Isis. L'osservatorio OPAL ha documentato, ad esempio, come le esportazioni italiane di armi alla Turchia siano passate da due a sette milioni di euro, un aumento di tre volte e mezzo, da quando in Siria si sono impiantate le varie formazioni dei guerriglieri. E sono noti i collegamenti tra turchi e Isis lungo il confine siriano. L'Italia deve perciò prenderne atto e ridimensionare le sue esportazioni di armi verso la Turchia, nonché verso le altre regioni confinanti. Inoltre l'Italia deve uscire dal Gruppo di Londra (gli ex “Amici della Siria”), la combriccola che coordina la consegna delle armi nel Levante – persino a gruppi designati “terroristi” dagli USA;

    1. sanzionare i paesi che forniscono, direttamente all'Isis, non solo armi ma furgoncini, attrezzature di telecomunicazioni, divise... insomma, tutto quello di cui necessita un esercito moderno. I capofila di questi paesi sono l'Arabia Saudita e il Qatar;

    1. sanzionare i paesi che consentono all'Isis di incassare i finanziamenti sauditi e qatarioti in danaro liquido per poter pagare gli stipendi dei propri mercenari – in particolare il Kuwait, che lascia passare il denaro attraverso la sua Banca Centrale;

    Già questi tre provvedimenti basterebbero per eliminare l'Isis, senza sparare un colpo o sganciare una bomba.

    Ma si potrebbe fare anche di più, ad esempio:

    1. sanzionare i paesi che comprano i tesori archeologici rubati dall'Isis nonché il petrolio che l'Isis ruba agli impianti siriani ed iracheni caduti nelle sue mani e che poi vende sottocosto sul mercato nero – qui la lista dei paesi da sanzionare sarebbe lunga e comprenderebbe alcuni ben conosciuti al lettore;

    1. sanzionare i paesi che forniscono servizi ospedalieri ai guerriglieri dell'Isis, trasportando i loro feriti (ma non i civili feriti che si trovano nella medesima zona di guerra) dalla Siria fino ai propri ospedali e poi, una volta riabilitati, rimandandoli indietro in Siria a combattere per l'Isis  -- segnatamente Israele;

    1. sanzionare i paesi che permettono il continuo transito sul proprio territorio, e il passaggio verso i territori controllati dall'Isis, di lunghissime carovane di Tir carichi di viveri – nella fattispecie, la Turchia. E che dire degli USA, la cui aviazione si guarda bene dal bombardare quelle carovane, perfettamente visibili, ad esempio, mentre attraversano i valichi?

    Anzi, che dire degli USA, i cui esponenti di rilievo ammettono di aver creato i tagliagole dell'Isis – anzitutto per rovesciare Assad in Siria e poi per cacciare al Maliki dal potere in Iraq e frammentare il paese per meglio dominarlo. Per convincersene, basta digitare in YouTube Isis Hillary Clinton, oppure Isis General Wesley Clark oppure Isis John McCain. Perciò, l'ultimo provvedimento utile per eliminare l'Isis sarebbe quello di: 

         7.  deferire davanti alla Corte penale internazionale (CPI) dell'Aia per crimini contro l'umanità i paesi oggettivamente responsabile per la creazione e il foraggiamento dell'Isis. Prove obiettive di colpa per l'”istigazione alla guerra civile” (reato internazionale) abbondano: ad esempio, i leader sauditi e qatarioti si sono spesso vantati in pubblico del loro interventismo.

     

    Conclusione

    Il Parlamento italiano viene chiamato in questi giorni ad autorizzare o meno la cobelligeranza italiana in Iraq. E' dunque il momento ideale, per pacifisti e per chiunque, di sollevare le domande scottanti che normalmente i mass media tenderebbero a censurare. Eccone quattro – e ce ne sono molte altre.

    Riterrà il Parlamento italiano che la creazione del gruppo terrorista Isis da parte degli Stati Uniti – nonché la loro creazione del gruppo terrorista al Qaeda in Afghanistan per rovesciare l'allora governo filo-sovietico – conferisca loro d'ufficio la designazione di “Stato Terrorista”? E, in caso affermativo, quali provvedimenti vorrà il Parlamento adottare contro gli USA in conseguenza di tale designazione?

