festa

Pensare globalmente e agire localmente

9 ottobre 2004
ore 16:30

Finalmente il parco giochi e area di svago di Settimo Rottaro è diventato realtà. Dopo un lungo percorso durante il quale abbiamo cercato di trovare una sistemazione dell’area che risultasse consona alle esigenze di tutti i futuri fruitori della struttura potremo finalmente dare vita alla cerimonia di inaugurazione domenica 10 ottobre alle ore 10 presso l’area stessa. Il percorso è stato lungo e complesso soprattutto per la volontà dell’Amministrazione di condividere il più possibile le scelte progettuali. Dagli iniziali concorsi per bambini e per professionisti del settore siamo passati ad un esperimento di “progettazione partecipata” che ha reso protagonisti i bambini delle scuole elementari. Essendosi trattato di un’esperienza faticosa ma molto interessante, replicabile in altri rami della Pubblica Amministrazione, abbiamo pensato di divulgarla, aggregandole altre esperienze analoghe messe in atto da comuni, enti, associazioni, tramite una tavola rotonda con dibattito che avrà luogo presso il salone pluriuso del municipio sabato 9 ottobre alle ore 16,30.
L’idea di incontrare altri soggetti che hanno posto in essere “buone pratiche amministrative” nasce dalla consapevolezza che un numero sempre maggiore di persone avverte una sorta di impotenza nei confronti di poteri sovrastanti quali l’economia e la politica che spesso paiono non garantire una gestione della “res publica” realmente democratica. Oggi viviamo una fase storica dove la tendenza all’individualismo e all’egoismo delle persone crea dei fenomeni di allontanamento dalla politica, non più intesa come il continuo tentativo di realizzare una società migliore fondandosi sui pilastri dell’etica collettiva e della solidarietà, bensì come un fenomeno astratto nel quale il cittadino comune non può minimamente incidere. Il mondo sta cambiando velocemente e l’impressione è che gli unici a non accorgersene sono i componenti di una classe partitica sempre più autoreferenziata. La gente comune è spiazzata, non si sente rappresentata nelle proprie istanze e non vuol più sentire parlare di politica confondendo la “politica per i cittadini” con la “politica dei partiti”. Partiti che paiono il simulacro di ciò che rappresentarono nel dopoguerra e che devono necessariamente ritornare ad occupare quel ruolo fondamentale che è stato loro assegnato di portatori di interessi collettivi. Non c’è molto tempo da perdere; bisogna rivalutare la funzione insostituibile della politica ma per fare questo bisogna essere chiari, farsi capire, essere coerenti altrimenti si rischia possa prendere il sopravvento un malcelato populismo che si nutre nella brodaglia mediatica approfittando della caduta libera del livello generale di istruzione. Qualcosa, finalmente, pare si stia muovendo; escono allo scoperto nuove ipotesi di gestione del bene comune, nuovi modi di intendere e di comprendere i fenomeni sociali che stanno modificando i nostri stili di vita, accomunati dall’estremo tentativo di ripristinare il primato della politica sull’economia. L’incontro che si terrà a Settimo Rottaro il 9 ottobre non ha la pretesa di insegnare niente a nessuno né tantomeno di esprimere delle certezze. Ciò che invece si prefigge è il tentativo di iniziare un percorso condiviso fatto di dialettica, di contaminazioni dal basso, di accettazione del diverso, di pace tra i popoli, di solidarietà e tolleranza che sappia farci trovare la capacità di rilanciare con forza e convinzione la volontà di cambiamento emersa dal Forum di Porto Alegre da chi crede che “un mondo diverso è possibile”. Considerandola di buon auspicio concludo con una citazione di Daniel Chodorkoff: “Non dubitate mai della capacità di un piccolo gruppo di persone di cambiare il mondo; è ciò che è sempre accaduto.”

