PeaceLink Abruzzo

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • Conto Corrente Bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Abruzzo, non è la 'ndrangheta che mancava, è la coscienza diffusa che manca

    Abruzzo, non è la 'ndrangheta che mancava, è la coscienza diffusa che manca

    La recente scoperta di una vera e propria rete ‘ndranghetista, che ha cercato di dominare e opprimere la città di Francavilla e il circondario, è l’ultima (in ordine di tempo) dimostrazione che l’Abruzzo “isola felice” (come già scritto mesi fa) esiste solo nelle menti ipocrite di chi non vuol vedere, di chi vuol cullarsi in una pax borghese e disinteressata alle sorti comuni. La realtà dell’Abruzzo è questa da tantissimi anni.
    4 marzo 2017 - Alessio Di Florio
  • Sanità abruzzese, uscita dal commissariamento. Scusate ma non si riesce a festeggiare ...

    Sanità abruzzese, uscita dal commissariamento. Scusate ma non si riesce a festeggiare ...

    Grande enfasi ha accompagnato nei giorni scorsi la notizia dell’uscita ufficiale dell’Abruzzo dal commissariamento sulla sanità post-sanitopoli. Dall’attuale alla precedente maggioranza quasi una corsa ad accreditarsi i meriti dell’uscita da quello che è stato definito un tunnel. Ma per i cittadini, i malati, i meno abbienti di questa Regione purtroppo non c’è nulla da festeggiare. Perché per loro dal tunnel non c’è nessun uscita, ieri, oggi, e ancora domani e in futuro resta un calvario infinito, un peso enorme quotidiano.
    20 settembre 2016 - Alessio Di Florio
  • Cara Pina ...

    Cara Pina ...

    Un ricordo di Pina Maisano, la vedova dell’imprenditore Libero Grassi assassinato dalla mafia nel 1991 per essersi ribellato al racket, scomparsa il 7 giugno scorso
    18 giugno 2016 - Arianna Tascone
  • Pippo e Peppino sono vivi, i morti sono altri
    Un 5 gennaio nasceva Peppino Impastato, un 5 gennaio la mafia assassinava Pippo Fava

    Pippo e Peppino sono vivi, i morti sono altri

    La “commemor-azione”, il ricordare proseguendo sul cammino su cui ci hanno preceduto, è l’unica rispettosa e degna. Oggi come tutto l’anno Peppino e Pippo non devono essere santi per laici altari ma “fuoco che deve arderci dentro”.
    5 gennaio 2016 - Alessio Di Florio

Operazione dei carabinieri contro lo spaccio di una “nuova droga”

Le organizzazioni criminali sono fortemente radicate e riescono a coinvolgere sempre nuove leve e ad incrementare i loro traffici con sostanze sempre più pericolose e prima non presenti. Tentano quindi di non farsi fermare dalle numerose inchieste di questi anni e dallo smantellamento di numerose reti criminali presenti nel Vastese.
23 agosto 2014 - Alessio Di Florio

Emergono nuovi particolari sulla  recente operazione antidroga “Scirne – New Drug”  che ha portato all’arresto di un giovanissimo, accusato di essere il fornitore di una nuovissima droga il cui principio attivo, la Monoacetilmorfina, è entrata nelle tabelle ministeriali degli stupefacenti solo nel marzo scorso. Le indagini si erano concentrate soprattutto nel territorio di Scerni, in Abruzzo, dove i carabinieri avevano notato che, nostante i numerosi arresti che avevano colpito i maggiori referenti locali, il traffico di stupefacenti appariva ancora florido e attivo. Il 30 luglio scorso le indagini si concludevano con la perquisizione presso l’abitazione a San Salvo del ragazzo poi arrestato.

Alla luce soprattutto di quanto già accaduto nell’ultimo anno, questa nuova inchiesta delinea un quadro preoccupante della situazione nel vastese. Per la seconda volta in 24 mesi vengono condotte due inchieste dai risultati speculari: un giovanissimo viene arrestato per essere considerato il perno dello spaccio di uno stupefacente per la prima volta “scoperto” nel territorio. L’estate di due anni fa l’operazione “Il Pescatore” aveva portato all’arresto di un ragazzo di soli 24 anni, considerato il perno dello spaccio del cobret (un derivato dell’eroina), e di altri ragazzi tutti sono i 30 anni. Le organizzazioni criminali sono fortemente radicate e riescono a coinvolgere sempre nuove leve e ad incrementare i loro traffici con sostanze sempre più pericolose e prima non presenti. Tentano quindi di non farsi fermare dalle numerose inchieste di questi anni e dallo smantellamento di numerose reti criminali presenti nel Vastese.

Il traffico degli stupefacenti si è rivelato negli anni essere una delle “teste d’ariete” per penetrare nel territorio, consolidarsi e costruire un vero e proprio dominio. Lo testimonia, rimanendo alla cronaca degli ultimi anni, il ciclo di inchieste iniziato nel gennaio 2012 con l’operazione “Tramonto” e conclusosi 24 mesi dopo con l’operazione “Adriatico” che hanno portato a far emergere varie organizzazioni tutte facenti capo secondo gli inquirenti ad un esule di camorra residente a Gissi, Lorenzo Cozzolino,  che dopo l’arresto del 2012 ha iniziato a collaborare con gli inquirenti (decisive pare siano state le sue rivelazioni per il concludersi della seconda operazione) e con alcuni protagonisti riconducibili ai clan Vollaro e Di Lauro. In 10 anni oltre al traffico di droga le varie organizzazioni sono state attive in attentati, intimidazioni, tentati omicidi, egemonia criminale impostasi con violenza in tutta la costa da Francavilla a Vasto, per una rete che coinvolgeva varie zone del centro sud nelle province di Napoli, Salerno, Foggia, Latina e Ascoli Piceno, mentre alcuni “canali di approvvigionamento” erano addirittura in Olanda e Germania.

I proventi della droga vengono riciclati anche nell’economia (anche “legale”), permettendo ai sodalizi criminali di consolidarsi, agire in settori dell’economia come il ciclo del cemento o dello smaltimento dei rifiuti  e il prestito usuraio. Numerosi sono stati i sequestri di questi anni di immobili o terreni realizzati secondo magistrati e forze dell’ordine grazie a proventi di attività illecite. Nel 2007 furono sequestrati a Pizzoferrato riconducibili a “Sandokan” Schiavone. L’ultimo sequestro in ordine di tempo è di queste ore: immobili e terreni per un valore complessivo superiore ai 2 milioni di euro a 7 persone legate da uno “stretto vincolo parentale” e segnalate all’autorità giudiziaria che, secondo il Comando Provinciale dei Carabinieri di Chieti, erano “dediti in via continuativa e stabile alla commissione di reati in settori quali lo spaccio di sostanze stupefacenti, l’usura e le estorsioni”.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.6 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)