convegno

Mediterraneo - mare di mezzo Babele o Pentecoste? La speranza nonostante....

29 dicembre 2004
ore 15:25

29-30-31 dicembre 2004
Aula Magna Liceo Scientifico E. Fermi, Viale Europa - Ragusa

Convegno in preparazione alla Marcia per la Pace del 31 dicembre 2004

Nei giorni che precedono la Marcia per la pace, Pax Christi propone un Convegno nazionale per affrontare i temi che si raccolgono attorno al bacino Mediterraneo, paradigma del mondo intero.

Non solo militarizzazione e immigrazione
... ma anche...
§ incontro tra culture,
§ cammino di popoli,
§ l'emergere della società civile come nuovo soggetto,
§ il dialogo tra le fedi,
§ un patrimonio di storia, arte, tradizioni, musiche e colori...

Babele o Pentecoste? La speranza che nasce dalla capacità di parlare la lingua dell'altro o di riuscire a comunicare correttamente anche nel labirinto inestricabile dell'overdose informativa e informatica. La speranza che germoglia laddove si è capaci di ascoltare...

Il Mediterraneo rappresenta il ventre delle nostre paure? E' la minaccia che ci condanna all'insonnia? Per vincere o superare tutto questo quale pace costruire, quale sicurezza?

Mercoledì 29 dicembre
Arrivi, accoglienza e sistemazione a partire dalle ore 15,00

21.00 momento di festa d'accoglienza

Giovedì 30 dicembre
9.00 preghiera a cura della comunità KAIROS di Palermo
10.00 La speranza: dalla Babele alla Pentecoste
I padri CARMELITANI di Barcellona Pozzo di Gotto; Giuseppina PATERNITI - giornalista TG3;

11.30 pausa
12.00 Dibattito

15.00 Minaccia e paura: quale sicurezza?
Raniero LA VALLE - politologo, giornalista e saggista e Mons. Tommaso Valentinetti - vescovo e biblista

Segue dibattito

In serata visita guidata a Ibla

Venerdì 31 dicembre
9.00 preghiera a cura della comunità KAIROS di Palermo
9.30 Comunicazioni
1. Educare all'alterità, alla responsabilità, all'incontro...
Rocco AGNONE
provveditore agli studi Ragusa
2. L'impegno delle chiese cristiane per un altro Mediterraneo
Ariel CHARBONIER
pastore della chiesa metodista di Scicli (RG)
3. Società civile, movimenti in movimento
Alfio FOTI
Presidente regionale ARCi e vicepresidente Libera
4. Da Comiso a Bagdad contro le guerre
Gianna LEGGIO
Pax Christi Ragusa
Gianni NOVELLI
Centro Interconfessionale per la Pace

11.30 Verso il Congresso... per un rinnovato impegno di Pax Christi.
don Luigi Ciotti - presidente di Libera e fondatore del Gruppo Abele intervista Mons. Tommaso Valentinetti - presidente di Pax Christi Italia.

Note tecniche

Per chi arriva...

...in auto
Strada Statale Catania - Ragusa, uscita Ragusa Ovest

...in treno e autobus
Consigliamo di arrivare a Catania e di prendere l'autobus Autoservizi Etna Viaggi che partono dal piazzale della stazione (sostano anche all'aeroporto) prima di giungere al piazzale della stazione ferroviaria di Ragusa. Il viaggio dura h. 1, 50. Frequenza ogni 2 ore circa dalle 6.00 alle 20.00.
Ci sono anche dei treni da Catania per Ragusa che impiegano circa 3 ore e 30 min passando per Siracusa o Gela.

...in aereo
Arrivare a Catania-Fontanarossa e prendere un autobus Autoservizi Etna Viaggi

...in autobus per raggiungere la segreteria
- Linea extraurbana: fermata al capolinea e proseguire con linea urbana
- Linea urbana da Piazza del Popolo (Stazione FS) linee urbane 5 sinistro e 6

La segreteria del Convegno per l'accoglienza e le informazioni sarà presso la sede del Convegno stesso e funzionerà a partire dalle 15.00 del 29 dicembre. Nei giorni del Convegno per ogni eventualità telefonare al 333 4252290

· Per i bambini e le bambine è previsto un percorso parallelo adeguato sugli stessi temi del Convegno.

· Quota di iscrizione € 8,00

· Pasti
E' stata stipulata una convenzione con un ristoratore nei pressi della sede del convegno.
Ciascun pasto € 11,00

· Ospitalità/pernottamenti
Gratuito presso le famiglie di Ragusa e dintorni.
Sono disponibili posti anche presso alberghi, Bed and breakfast e istituti religiosi
Concordare con la segreteria informativa.

Per maggiori informazioni:
Pax Christi - Punto Pace di Ragusa
0932 938169
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Ecologia
    A pochi giorni dall'uccisione di Agitu emerge un'altra storia di una donna dedita alla pastorizia

    Una donna controcorrente, la Pastora di Altamura

    Una storia che fa il paio con quella di Agitu e anche in Puglia si tratta di una donna. La mia generazione è cresciuta convinta che la terra non fosse un lavoro adatto alle donne anche se già allora c'erano delle eccezioni ed ora le ragazze del ventunesimo secolo sono in prima linea.
    19 gennaio 2021 - Fulvia Gravame
  • Storia della Pace
    Installati nel 1960, furono smantellati dopo la Crisi di Cuba

    Le basi dei missili nucleari Jupiter in Puglia e Basilicata

    Le basi erano 10, di forma triangolare, con tre missili ognuna. Nell'ottobre del 1961 furono colpite quattro testate nucleari da fulmini, e in due casi venne attivato il processo fisico-chimico preliminare all'esplosione (che non avvenne). Un museo della pace e della memoria è oggi possibile
    Alessandro Marescotti
  • Disarmo
    Dal territorio del nostro Paese siano eliminate tutte le armi nucleari

    L’Italia ratifichi il Trattato sulla Proibizione delle Armi Nucleari

    La presenza di tali ordigni sul territorio italiano è in contrasto anche con il Trattato di non proliferazione delle armi nucleari, al quale l’Italia ha aderito nel 1975 impegnandosi a «non ricevere da chicchessia armi nucleari né il controllo su taliarmi, direttamente o indirettamente».
    16 gennaio 2021
  • Storia della Pace
    La storia della pace, dalla secolare opposizione alla guerra al recente pacifismo

    Che cosa è la Peace History

    Per Peace History si intende lo studio delle cause più profonde della guerra nonché dei mezzi per contrastarla e per gestire risoluzioni non violente dei conflitti. In questa pagina web vi sono alcuni riferimenti per la Peace History e link utili per tracciare una storia della pace
    16 gennaio 2021 - Alessandro Marescotti
  • Pace
    Entrambe includono tematiche comuni nella propria area di competenza e hanno punto di contatto

    Educazione civica ed educazione alla pace: un confronto

    L'evoluzione dell’educazione civica ha portato a un sempre maggiore avvicinamento della stessa all’educazione alla pace, fino ad una sovrapposizione di competenze, che oggi può in certi contesti rendere difficile distinguere le due discipline.
    10 gennaio 2021 - Manuela Fabbro
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.38 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)