Programma:
sabato 9 ottobre ore 16,30 presso il salone pluriuso municipale

Tavola rotonda e dibattito:
PENSARE GLOBALMENTE E AGIRE LOCALMENTE
“esperimenti di nuovi stili di vita nelle amministrazioni pubbliche”

- Coordinatore lavori e moderatore: Marco Boschini - Assessore del Comune di Colorno (PR) e autore del libro “Caro sindaco new global” (EMI)
Interverranno:
- Francesco Comotto – Sindaco di Settimo Rottaro – apertura dei lavori
- Gianluca Fioretti – Sindaco di Monsano (AN) – Biodiesel e olio di colza, pannelli solari, acquisto consociato di computer
- Luciano Burro – Assessore del Comune di Trezzano Rosa (MI) e co-autore del “Repertorio di materiali per la bioedilizia” (Maggioli) - Finanziamento tramite terzi per interventi di risparmio energetico, ESCO (Energy Service COmpanies)
- Paolo Macina – Consulente di Banca Etica – Microcredito e finanziamenti etici
- Andrea Moro – Responsabile dello sportello di Bioedilizia dell’Enviroment Park di Torino – L’architettura bioecologica nei piccoli comuni
- Ass. Ecoredia – Associazione dei Gruppi d’Acquisto Solidale del Canavese – Come contrastare e condizionare la grande distribuzione

L’Assessore alla Cultura e Politiche Sociali Gili Ausilia presenterà la proiezione del video “Anche i grandi sono stati bambini una volta” di Monica Falco della coop. “Il Triciclo” di Torino sul processo di progettazione partecipata attuato per la costruzione dell’area di svago di Settimo Rottaro.

Seguirà dibattito

Aperitivo offerto dall’Amministrazione Comunale con assaggio di prodotti tipici

Sarà presente l’Albero della Speranza con i prodotti di “Libera” – Associazioni, nomi e numeri contro le Mafie

Domenica 10 ottobre ore 10 presso l’area del parco giochi

In compagnia della banda musicale di Cossano Canavese
- Inaugurazione del parco giochi
- Intrattenimento per i bambini
- La Pro loco presenterà il programma della III edizione della sagra del "salam 'd patata" che si svolgerà nell'ultimo fine settimana di gennaio 2005. Presso lo stand gastronomico sarà possibile degustare piatti tipici a base di salam 'd patata e acquistare il prodotto insaccato appositamente per l'occasione.

Nei giorni di sabato e domenica saranno esposte presso il salone pluriuso del municipio le opere dell’artista Maria Giachetti
Saranno inoltre esposti gli elaborati dei concorsi di idee e il materiale della progettazione partecipata del parco giochi

Per maggiori informazioni:
Francesco Comotto
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Disarmo
    Il trattato TPAN ha raggiunto la sua attuazione

    Nucleare civile e militare: una bomba!

    Il trattato ONU TPAN per la proibizione delle armi nucleari il 22 gennaio 2021 entra in vigore, anche se ha dei limiti perché non è stato ancora né firmato, né ratificato da nessuno dei paesi che detengono l’arma nucleare
    17 gennaio 2021 - Laura Tussi
  • Latina

    Honduras, l'esodo della disperazione

    Anno nuovo, nuove carovane migranti, vecchi mali
    19 gennaio 2021 - Giorgio Trucchi
  • Editoriale
    Webinar di PeaceLink sul Trattato per la Proibizione delle Armi Nucleari (TPAN)

    Formare i docenti per educare al disarmo nucleare nelle scuole italiane

    Fra due giorni entra in vigore il TPAN. Sarà necessario un lavoro di ampia sensibilizzazione dell'opinione pubblica perché anche l'Italia aderisca. L'Educazione civica può diventare un'ora settimanale di formazione alla cittadinanza globale sulle tematiche dell'ambiente, della pace e del disarmo.
    20 gennaio 2021 - Alessandro Marescotti
  • Ecologia
    A pochi giorni dall'uccisione di Agitu emerge un'altra storia di una donna dedita alla pastorizia

    Una donna controcorrente, la Pastora di Altamura

    Una storia che fa il paio con quella di Agitu e anche in Puglia si tratta di una donna. La mia generazione è cresciuta convinta che la terra non fosse un lavoro adatto alle donne anche se già allora c'erano delle eccezioni ed ora le ragazze del ventunesimo secolo sono in prima linea.
    19 gennaio 2021 - Fulvia Gravame
  • Storia della Pace
    Installati nel 1960, furono smantellati dopo la Crisi di Cuba

    Le basi dei missili nucleari Jupiter in Puglia e Basilicata

    Le basi erano 10, di forma triangolare, con tre missili ognuna. Nell'ottobre del 1961 furono colpite quattro testate nucleari da fulmini, e in due casi venne attivato il processo fisico-chimico preliminare all'esplosione (che non avvenne). Un museo della pace e della memoria è oggi possibile
    Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.38 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)