forum

“QUALE PACE PER IL SUDAN? La parola alla società civile”

18 marzo 2005
ore 11:00

Venerdì 18 marzo

11.00 – 12.30 Conferenza stampa

Presentazione del Forum e dei relatori alla stampa

14.30 – 18.00 Prima sessione: La pace apre una fase nuova

Saluti di benvenuto
Filippo Penati, Provincia di Milano
Salvatore Carrubba, Assessore alla Cultura, Comune di Milano
Mauro Rossetti, presidente del Coordinamento Pace in Comune

Presentazione del forum
a cura di Campagna Sudan

Il difficile iter del processo di pace in Sudan
Domenico Polloni, Senior Policy Advisor, Office of the Resident and Humanitarian Coordinator in the Sudan

Il nuovo assetto politico-istituzionale previsto dagli accordi di pace
Abel Alier*, ex Vice Presidente del Sudan, membro del Tribunale Internazionale dell’Aja

L’attuale quadro geopolitico, le crisi in atto e le tensioni irrisolte
Marina Peters*, Sudan Focal Point

La crisi del Darfur: quali conseguenze sull’implementazione della pace?
Barbara Contini, Inviato speciale del Ministero degli Esteri in Darfur

Modera Giovanni Sartor, Campagna Sudan

Sabato 19 marzo

9.30 – 13.00 Seconda sessione: Democrazia e diritti umani

Apertura della sessione, Padre Renato Kizito Sesana, missionario comboniano

Interventi
Pluralismo etnico Stephen Amin, sociologo, giornalista, responsabile di Koinonia Nuba
Pluralismo religioso Daniel Adwok*, Vescovo ausiliario di Khartoum
Diritti Umani Ghazi Suleyman, avvocato impegnato nel movimento per i diritti umani
La questione degli sfollati e la questione di genere Asha El Karib, dirigente di ACORD
Partecipazione della società civile Atta El Bathani*, Capo Dipartimento e professore associato del Dipartimento di Scienze Politiche, Università di Khartoum.
Governo del territorio e capacity building Luigi Tessiore, UNDP, decentralisation & local governance policy advisor

14.30 – 18.00 Terza sessione:
il ruolo della politica, della società civile, delle comunità religiose, degli organismi umanitari e degli organismi internazionali per una paec giusta e duratura
Tavola rotonda

Partecipanti:
• Le ONG di sviluppo: Sergio Marelli, Presidente dell’associazione delle ONG italiane
• Governo italiano: Alfredo Mantica*, sottosegretario agli Esteri
• Le Chiese sudanesi Kenneth Duku, coordinatore di Sudan Council of Churhes
• Nazioni Unite Domenico Polloni, Senior Policy Advisor, Office of the resident and Humanitarian Co-ordinator in the Sudan
• Unione Europea, Christian Manahl, EU Political Officer, Nairobi
• Amministrazioni locali Irma Dioli, assessora alla pace, Provincia di Milano

Modera Tonio Dell’Olio, portavoce della Campagna e coordinatore nazionale di Pax Christi

Presenti tra il pubblico con facoltà di parola saranno presenti anche rappresentanti del Governo sudanese e dell’SPLM.

*relatore da confermare

Per maggiori informazioni:
Segreteria Campagna Sudan
02 7723 252/285
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Taranto Sociale
    Nuovo studio italiano pubblicato sullo Scientific Report di Nature

    Danni neurotossici causati da piombo e arsenico nei bambini di Taranto

    Disturbi da deficit di attenzione, autismo e iperattività, sarebbero riscontrati in numero maggiore, nei quartieri più vicini al siderurgico: Tamburi e Paolo VI. Siamo stanchi di prestare le nostre vite e quelle dei nostri figli, come se fossimo cavie da laboratorio.
    19 giugno 2021 - Giustizia per Taranto
  • Taranto Sociale
    I dati relativi alle polveri sottili (PM2,5 e PM10) e al biossido di azoto (NO2)

    Ex Ilva: Peacelink, rischio cancerogeno inaccettabile

    “L’aria di Taranto non rispetta i limiti dell'Organizzazione mondiale della sanità” dice Peacelink, per la quale “a fronte di una situazione sanitaria fortemente compromessa, la popolazione di Taranto dovrebbe godere di una protezione particolare".
    18 giugno 2021 - AGI (Agenzia Giornalistica Italia)
  • Disarmo
    Biden e Putin siglano un comunicato congiunto “on Strategic Stability”

    Good News? La speranza continua

    "Gli Stati Uniti e la Russia avvieranno insieme un dialogo bilaterale integrato di stabilità strategica nel prossimo futuro, che sarà deliberato e solido. Attraverso questo Dialogo, cerchiamo di gettare le basi per future misure di controllo degli armamenti e di riduzione dei rischi.”
    17 giugno 2021 - Roberto Del Bianco
  • Sociale
    Siamo nel 2021 e le donne, qui, in Italia, italiane e straniere, ancora non possono dire no!

    Saman

    Saman non è stata uccisa per ordine del Corano. Saman è stata uccisa dal sistema patriarcale. La sua uccisione è un femminicidio come qualsiasi femminicidio che succede quotidianamente in Italia e ovunque a conseguenza di una mentalità maschilista marcia ed arretrata
    17 giugno 2021 - Gulala Salih (Donna curda cittadina italiana. Attivista per la pace e i diritti delle donne e dei bambini)
  • Sociale
    Ilaria Di Roberto: «non siamo un sesso debole, siamo sopravvissute».

    «Quanto subisco rispecchia il concetto di femminicidio in vita»

    La denuncia pubblica di quanto subisce da anni e dell’ultima molestia subita l’11 giugno e un drammatico appello, «ho bisogno di essere creduta e di aiuto».
    17 giugno 2021 - Alessio Di Florio
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)