presentazione

AltraFinanziaria: presentazione del rapporto Sbilanciamoci

5 novembre 2004
ore 19:00 (Durata: 2 ore)

Presentano il rapporto:

Massimiliano Bagaglini - Ass.Antigone
Maurizio Gubbiotti - Legambiente
Massimo Paolicelli - Associazione Obiettori Non Violenti
Antonio Tricarico - Campagna per la riforma della Banca Mondiale

**Il rapporto Sbilanciamoci**

Sbilanciamoci è una campagna promossa da oltre trenta organizzazioni della
società civile che analizza gli orientamenti di politica economica che emergono
dalla legge Finanziaria e dal Bilancio dello Stato e sviluppa proposte
alternative, puntuali e sostenibili su come usare la spesa pubblica per la
società, l'ambiente e la pace.

Punto di partenza di Sbilanciamoci è la necessità di cambiare radicalmente
la prospettiva delle politiche pubbliche e di rovesciare le priorità economiche
e sociali partendo da un’idea di sviluppo centrato sui bisogni dell’uomo anziché
sulle esigenze dell’economia e del mercato. Uno sviluppo non misurabile con i
vecchi indicatori economici e monetari, primo fra tutti il Prodotto interno
lordo, ma con nuovi parametri che assumano come priorità lo stato dell'ambiente,
l'equità nella distribuzione delle risorse, lo sviluppo umano, la qualità
sociale. Per questo nel 2003 Sbilanciamoci ha iniziato ad elaborare indicatori
originali di sviluppo suddivisi per Regione (QUARS, Qualità Regionale dello
Sviluppo).
...
Ogni anno Sbilanciamoci pubblica in un rapporto le sue analisi e le sue
proposte. Quest’anno l’organizzazione della tre giorni di Bagnoli "L’impresa di
un’economia diversa" ha consentito un ulteriore salto di qualità: il confronto
tra economisti, sociologi, sindacalisti e movimenti ha permesso di sviluppare
l’analisi dei processi di globalizzazione, della crisi del sistema industriale
italiano e delle possibili alternative.

**Sbilanciamoci e'**

Altreconomia, Antigone, Arci - Arci Servizio Civile, Associazione Ambiente e
Lavoro, Associazione Finanza Etica, Associazione Obiettori Non Violenti,
Associazione per la Pace, Beati i Costruttori di Pace, Campagna per la Riforma
della Banca Mondiale, Carta, CIPSI, Cittadinanzattiva, Cnca, Comitato Italiano
Contratto Mondiale sull'Acqua, Consorzio Italiano di Solidarietà, Coop. ROBA
dell'altro Mondo, Ctm-Altromercato, Donne in nero, Emergency, Emmaus Italia,
Fondazione Responsabilità Etica, GESCO, Gruppo O.Romero - SICSAL Italia,
Legambiente, Lila, Lunaria, Mani tese, Medici senza frontiere, Microfinanza, Pax
Christi, Rete Lilliput, Terres des Hommes, Uisp, Unione degli Studenti, Unione
degli Universitari, Un Ponte Per..., WWF

Per maggiori informazioni:
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Disarmo
    Il trattato TPAN ha raggiunto la sua attuazione

    Nucleare civile e militare: una bomba!

    Il trattato ONU TPAN per la proibizione delle armi nucleari il 22 gennaio 2021 entra in vigore, anche se ha dei limiti perché non è stato ancora né firmato, né ratificato da nessuno dei paesi che detengono l’arma nucleare
    17 gennaio 2021 - Laura Tussi
  • Latina

    Honduras, l'esodo della disperazione

    Anno nuovo, nuove carovane migranti, vecchi mali
    19 gennaio 2021 - Giorgio Trucchi
  • Editoriale
    Webinar di PeaceLink sul Trattato per la Proibizione delle Armi Nucleari (TPAN)

    Formare i docenti per educare al disarmo nucleare nelle scuole italiane

    Fra due giorni entra in vigore il TPAN. Sarà necessario un lavoro di ampia sensibilizzazione dell'opinione pubblica perché anche l'Italia aderisca. L'Educazione civica può diventare un'ora settimanale di formazione alla cittadinanza globale sulle tematiche dell'ambiente, della pace e del disarmo.
    20 gennaio 2021 - Alessandro Marescotti
  • Ecologia
    A pochi giorni dall'uccisione di Agitu emerge un'altra storia di una donna dedita alla pastorizia

    Una donna controcorrente, la Pastora di Altamura

    Una storia che fa il paio con quella di Agitu e anche in Puglia si tratta di una donna. La mia generazione è cresciuta convinta che la terra non fosse un lavoro adatto alle donne anche se già allora c'erano delle eccezioni ed ora le ragazze del ventunesimo secolo sono in prima linea.
    19 gennaio 2021 - Fulvia Gravame
  • Storia della Pace
    Installati nel 1960, furono smantellati dopo la Crisi di Cuba

    Le basi dei missili nucleari Jupiter in Puglia e Basilicata

    Le basi erano 10, di forma triangolare, con tre missili ognuna. Nell'ottobre del 1961 furono colpite quattro testate nucleari da fulmini, e in due casi venne attivato il processo fisico-chimico preliminare all'esplosione (che non avvenne). Un museo della pace e della memoria è oggi possibile
    Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.38 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)