    Vorrà il Parlamento italiano avere il coraggio di eliminare l'Isis alla radice, chiudendo i rubinetti dei soldi, delle armi, dei viveri, dell'assistenza e sanzionando i paesi che forniscono tutto ciò, ossia i paesi elencati qui sopra? Certo, esiste un organismo internazionale, il GCFI creatosi proprio a Roma il 19-20 marzo scorso, che dovrebbe fare questo lavoro. Il problema è che è composto in primo luogo proprio dei paesi elencati qui sopra, ossia i paesi che foraggiano l'Isis – proprio come lo è la Coalizione che pretende di “combatterlo”. Perciò, esattamente come i finti bombardamenti alleati contro l'Isis, il finto contrasto del CGFI ai finanziatori dell'Isis è servito a poco. O meglio, è servito solo per “dimostrare” l'estraneità dei paesi membri alla creazione e al foraggiamento dell'Isis, nonché per rassicurare l'opinione pubblica che qualcosa si sta facendo per eliminarlo. Siamo al sommo grado del doppiogiochismo;

    Riterrà il Parlamento italiano che, dal momento che l'Isis va sradicato usando mezzi economici e politici (non militari), i caccia e i soldati tricolore, attualmente dislocati in Iraq per scopi parabellici, vadano subito richiamati a casa? L'Italia non deve continuare a fare da “complice agli omicidi” che i suoi alleati stanno commettendo nel Levante. Se l'Italia vuole avere un pretesto per stare in Iraq onde tutelare i suoi interessi petroliferi laggiù, scelga la cooperazione economica, sociale e culturale, non la guerra;

    Infine, vorrà il Parlamento italiano avere il coraggio di dire al proprio elettorato che la responsabilità per gli orrori che vediamo nel Levante da quattro anni non è attribuibile in primo luogo al popolo siriano o al popolo iracheno, e nemmeno (totalmente) ai loro leader? Vorrà riconoscere che la responsabilità primaria è dell'Occidente? L'Occidente infatti, cacciato dal Medio Oriente cinque anni fa, ora cerca di tornarci:

    • destabilizzando la regione in vario modo – ultimamente con l'Isis – per avere la scusa di impiantare di nuovo le proprie basi militari (e ci sta riuscendo), e

    • frantumando l'Iraq e la Siria, geograficamente e demograficamente, in zone contrapposte, costantemente in guerra civile, aperta o strisciante. Il tutto per consentire un più facile dominio occidentale della regione (“tra due litiganti...”).

    Inoltre – e va pure detto all'elettorato, per quanto scottante – la frantumazione dell'Iraq e della Siria e il loro invischiamento in guerre civili striscianti, ha un ulteriore scopo: consente allo Stato israeliano di sbarazzarsi di altre due potenze regionali in grado di tenerle testa. (Israele ha già ottenuto la distruzione della Giamahiria Libica, nemico giurato, e sta attivamente perseguendo la destabilizzazione della Repubblica dell'Iran, così da avere mano libera nell'intera regione.)

    Un anno fa chi scrive ha già denunciato tutte queste nefandezze in un articolo su Peacelink intitolato “La III Guerra in Iraq è iniziata”, facendo alcune previsioni e raccomandando le misure indicate qui sopra (sanzioni, deferimenti). Purtroppo, 14 mesi dopo, le previsioni si sono rivelate esatte ma le raccomandazioni sono state totalmente ignorate. Ed ora? C'è chi vorrà riproporle mentre siamo ancora in tempo?

    Ecco, dunque, quattro quesiti scottanti che i pacifisti (e non) potranno rivolgere ai propri parlamentari durante questa pausa di riflessione.

    Il Parlamento ci ascolterà questa volta? Oppure sceglierà di timbrare d'ufficio la richiesta di cui il sig. Carter è stato il latore oggi: la cobelligeranza italiana in Iraq?

    La cobelligeranza significherà – ed ogni parlamentare deve esserne consapevole – far partecipare l'Italia alla crudele farsa dei “bombardamenti anti Isis”. Crudele perché, ancora una volta, causerà necessariamente morti, distruzioni, sfollamenti. Farsa perché questi bombardamenti sono programmaticamente, come già detto, di puro contenimento e forse neanche quello. Infatti, non hanno eliminato nessuno dei più importanti depositi e centri di comando dell'Isis, quelli che la Russia, invece, sta distruggendo ora – e sul serio – mettendo a nudo l'Operazione Anti Isis (ma sarebbe meglio chiamarla Operazione Big Bluff) del Pentagono.

    E' questo il ruolo che l'Italia vorrà svolgere nel mondo? Comparsa in una crudele ed inutile farsa?

    Ci auguriamo di no. L'Italia può fare di meglio. Questo articolo suggerisce alcuni provvedimenti anti Isis più efficaci delle bombe e che porrebbero pure fine all'intervento russo.  Ma se sembrano troppo radicali, non importa, ce ne saranno sicuramente altri: serve ora l'immaginazione al potere.

     

     

    Note:

    10-10-2015: è stato riscritto il punto 5 ("sanzionare i paesi che forniscono servizi ospedalieri..." per evitare gli equivoci segnalati da alcuni lettori. Inoltre è stato aggiunto il paragrafo in grassetto: "Inoltre le guerre colpiscono i soli esecutori materiali...".

    PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies