Operazione dei carabinieri contro lo spaccio di una “nuova droga”

Le organizzazioni criminali sono fortemente radicate e riescono a coinvolgere sempre nuove leve e ad incrementare i loro traffici con sostanze sempre più pericolose e prima non presenti. Tentano quindi di non farsi fermare dalle numerose inchieste di questi anni e dallo smantellamento di numerose reti criminali presenti nel Vastese.
23 agosto 2014

Emergono nuovi particolari sulla  recente operazione antidroga “Scirne – New Drug”  che ha portato all’arresto di un giovanissimo, accusato di essere il fornitore di una nuovissima droga il cui principio attivo, la Monoacetilmorfina, è entrata nelle tabelle ministeriali degli stupefacenti solo nel marzo scorso. Le indagini si erano concentrate soprattutto nel territorio di Scerni, in Abruzzo, dove i carabinieri avevano notato che, nostante i numerosi arresti che avevano colpito i maggiori referenti locali, il traffico di stupefacenti appariva ancora florido e attivo. Il 30 luglio scorso le indagini si concludevano con la perquisizione presso l’abitazione a San Salvo del ragazzo poi arrestato.

Alla luce soprattutto di quanto già accaduto nell’ultimo anno, questa nuova inchiesta delinea un quadro preoccupante della situazione nel vastese. Per la seconda volta in 24 mesi vengono condotte due inchieste dai risultati speculari: un giovanissimo viene arrestato per essere considerato il perno dello spaccio di uno stupefacente per la prima volta “scoperto” nel territorio. L’estate di due anni fa l’operazione “Il Pescatore” aveva portato all’arresto di un ragazzo di soli 24 anni, considerato il perno dello spaccio del cobret (un derivato dell’eroina), e di altri ragazzi tutti sono i 30 anni. Le organizzazioni criminali sono fortemente radicate e riescono a coinvolgere sempre nuove leve e ad incrementare i loro traffici con sostanze sempre più pericolose e prima non presenti. Tentano quindi di non farsi fermare dalle numerose inchieste di questi anni e dallo smantellamento di numerose reti criminali presenti nel Vastese.

Il traffico degli stupefacenti si è rivelato negli anni essere una delle “teste d’ariete” per penetrare nel territorio, consolidarsi e costruire un vero e proprio dominio. Lo testimonia, rimanendo alla cronaca degli ultimi anni, il ciclo di inchieste iniziato nel gennaio 2012 con l’operazione “Tramonto” e conclusosi 24 mesi dopo con l’operazione “Adriatico” che hanno portato a far emergere varie organizzazioni tutte facenti capo secondo gli inquirenti ad un esule di camorra residente a Gissi, Lorenzo Cozzolino,  che dopo l’arresto del 2012 ha iniziato a collaborare con gli inquirenti (decisive pare siano state le sue rivelazioni per il concludersi della seconda operazione) e con alcuni protagonisti riconducibili ai clan Vollaro e Di Lauro. In 10 anni oltre al traffico di droga le varie organizzazioni sono state attive in attentati, intimidazioni, tentati omicidi, egemonia criminale impostasi con violenza in tutta la costa da Francavilla a Vasto, per una rete che coinvolgeva varie zone del centro sud nelle province di Napoli, Salerno, Foggia, Latina e Ascoli Piceno, mentre alcuni “canali di approvvigionamento” erano addirittura in Olanda e Germania.

I proventi della droga vengono riciclati anche nell’economia (anche “legale”), permettendo ai sodalizi criminali di consolidarsi, agire in settori dell’economia come il ciclo del cemento o dello smaltimento dei rifiuti  e il prestito usuraio. Numerosi sono stati i sequestri di questi anni di immobili o terreni realizzati secondo magistrati e forze dell’ordine grazie a proventi di attività illecite. Nel 2007 furono sequestrati a Pizzoferrato riconducibili a “Sandokan” Schiavone. L’ultimo sequestro in ordine di tempo è di queste ore: immobili e terreni per un valore complessivo superiore ai 2 milioni di euro a 7 persone legate da uno “stretto vincolo parentale” e segnalate all’autorità giudiziaria che, secondo il Comando Provinciale dei Carabinieri di Chieti, erano “dediti in via continuativa e stabile alla commissione di reati in settori quali lo spaccio di sostanze stupefacenti, l’usura e le estorsioni”.

Articoli correlati

  • Ricordando la strage di via D'Amelio
    Pace
    Una lotta che non abbiamo mai abbandonato

    Ricordando la strage di via D'Amelio

    Pensai, come tutti, che la mafia stava sterminando i migliori tra i nostri compagni che non eravamo stati capaci di difendere. E pensai, come tutti, che occorreva resistere. Pensai ai resistenti di Stalingrado che salvarono l'umanità dal trionfo hitleriano.
    18 luglio 2020 - Peppe Sini
  • Perché ricordare Aldo Moro
    Caso Moro
    Il 9 maggio del 1978 fu eliminato uno statista inviso agli Stati Uniti e che aveva parlato troppo

    Perché ricordare Aldo Moro

    PeaceLink ha dedicato uno spazio ad Aldo Moro. Esplorate questo spazio di informazione e scoprirete che ciò che vi hanno detto per tanti anni non è tutta la verità e in certi casi non è la verità.
    9 maggio 2020 - Alessandro Marescotti
  • Peppino vive!
    Editoriale
    In memoria di un giovane coraggioso che lottò contro la mafia

    Peppino vive!

    Il 9 maggio 1978 fu assassinato Peppino Impastato e nello stesso giorno venne ritrovato il corpo senza vita di Aldo Moro
    8 maggio 2020 - Laura Tussi e Fabrizio Cracolici
  • Non abbandoniamo l'Italia
    Sociale
    La solidarietà nella pandemia da coronavirus

    Non abbandoniamo l'Italia

    In Italia le persone muoiono come mosche e la Germania tentenna fino al punto che provare imbarazzo per qualcun altro non è più un’espressione figurata
    13 aprile 2020 - Petra Reski
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)