concerto

Perla rassegna " …JAZZ" di Ritmika, appuntamento con Beppe Di Benedetto Quintet

7 novembre 2004
ore 22:00

Sesto appuntamento della rassegna …JAZZ organizzata dall’Associazione Musicale “Ritmika Scuoladimusica”: torna a Parma il quintetto guidato da Beppe Di Benedetto. Atmosfere cariche di energia, dipinte mescolando con maestria colori tra loro diversi: dall’hard bop alla bossanova, dal funk al jazz etnico fino al blues e senza dimenticare gli standards più classici riarrangiati ogni volta per seguire il filo conduttore del concerto.
Il gruppo nasce dall’esigenza di dare forma concreta alle originali composizioni di Beppe Di Benedetto e Luca Savazzi (oggi entrambi insegnanti presso Ritmika).
Di Benedetto è un musicista conosciuto ed affermato grazie alle sue numerose collaborazioni in diversi contesti musicali: dalla C.B. Band a Bobby Johnson, da Luisa Corna ai Ridillo fino ad arrivare al Collettivo Soleluna e a Jovanotti. Proprio con quest’ultimo ha partecipato alla tournèe “Quinto Mondo Tour” suonando in molte città italiane ed europee e partecipando a numerose trasmissioni televisive (Festivalbar, Fiorello Show, Quelli che il calcio e tante altre).
Ad accompagnare la tromba di Di Benedetto ci sarà il piano di Luca Savazzi, musicista solido ed originale, che nella sua carriera ha provato esperienze di tutti i tipi: dall’orchestra a bordo di una nave da crociera, ai tour con Fiordaliso, dalle collaborazioni con i CCCP (storico gruppo guidato da Lindo Ferretti) a quelle con Eugenio Finardi, fino ad arrivare al lavoro svolto nella band di Riccardo Fogli.
Al fianco di questi due grandi musicisti troveremo anche il sax di Emiliano Vernizzi, il basso di Paolo Gialdi e la batteria di Alessandro Lugli.
Vernizzi, come Di Benedetto, ha suonato diversi generi musicali, spaziando dal jazz all’hip-hop e trovandosi a collaborare con Bobby Durham, Marco Tamburini, David Murray, Paolo Fresu, Eddie Daniels, Pietro Tonolo e tanti altri. Dal 2002 inoltre suona stabilmente nell’orchestra dei Maestri Enrico Intra e Franco Cerri.
Anche il bassista, Paolo Gialdi, è un artista piuttosto conosciuto sul circuito italiano. Tra il 94 e il 96 ha suonato nei Ladri di Biciclette e dopo quest’esaltante esperienza ha collaborato con numerosi musicisti come: Paolo Belli, Funky Company, Bossanostra, Mietta, Spagna, Maurizio Solieri, Silvia Mezzanotte (Matia Bazar) e tanti altri.
Alessandro Lugli è l’artista che con la sua batteria completa questa interessante formazione. A dimostrazione delle sue notevoli capacità basti ricordare le collaborazioni con Mietta, Eugenio Finardi, Riccardo Fioravanti e Andrea Tofanelli.
Un concerto da non perdere questo di domenica 7 novembre presso il Tribeca Club di via Mazzini. L’inizio è previsto per le 22 circa e l’ingresso è, come sempre, rigorosamente gratuito.
Prenotazione cena: Tribeca Club, Tel. 0521-504119.
Per informazioni: Associazione Musicale Ritmika Scuoladimusica, via Primo Groppi 32 a/b, Tel e fax 0521/200131 oppure www.ritmika.it.

Per maggiori informazioni:
Ass.ne Musicale Ritmika
0521-200131
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Cultura
    A Roma a San Lorenzo il Primo Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza

    Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza

    Quattro giorni di presentazioni di libri, incontri, film, workshops, stands a cura di numerose realtà italiane e non solo per aprire dialoghi e confronti su diritti, Mediterraneo e migranti, Obiezione di Coscienza, disarmo nucleare, educazione alla nonviolenza, cultura di pace
    17 gennaio 2022 - Laura Tussi
  • Cultura
    Nessun potere è stato in grado di mettere a tacere la sua disperata vitalità

    A cento anni dalla nascita di Pier Paolo Pasolini

    Scrive Enzo Golino: “Sul vuoto che Pasolini ha lasciato permane la difficoltà di cancellarne l’ombra, e più si tenta di cancellarla e più si proietta nella realtà che stiamo vivendo”. Rimane più che mai attuale la sia critica del potere e dell'omologazione della nuova società neocapitalistica.
    14 gennaio 2022 - Dale Zaccaria
  • Pace
    La prima cosa da chiedere è di non vendere armi all'Ucraina e di non farla entrare nella Nato

    Crisi Ucraina: il ruolo proattivo dei pacifisti

    I pacifisti dovrebbero dire no a un coinvolgimento militare della Nato. La crisi in Ucraina oggi è molto simile alla crisi di Cuba del 1962. Se ne può uscire con un atto di fiducia reciproca, smantellando le armi nucleari Usa in Europa in cambio di un impegno a garantire la sicurezza dell'Ucraina.
    11 gennaio 2022 - Alessandro Marescotti
  • Conflitti

    Scongiurare il conflitto in Ucraina

    Dal Comitato Esecutivo di IPPNW un documento che invita alla moderazione e al dialogo, nello sforzo di scongiurare il grave pericolo di una guerra che potrebbe facilmente degenerare in un conflitto nucleare.
    13 gennaio 2022 - Roberto Del Bianco
  • Latina
    Due anni fa i lavoratori avevano dato vita ad una cooperativa

    Argentina: a rischio sgombero la fabbrica recuperata de La Nirva

    Sono complici il giudice che ha notificato lo sgombero e l’ex padrone che adesso vuole riprendersi edifici e macchinari
    12 gennaio 2022 - David Lifodi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)