rappresentazione teatrale

INVETTIVE INVENTIVE - l'informazione in scena - di e con Giulia Fossà

16 novembre 2004
ore 22:00 (Durata: 1 ore)

L'informazione usa e getta, condizionata dalle alchimie dell'alta e bassa politica parla sempre meno il linguaggio della gente. Non scende in profondità: le inchieste sono rare, le voci indipendenti quasi sempre marginalizzate. In questo scenario poco incoraggiante, si forma la pubblica opinione con i suoi riflessi diretti sulla vita sociale delle comunità.
Chi ha paura del battito del cuore, della follia e della speranza, della ragione e della rabbia della gente costretta a scegliere tra quello che passa il mercato? Da queste considerazioni nasce l'impegno di "InveTtive-inveNtive - l'informazione in scena".
Nel teatro il Vascello, laboratorio creativo di Giancarlo Nanni e Manuela Kustermann, nello spazio di Destini Incrociati, InveTtive- inveNtive consentirà al pubblico di trascorrere insieme un po' di tempo per ragionare in modo appassionato sulle questioni cruciali del nostro tempo e della nostra società. Sul piccolo palco del Vascello 2, Giulia Fossà in compagnia del sogno impressionistico di tre musicisti: Roberto Bellatalla al contrabbasso, Claudio Riggio alla chitarra e Alessandro De Angelis al piano Rodhes.
Tutti insieme per parlare di guerra e pace, la prima settimana, cominciando con la vicenda delle Simone, di Baldoni, del ruolo delle organizzazioni non governative e dei missionari, della nuova realtà dei mercenari.
La seconda settimana è quella delle libertà: da Guantanamo ai bambini, dal mondo della pazzia a quello dell'immigrazione.
La disin-formazione delle Tv e della scuola concluderà, nella terza settimana l'itinerario di "Invettive inventive", un percorso di libertà, un'esplosione di rabbia parlata e di incandescenza musicale.

Per maggiori informazioni:
alessia
06 5881021
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Ricorrenze del giorno

  • Anno 1984: A Torino muore Domenico Sereno Regis, presidente del MIR italiano e attivissimo militante nonviolento

Dal sito

  • Conflitti
    Un forum per promuovere un appello contro la guerra

    Il conflitto in Ucraina e il ruolo del movimento per la pace

    In questa pagina web riportiamo le voci di tutti coloro che stanno partecipando ai webinar di PeaceLink con lo scopo di definire una piattaforma comune di obiettivi finalizzati a evitare una degenerazione dell'aspro confronto in atto fra la Russia e la Nato
    22 gennaio 2022 - Redazione PeaceLink
  • Taranto Sociale
    Lo conferma lo studio dell'OMS

    Le emissioni dello stabilimento ILVA continuano ad essere incompatibili con la salute pubblica

    Da ora in poi, con i dati OMS che vanno a confermare le precedenti Valutazioni Danno Sanitario, non si può più considerare normale una situazione anomala. Questo rapporto dell'OMS a nostro parere costituisce notizia di reato.
    22 gennaio 2022 - Comitato Cittadino per la Salute e l'Ambiente a Taranto
  • Cultura
    A Roma a San Lorenzo il Primo Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza

    Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza

    Quattro giorni di presentazioni di libri, incontri, film, workshops, stands a cura di numerose realtà italiane e non solo per aprire dialoghi e confronti su diritti, Mediterraneo e migranti, Obiezione di Coscienza, disarmo nucleare, educazione alla nonviolenza, cultura di pace
    17 gennaio 2022 - Laura Tussi
  • Cultura
    Nessun potere è stato in grado di mettere a tacere la sua disperata vitalità

    A cento anni dalla nascita di Pier Paolo Pasolini

    Scrive Enzo Golino: “Sul vuoto che Pasolini ha lasciato permane la difficoltà di cancellarne l’ombra, e più si tenta di cancellarla e più si proietta nella realtà che stiamo vivendo”. Rimane più che mai attuale la sia critica del potere e dell'omologazione della nuova società neocapitalistica.
    14 gennaio 2022 - Dale Zaccaria
  • Pace
    La prima cosa da chiedere è di non vendere armi all'Ucraina e di non farla entrare nella Nato

    Crisi Ucraina: il ruolo proattivo dei pacifisti

    I pacifisti dovrebbero dire no a un coinvolgimento militare della Nato. La crisi in Ucraina oggi è molto simile alla crisi di Cuba del 1962. Se ne può uscire con un atto di fiducia reciproca, smantellando le armi nucleari Usa in Europa in cambio di un impegno a garantire la sicurezza dell'Ucraina.
    11 gennaio 2022 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)