Latina

RSS logo

Mailing-list Latina

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • donazione ONLINE con carta di credito
  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

Lista Latina

...

Articoli correlati

Inaspettato esito del voto al Congresso

Uruguay: la Ley de Caducidad resta in vigore

Decisiva l'astensione di un deputato frenteamplista
22 maggio 2011 - David Lifodi

Un esito inaspettato e, per certi aspetti, incredibile, ha segnato la giornata del 20 Maggio in Uruguay: la Ley de Caducidad, sulla via dell'abrogazione in seguito al voto favorevole arrivato anche dal Senato nell'aprile scorso, continuerà a rimanere in vigore.

L'epilogo è arrivato dopo oltre quattordici ore di dibattito al Congresso uruguayano in cui 49 congressistas si erano schierati a favore dell'annullamento della legge e 49 contro. Il tema, in Uruguay, è stato da sempre oggetto di grandi discussioni poiché la Ley de Caducidad, detta anche Ley de Impunidad, varata nel 1986, concede l'amnistia ai militari legati alla dittatura e colpevoli di omicidi politici tra il 1973 ed il 1985. L'esito del voto resta inspiegabile perché il Frente Amplio, la coalizione di centrosinistra al governo del paese capeggiata dal presidente Pepe Mujica, aveva la possibilità di far cancellare la legge se tutti i suoi cinquanta congessistas avessero votato per l'abrogazione. Invece, a sorpresa, è stato proprio Víctor Semproni, deputato frenteamplista e soprattutto ex-guerrigliero che sotto il regime militare era stato anche torturato, a scegliere di astenersi, consentendo così alla Ley de Caducidad di non essere cancellata. Semproni ha motivato la sua scelta spiegando che non si sentiva di esprimersi contro la volontà popolare, favorevole a maggioranza al mantenimento della legge nelle due consultazioni del 1989 e del 2009. Resta da capire, inoltre, l'atteggiamento di Mujica, anche lui ex-tupamaro per anni nelle mani degli aguzzini della dittatura. Secondo alcuni il presidente aveva chiesto a Semproni di votare per l'annullamento della legge, attenendosi quindi alle direttive del Frente Amplio, altri invece sostengono che lo stesso Mujica non intendesse invalidare la Ley de Caducidad per equilibrare così l'amnistia concessa agli ex-guerriglieri. Di certo c'è che Semproni è stato accusato di disobbedienza di fronte ad un ordine di partito, e, soprattutto, che i circa settemila prigionieri politici torturati durante gli anni del regime militare non hanno ottenuto giustizia. Solo nel 2015, con il cambio di legislatura, si potrà tornare a parlare di eventuale annullamento per la Ley de Caducidad. La reazione dei familiari dei desaparecidos è consistita nell'urlare "traditori" ai congressistas non appena conosciuto l'esito della votazione. Tra l'altro, l'esito del voto è doppiamente oltraggioso per i parenti degli scomparsi e per la società civile uruguayana poiché, proprio il 20 maggio di ogni anno, a Montevideo viene organizzata una marcia in memoria dei desaparecidos. La manifestazione, lanciata per la prima volta nel 1995, intende ricordare l'assassinio di Zelmar Michelini ed Héctor Gutierrez (personalità di primo piano del Frente Amplio e del Partido Nacional) ed i tupamaros Rosario Barredo e William Whitelaw, uccisi il 20 Maggio 1976 durante il loro esilio a Buenos Aires. L'esito del voto lascia perplessi anche per il parere espresso, in rapida successione, sia dalla Corte Suprema di Giustizia sia dalla Corte Interamericana per i Diritti Umani: entrambe avevano giudicato l'Uruguay responsabile per la sparizione di María Claudia García, nuora del poeta argentino Juan Gelman. Un elemento in più che sembrava spingere Congresso e, più in generale, l'opinione pubblica, verso l'annullamento della Ley de Caducidad.

Purtroppo il 2015 è ancora lontano e l'Uruguay ha perso un'occasione storica per fare i conti con il proprio passato 

Note:

Articolo realizzato da David Lifodi per www.peacelink.it
Il testo è liberamente utilizzabile a scopi non commerciali citando la fonte e l'autore.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy