PeaceLink Abruzzo

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Italia sotto inchiesta

    Italia sotto inchiesta

    Dal libro pubblicato da Meltemi Editore alla commemor-azione di Peppino Impastato impegnandoci quotidianamente
    9 giugno 2018 - Alessio Di Florio
  • Abruzzo, non è la 'ndrangheta che mancava, è la coscienza diffusa che manca

    Abruzzo, non è la 'ndrangheta che mancava, è la coscienza diffusa che manca

    La recente scoperta di una vera e propria rete ‘ndranghetista, che ha cercato di dominare e opprimere la città di Francavilla e il circondario, è l’ultima (in ordine di tempo) dimostrazione che l’Abruzzo “isola felice” (come già scritto mesi fa) esiste solo nelle menti ipocrite di chi non vuol vedere, di chi vuol cullarsi in una pax borghese e disinteressata alle sorti comuni. La realtà dell’Abruzzo è questa da tantissimi anni.
    4 marzo 2017 - Alessio Di Florio
  • Sanità abruzzese, uscita dal commissariamento. Scusate ma non si riesce a festeggiare ...

    Sanità abruzzese, uscita dal commissariamento. Scusate ma non si riesce a festeggiare ...

    Grande enfasi ha accompagnato nei giorni scorsi la notizia dell’uscita ufficiale dell’Abruzzo dal commissariamento sulla sanità post-sanitopoli. Dall’attuale alla precedente maggioranza quasi una corsa ad accreditarsi i meriti dell’uscita da quello che è stato definito un tunnel. Ma per i cittadini, i malati, i meno abbienti di questa Regione purtroppo non c’è nulla da festeggiare. Perché per loro dal tunnel non c’è nessun uscita, ieri, oggi, e ancora domani e in futuro resta un calvario infinito, un peso enorme quotidiano.
    20 settembre 2016 - Alessio Di Florio
  • Contro mafie e potentati non si costituiscono altri poteri ma ribellioni colorate e senz’indugio

    Contro mafie e potentati non si costituiscono altri poteri ma ribellioni colorate e senz’indugio

    Continueremo a fare delle nostre vite poesie, fino a quando libertà non verrà declamata sopra le catene spezzate di tutti i popoli oppressi (Vittorio Vik Utopia Arrigoni)
    17 maggio 2016 - Alessio Di Florio

Piccola borghesia ...

“Vecchia piccola borghesia per piccina che tu sia non so dire se fai più rabbia, pena, schifo o malinconia … Ami ordine e disciplina, adori la tua Polizia tranne quando deve indagare su di un bilancio fallimentare. Sai rubare con discrezione meschinità e moderazione alterando bilanci e conti fatture e bolle di commissione. Sai mentire con cortesia con cinismo e vigliaccheria hai fatto dell’ipocrisia la tua formula di poesia … Sempre pronta a pestar le mani a chi arranca dentro a una fossa sempre pronta a leccar le ossa al più ricco ed ai suoi cani …” (Claudio Lolli)
19 settembre 2018 - Alessio Di Florio (Associazione Antimafie Rita Atria, PeaceLink Abruzzo)

3 scimmiette

Trova periodicamente grande successo la frase di Umberto Eco contro i social e le legioni di imbecilli a cui hanno dato parola. Successo ovviamente su facebook. Non sono d’accordo con il senso delle parole di Eco, e non riesco a vedere i social negativamente. Perché, in realtà, ci fanno un grandissimo favore. Fanno emergere tutta la pavidità, il servilismo, l’omertà, l’accondiscendenza dei soggetti che infestano l’agorà. I social, come disse qualcuno, permettono di separare il grano dalla pula. Vedeteli certi soggetti, la loro frenesia nell’ostentare vizi e lussi e prestarsi come eco a qualsiasi cazzata di ogni latitudine. Scivola un gatto su una buccia di banana in Perù e sulle loro pagine facebook lo scoprirete, succedete qualsiasi cosa ad altra latitudine (che sia pure un banale scontro tra un carretto e un triciclo) e loro pubblicano il link. Poi il marcio del marcio bussa vicino alle loro porte, inonda le strade che percorrono. E cala il silenzio, il silenzio più totale. E quindi la minima notizia sugli stupefacenti a Canicattì desta, la mega operazione anti droga vicino casa addormenta. La plastica nell’Oceano pacifico (per carità, ovviamente lungi da me il voler negare un’emergenza mondiale terribile) mobilita megafoni social, per la devastazione e il sacco ambientali vicino casa balbettii di circostanza e silenzi. Tutti moralisti e forcaioli ma se gli uomini (ammesso e non concesso che si possano definire tali) bestia stanno sulla porta accanto si sprecano i “poveri ragazzi”, “ma sono bravi ragazzi”, “sono tutte vittime, anche loro” e amenità simili.

 

Antonio Gramsci lo definiva sovversivismo delle classi dirigenti, lo storico Umberto Santino già decenni fa descrisse la borghesia mafiosa, il “senso comune” nella sua pavidità, leccaculismo e servilismo che le leggi per gli altri si applicano, per gli amici (e Peppino Impastato aggiunse e gli amici degli amici e gli amici degli amici degli amici) – dei padroni, dei ricchi e dei pre-potenti – si interpretano. E quindi davanti a loro tappeti rossi, rassicurazioni (anche, se non soprattutto, “democratiche e progressiste”), passerelle, subito tutti sull’attenti. E se poi da lor signori ci scappa il tentativo di intimidire cittadini nell’esercizio di un loro diritto, rassicurano i signorotti e ai cittadini stessi frappongono burocrazia, cavilli, negano l’evidenza innegabile anche davanti a quasi certi abusi. Arrivano persino a non riuscire a trovare le loro stesse pratiche, anzi i numeri.

Ma, come già detto, per gli “amici” e i pre-potenti la legge non si applica ma si interpreta e la schiena dritta torna ad essere solo un problema ortopedico e i cappelli trovano tanti venti per scender giù …

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.10 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)