conferenza

Tamburi di Pace

8 ottobre 2004
ore 21:00 (Durata: 2 ore)

“In questi giorni rimane poco spazio per sperare: il dolore è dappertutto”. Questa frase, da una lettera di Simona Pari ad un’amica pochi giorni prima del sequestro, rappresenta i sentimenti di tutti noi.
La guerra infinita di Bush e la tragica spirale di violenza fra eserciti e terrorismo islamico a danno delle popolazioni civili, in Iraq come in Cecenia, Darfur, Palestina,
provocano angoscia e sgomento ed allontanano sempre più la percezione di un futuro di pace per l´umanità.
Noi del Valdarnosocialforum che abbiamo sostenuto con forza l´idea, peraltro mai tramontata, di costruire la pace partendo da una consapevolezza personale, cerchiamo ora più che mai una via di speranza.
Per questo vogliamo proporre un incontro che ridia respiro a questo bisogno "chiamando" autorevoli esponenti del movimento pacifista e operatori di pace, testimoni d´importanti esperienze.
Il confronto tra esperienze differenti apporterà sicuramente stimoli per lavorare insieme alla costruzione di un percorso comune.

Interverranno:
Lisa Clark, Beati Costruttori di Pace, Associazione Statunitensi per la Pace;
Alfio Nicotra, Responsabile Nazionale Pace PRC;
Franco Vaccari, Presidente Associazione Rondine Cittadella della Pace;

“Coincidenze” e percussionisti “Bakonghe”

Coordina Maurizio Izzo, giornalista

Adesioni: Acli S.Giovanni, Associazione Culturale Il marchingegno Pian di Scò, Caritas Interparrocchiale Montevarchi,Centro Attivo Don Chisciotte, Centro Missionario Bakonghe, Cooperativa Sociale Beta, Kulturame,Auser Valdarno, Emergency Arezzo.

Per maggiori informazioni:
marco@valdarnosocialforum.org
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Ricorrenze del giorno

  • Anno 1984: A Torino muore Domenico Sereno Regis, presidente del MIR italiano e attivissimo militante nonviolento

Dal sito

  • Ecodidattica
    I limiti per la dose tollerabile sono stati abbassati di sette volte dall'EFSA nel 2018

    Strategia comunitaria sulle diossine, i furani e i bifenili policlorurati

    "In bambini esposti a diossine e/o PCB durante la fase gestazionale sono stati riscontrati effetti sullo sviluppo del sistema nervoso e sulla neurobiologia del comportamento, oltreché effetti sull’equilibrio ormonale della tiroide, ritardo nello sviluppo, disordini comportamentali".
    24 gennaio 2021 - Redazione
  • Ecodidattica
    I numeri del cancro in Italia (vedere file allegato)

    Limiti normativi, indicazioni OMS e rischi per la salute

    La maggior parte dei risultati degli studi che hanno valutato l’impatto dell’inquinamento atmosferico sulla salute umana provengono da studi condotti in aree (italiane o straniere) in cui tali limiti di legge erano rispettati. Questa osservazione vale anche per le valutazioni del rischio oncologico
    AIOM (Associazione Italiana di Oncologia Medica)
  • Alex Zanotelli
    Webinar sul bando delle armi nucleari organizzato dall'agenzia di stampa internazionale Pressenza

    Padre Zanotelli: "Dobbiamo far aderire l'Italia al Trattato di Proibizione delle Armi Nucleari"

    "Sarebbe un gesto di civiltà avere il coraggio di realizzare il disarmo nucleare per porre fine a diseguaglianze e sfruttamento", ha dichiarato il missionario comboniano, che ha aggiunto: ''Le armi atomiche, come disse Oppenheimer, sono la scienza che ha conosciuto il peccato'.
    23 gennaio 2021 - Antimafia Duemila
  • Editoriale
    La beffa: gli animali si sono contaminati su terreni "a norma" in base all'ultimo decreto

    Non un solo grammo di diossina verrà bonificato a Taranto

    Avrete letto sui giornali che ripartono le bonifiche. E' un trionfalismo fuori luogo perché con un decreto del Ministero dell'ambiente viene fissato il limite della diossina per i terreni di pascolo a 6 ng/kg ma le pecore e le capre si sono contaminate con livelli di contaminazione inferiore.
    9 gennaio 2021 - Alessandro Marescotti (Presidente di PeaceLink)
  • Ecologia
    Gli Stati Uniti e le "comunità da sacrificare".

    Nella mia tribù muore una persona ogni settimana a causa dei combustibili fossili

    I nostri pozzi sono così inquinati che ora la nostra tribù deve comprare l'acqua. I popoli nativi convivono con minacce vecchie e nuove del petrolio e del gas che contaminano il suolo, i fiumi, le falde acquifere e l'aria. Ciò accresce la crisi climatica e impatta sulla salute.
    7 gennaio 2021 - Casey Camp-Horinek (attivista di Indigenous Rights of Natur)
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.38 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)