corso

Universita' popolare - "Comprendere per Agire" promuove attac-roma

15 novembre 2004
ore 19:00 (Durata: 2 ore)

Prenderà il via il 15 NOVEMBRE a Roma , l’Universita’ popolare – “Comprendere per Agire”, una proposta di autoeducazione promossa da attac-roma.

ATTAC Roma propone CICLI di SEMINARI per comprendere e affrontare le cause di tragici avvenimenti che stanno sconvolgendo il pianeta: guerre, crisi alimentari, disastri finanziari, squilibrio ambientale, mercificazione totale.
E soprattutto cercare di IMMAGINARE INSIEME i possibili scenari futuri.

Orario seminari: dalle 19:00 alle 21:00

Programma:

L' ECONOMIA INTERNAZIONALE

15 Novembre
Lo squilibrio economico mondiale
Relatrice: Giovanna Ricoveri - direttrice di Ecologia Politica

22 Novembre
La Globalizzazione dei commerci e delle finanze e i suoi attori:
le istituzioni sovranazionali, le multinazionali, gli stati.
Relatore: Andrea Baranes - Campagna Riforma Banca Mondiale

29 Novembre
La finanziarizzazione dell'economia:
- Effetti sugli Stati. Le crisi asiatiche, la crisi messicana e la crisi argentina.
- Effetti sulle imprese. I casi Enron e Parmalat.
Relatore: Roberto Tesi alias GALAPAGOS de "il manifesto"

6 Dicembre
La privatizzazione dei Beni Comuni e dello stato sociale.
Relatore: Marco Bersani - ATTAC Italia

13 Dicembre
Le alternative possibili - laboratorio.
Alberto Castagnola Rete Lilliput
Maurizio Spedaletti Banca Etica
Vittorio Lovera Consorzio CAES/Rete Economia Solidale)

L'Università Popolare di Attac è gratuita e aperta a tutti.
Per accedere all'intero ciclo dei seminari chiediamo solo un rimborso spese di 10 euro.
A tutti i partecipanti verra' dato il CD "101 Granelli di Sabbia" ed i materiali del corso.

Per maggiori informazioni:
Stefano Guidi
338 1333247 oppure 328 1392890
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Disarmo
    Il trattato TPAN ha raggiunto la sua attuazione

    Nucleare civile e militare: una bomba!

    Il trattato ONU TPAN per la proibizione delle armi nucleari il 22 gennaio 2021 entra in vigore, anche se ha dei limiti perché non è stato ancora né firmato, né ratificato da nessuno dei paesi che detengono l’arma nucleare
    17 gennaio 2021 - Laura Tussi
  • Latina

    Honduras, l'esodo della disperazione

    Anno nuovo, nuove carovane migranti, vecchi mali
    19 gennaio 2021 - Giorgio Trucchi
  • Editoriale
    Webinar di PeaceLink sul Trattato per la Proibizione delle Armi Nucleari (TPAN)

    Formare i docenti per educare al disarmo nucleare nelle scuole italiane

    Fra due giorni entra in vigore il TPAN. Sarà necessario un lavoro di ampia sensibilizzazione dell'opinione pubblica perché anche l'Italia aderisca. L'Educazione civica può diventare un'ora settimanale di formazione alla cittadinanza globale sulle tematiche dell'ambiente, della pace e del disarmo.
    20 gennaio 2021 - Alessandro Marescotti
  • Ecologia
    A pochi giorni dall'uccisione di Agitu emerge un'altra storia di una donna dedita alla pastorizia

    Una donna controcorrente, la Pastora di Altamura

    Una storia che fa il paio con quella di Agitu e anche in Puglia si tratta di una donna. La mia generazione è cresciuta convinta che la terra non fosse un lavoro adatto alle donne anche se già allora c'erano delle eccezioni ed ora le ragazze del ventunesimo secolo sono in prima linea.
    19 gennaio 2021 - Fulvia Gravame
  • Storia della Pace
    Installati nel 1960, furono smantellati dopo la Crisi di Cuba

    Le basi dei missili nucleari Jupiter in Puglia e Basilicata

    Le basi erano 10, di forma triangolare, con tre missili ognuna. Nell'ottobre del 1961 furono colpite quattro testate nucleari da fulmini, e in due casi venne attivato il processo fisico-chimico preliminare all'esplosione (che non avvenne). Un museo della pace e della memoria è oggi possibile
    Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.38 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)