Non conosciamo le nostre più antiche organizzazioni criminali

'Ndrangheta Velata

L'obiettivo principale della 'Ndrangheta è il riciclaggio di denaro per avere più potere nella società civile. Come mai fermarla non è uno degli obiettivi prioritari dei nostri Governi?
15 marzo 2021

Il Santuario della Madonna della Montagna a Polsi, dove ogni anno si riuniscono i capi di 'Ndrangheta (Nicaso e Gratteri, immagini dal documentario "Infinito crimine. Indagine sulla 'Ndrangheta" di Matteo Minissi)

Forse ancora non conosciamo le nostre ormai antiche organizzazioni criminali, o piuttosto molti agiscono come se non le conoscessero.

Inquirenti e storici che la studiano sanno che l'obiettivo principale della 'Ndrangheta è il riciclaggio di denaro, che le consente di espandere sempre più il suo potere. Conoscerlo serve a prevenire e contrastare l'egemonia economica che ne alimenta il potere.

La 'Ndrangheta analizza il comportamento sociale. Sa che, fino a quando ci sarà una "domanda" di illegalità, ci sarà spazio per accrescere la sua influenza e per occupare la società civile. 

La 'Ndrangheta è inondata da fiumi di danaro provenienti dal traffico della droga in tutto il mondo. Ha un bisogno sempre urgente di riciclare enormi volumi di danaro (a volte cartamoneta che riempie intere stanze). Da sole le famiglie criminali non potrebbero riciclare in modo sofisticato. La stessa usura, la più rozza forma di riciclaggio, ha come fine l'appropriazione delle attività imprenditoriali e agricole conculcate, che trasformerà in strumenti di moltiplicazione di fatture attraverso operazioni inesistenti anche a costo di pagare altissime imposte. 

La 'Ndrangheta ha bisogno di relazioni. Purtroppo ci sono consulenti finanziari, commercialisti e imprenditori disposti a favorire la transizione di capitali da un'economia illegale a quella legale, e anche politici e funzionari pubblici. L'interesse dell'organizzazione criminale è ovvio. Sorprende invece l'accresciuta domanda di illegalità dimostrata dall'aumento vertiginoso delle segnalazioni di operazioni finanziarie sospette raccolte dalla Banca d'Italia, attraverso il servizio di informazione finanziaria (che è ora l'Unità centrale antiriciclaggio). C’è insomma un’ampia fascia di soggetti appartenenti a varie categorie professionali - e spesso alla Massoneria - che senza subire minaccie o pressioni collabora ad operazioni illecite o le asseconda, una fascia grigia complice e omertosa, spesso potente. Questo quando non si stiano in realtà  verificando veri e propri ingressi all'interno dell'organizzazione.

I tempi sono maturi per comprendere che queste attività criminali sono tutt’altro che lontane dalle nostre vite, non solo a causa delle droghe pericolose importate nelle nostre piazze e nelle nostre case. Uomini della 'Ndrangheta si insinuano nelle amministrazioni pubbliche, seducono e aggrediscono gli operatori economici, colonizzano le nostre scelte di vita e culturali. E' successo anche lontano dalla Calabria in cui la ‘Ndrangheta è nata: in Lombardia, in Svizzera, in Germania. Qui - come sanno bene e spiegano gli inquirenti italiani - è più difficile notare e decodificare i comportamenti con cui gli ‘ndranghetisti preparano il terreno per le loro operazioni, o le stesse parole che utilizzano. Ma indagini difficoltose a parte, sembra inconcepibile, ed estremamente pericoloso per tutti noi, che la ‘Ndrangheta sia riuscita a fare riciclare ad importanti banche europee e americane miliardi di dollari provenienti dal mercato della droga (HSBC, Deutsche Bank,  Bank of America, Wachowia).

"Infinito crimine. Indagine sulla 'Ndrangheta", documentario del 2018 visibile su Rai Play

Sorprende anche così poca informazione sulle indagini del Procuratore della Repubblica Nicola Gratteri e sul maxi-processo in corso a Catanzaro, con centinaia di imputati e arresti.

Come mai fermare la ‘Ndrangheta, prima che diventi padrona oscura delle nostre vite e persino dei proventi del nostro lavoro, non è ancora uno degli obiettivi e dei compiti prioritari, per quanto ci compete da più vicino, degli Stati europei e dei Governi italiani?

Infinito crimine. indagine sulla 'Ndrangheta (Rai play)

"Infinito crimine. Indagine sulla 'Ndrangheta" è un documentario realizzato nel 2018, avvalendosi delle interviste e dell'esperienza del Procuratore della Repubblica di Catanzaro Nicola Gratteri e del giornalista e storico dei fenomeni di mafia Antonio Nicaso

https://www.raiplay.it/programmi/infinitocrimineindaginesullandrangheta

Articoli correlati

  • Ecoreati: non fermate i processi!
    Ecologia
    Firma la petizione al Governo e al Parlamento

    Ecoreati: non fermate i processi!

    Vogliamo raccogliere le voci di cittadini e associazioni per chiedere una modifica della legge che salvi i grandi processi per disastro ambientale e per altri gravi ecoreati. Il rischio della riforma Cartabia è quello di vanificare l'impegno dei magistrati nella lotta agli ecoreati.
    30 luglio 2021 - Associazione PeaceLink
  • Questa riforma va in senso esattamente contrario al sogno di giustizia di Paolo Borsellino
    Sociale
    Riforma della giustizia

    Questa riforma va in senso esattamente contrario al sogno di giustizia di Paolo Borsellino

    Siamo purtroppo alle Termopili, è una battaglia disperata ma le battaglie, se giuste, se sacrosante, vanno in ogni caso combattute ed è quello che faremo, chiamando a raccolta la Società Civile, fino alla fine.
    30 luglio 2021 - Salvatore Borsellino
  • Una riforma che favorirà l'impunità a molti inquinatori, alle cosche mafiose e alla malapolitica
    Editoriale
    Appello alla società civile

    Una riforma che favorirà l'impunità a molti inquinatori, alle cosche mafiose e alla malapolitica

    PeaceLink si associa al grido di allarme che proviene dal mondo della magistratura ed esprime forti timori rispetto alla riforma della giustizia. Se non siete d'accordo sulla riforma della giustizia condividete questo testo
    23 luglio 2021 - Associazione PeaceLink
  • Perché ricordare Aldo Moro
    Caso Moro
    Il 9 maggio del 1978 fu eliminato uno statista inviso agli Stati Uniti e che aveva parlato troppo

    Perché ricordare Aldo Moro

    PeaceLink ha dedicato uno spazio ad Aldo Moro. Esplorate questo spazio di informazione e scoprirete che ciò che vi hanno detto per tanti anni non è tutta la verità e in certi casi non è la verità.
    9 maggio 2020 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)