presentazione

25 Aprile – Presentazione della nascita dell’Associazione Udik. - Unione Donne Italiane e Kurde

25 aprile 2022
ore 10:00 (Durata: 10 ore)

"Jin Jyian Azadì" è il grido delle donne del Kurdistan che abbiamo conosciuto nel corso della guerra contro l’Isis: Donna Vita Libertà. Questa stesse parole possono ben rappresentare anche la lotta delle donne della Resistenza italiana. Udik, Unione Donne Italiane e Kurde nasce dall’incontro di donne che conoscono la Resistenza e credono nei suoi valori.

La Resistenza italiana ha portato la libertà. I suoi insegnamenti devono essere custoditi per sempre, sono radici preziose di democrazia, di uguaglianza e di rispetto e valorizzazione dei diritti di tutte le minoranze. 

La Resistenza kurda continua da un secolo. Alla caduta dell’Impero Ottomano con la fine della I Guerra Mondiale segue la nascita di 27 stati nazionali ma non del Kurdistan. Per dividersi i profitti del suo petrolio, appena scoperto nell’area di Kirkuk, le potenze occidentali spartiscono la Mesopotamia tra Turchia e Siria e inventano un nuovo stato, l’Irak. Il popolo kurdo si trova così ad essere minoranza nella propria terra e sottoposto ad atroci pratiche di genocidio e di annientamento culturale. Ma non si arrende nonostante tutti gli orrori.  Il mondo ha conosciuto la forza delle donne del Kurdistan soltanto a causa dell’invasione dell’Isis in Irak e Siria, ma la partecipazione delle donne alla Resistenza fa parte di una antica tradizione. Tra i peshmerga (“Davanti alla morte”, i partigiani in Irak e Iran) ci sono state sempre anche donne, e come nella Resistenza italiana, oltre alle donne combattenti molte sono quello che partecipano con preziose attività di supporto.

Udik vede dunque la collaborazione tra donne italiane e donne kurde (in particolare del KRG-Governo regionale del Kurdistan, che ha conquistato una propria autonomia in Irak) per l’affermazione dei valori di libertà, solidarietà e pace.  Tra i suoi scopi, far conoscere la tragica storia e la cultura di questo grande popolo senza stato e offrire concreto aiuto alle donne di diverse etnie e religioni, fuggite anni fa dall’aggressione dell’Isis e oggi dalle bombe della Turchia, che vivono nei campi profughi del Kurdistan.

Le compagne italiane e kurde hanno voluto far nascere Udik nel mese di aprile (iscrizione in data 11/04/22), con l’intento di poterla ufficializzare il giorno della Liberazione a Casa Cervi: nella Casa che è simbolo di martirio e di vittoria,  ricordando  la   Resistenza che ieri ha rifondato il nostro paese e che oggi continua nella lotta del popolo kurdo per la libertà,  la  giustizia, la pace.

Evento in diretta streaming su https://fb.watch/cBOupk-Y4l/

Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

  • ago
    29
    lun
    evento

    Giornata internazionale contro i test nucleari

    Giornata internazionale contro i test nucleari
    Fin da quando è stata istituita nel 2009 dall'Assemblea delle Nazioni unite, la Giornata prevede attività ed eventi che contribuiscono a ...
  • set
    4
    dom
    festa

    Seconda Festa Nazionale della rivista "Cumpanis"

    Piazza Albertelli, 10 - Falconara (AN)
    Seconda Festa Nazionale della rivista internazionalista, antimperialista e comunista "Cumpanis", che quest'anno si terrà a Castelferretti ...
  • set
    30
    ven
    evento

    La notte dei ricercatori

    La notte dei ricercatori
    8 progetti in Italia I ricercatori di tutti i Paesi dell'Ue torneranno a incontrare la società civile per diffondere la cultura scientifica e le ...

Mappa

Eventi dei prossimi giorni

Ricerca eventi

Dal sito

  • Conflitti
    "Condurre una guerra in un paese con reattori nucleari operativi non è mai accaduto e rompe un tabù"

    Appello di IPPNW sugli attacchi alla centrale di Zaporizhzhia

    L'appello dai medici di IPPNW ai governi rappresentati alla Conferenza di Revisione del TNP, affinché venga fatto ogni sforzo per evitare attacchi militari alle centrali nucleari. E' la risposta urgente e decisa alla situazione critica presso la centrale ucraina di Zaporizhzhia.
    13 agosto 2022 - Roberto Del Bianco
  • Latina
    Dal sogno dei grandi eventi a Bolsonaro

    Quando c’era Lula…

    Ivan Grozny Compasso ripercorre la storia del Brasile dal Mondiale di calcio (2014) e dalle Olimpiadi (2016), su cui avevano scommesso Lula e Dilma Rousseff, fino all’incubo bolsonarista
    10 agosto 2022 - David Lifodi
  • MediaWatch
    Lettera a Repubblica

    Non esiste nessuna direttiva UE che obbliga a versare il 2% del proprio PIL alla Nato

    Fact-checking su un articolo di Furio Colombo dal titolo "Incoerenza dei nuovi pacifisti" in cui si legge: "Il governo italiano, per una direttiva dell’Unione Europea, ha deciso un aumento di spesa militare italiana del 2 per cento".
    10 agosto 2022 - Carlo Gubitosa
  • Processo Ilva
    La condanna in primo grado del 31 maggio 2021

    Ben 270 anni di carcere: la sentenza della Corte d'Assise per il processo ILVA

    La Corte d'Assise, presieduta da Stefania D'Errico, ha inflitto 21 anni e 6 mesi all'ex responsabile delle relazioni istituzionali, Girolamo Archinà, 21 anni all'ex direttore dello stabilimento di Taranto, Luigi Capogrosso. Condannato anche l'ex presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola
    Valentina Errante
  • Ecologia
    Health Impact Assessment of the steel plant activities in Taranto as requested by Apulia Region

    Valutazione dell’impatto sanitario delle attività dell'impianto siderurgico di Taranto

    Lo studio è stato richiesto dalla Regione Puglia all'OMS. E' del giugno 2021. Nelle conclusioni si legge: "Gli impatti prevedibili di mortalità sono di 5 morti l'anno nello scenario più favorevole", ossia nel caso di adozione delle migliori tecnologie disponibili prescritte con l'AIA.
    12 gennaio 2022
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)