conferenza

Workshop on Networking Communication Rights in the EU

15 ottobre 2004
ore 13:00

All'incontro, che avrà luogo presso la Bartlett School of Architecture and Urban Planning , parteciperanno rappresentanti dell'Accademia, ONG e membri della società civile organizzata. L'obiettivo: conoscere da vicino gli aspetti più critici del sistema della comnuicazione in Europa e rilfettere sul ruolo che la società civile può svolgere nella sperimentazione di pratiche di comunicazione creative e partecipate. Costruendo network su scala eropea e favorendo la produzione di cultura dal basso.

Venerdì 15 ottobre, 13-17

Programma:

Chair: Jason Nardi (APC-Italia)

Introduzione e presentazione del Global Governance Project (GGP): gli obiettivi, il framework, i risultati della ricerca condotta in Europa e le prospettive per il futuro (Sean O’Siochru & Iginio Gagliardone)

Quali diritti a comunicare? Partendo dagli spunti offerti dal GGP, si analizzeranno le sfide e le possibili azioni che la società civile può svolgere nel promovere i diritti a comunicare (Steve Ward, Robin Mansell, Annabelle Sreberny, E. Remondino, F. Heyndrickx, Bart Cammaerts…)

Interventi di ong, network e altri soggetti della società civile, che presenteranno le proprie esperienze nell'ambito dei diritti a comunicare in Europa, analizzando le proposte del GGP per future collaborazioni e azioni in rete. ( tra le organizzazioni invitate: IFJ, Statewatch, IPJustice, Privacy International, More Colours in the Media, Multiple Voices, Media watch, WSIS-EU caucus, Heinrich Boell Foundatin)

Come procedere: prossimi appuntamenti, priorità, metodi, risorse e idee per lavorare insieme (coordinano Claudia Padovani & Bart Cammaerts)

Idee per il futuro, dall'esperienza del global governance project alle prospettive per il futuro

- Ulteriore sviluppo del framework rispetto alla dimensione nazionale, internazionale e all'individuazione di argomenti chiave in ambito europeo per lo sviluppo di un advocacy toolkit.
- Mappatura della azioni sviluppate in Europa sul diritto a comunicare (ricerca, creazione di una directory, network analysis)
- Esplorazione delle strategie per rafforzare la partecipazione della società civile europea in relazione alle politiche sull'informazione e la comunicazione
- Collegamento con le autorità locali e altri attori coinvolti nella definizione di politiche
- Sviluppo di strumenti per la comunicazione e collegare le realtà esistenti.
- Creazione di un calendario europeo di eventi sui diritti a comnicare
- Argomenti da sviluppare in futuro: la comnicazione e i contesti di lavoro; nuove sfide e opportnità in un'Europa a 25, finanziamenti e riduzione del digital divide.

Per maggiori informazioni:
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Mappa

Eventi dei prossimi giorni

Ricerca eventi

Dal sito

  • Latina
    Honduras

    Bajo Aguán, una tragedia infinita

    Nuova ondata di attacchi e di omicidi contro contadini e difensori dell'ambiente
    26 gennaio 2023 - Giorgio Trucchi
  • Disarmo
    Armi atomiche, un momento di pericolo senza precedenti

    A soli 90 secondi dall’ora fatale

    E' stato presentato l’aggiornamento annuale del doomsdyclock del Comitato per la Scienza e la Sicurezza del Bulletin of the Atomic Scientists. Il peggioramento della situazione mondiale a seguito soprattutto della guerra in Ucraina ha portato l’orologio a soli 90 secondi dall’ora fatale.
    25 gennaio 2023 - Alessandro Pascolini (Università di Padova)
  • PeaceLink
    Intervista ad Alessandro Marescotti

    «Nel 1980 avevo capito che l’informatica avrebbe cambiato completamente la società»

    Gli anni dell’università, poi la laurea in filosofia, la prima calcolatrice programmabile Texas TI58. Poi l'esperienza da programmatore, prima di diventare insegnante di Lettere. Un racconto che arriva infine alla nascita di PeaceLink, la telematica per la pace
    24 gennaio 2023 - Italia che cambia
  • Ecologia
    Video con l'intervento di Alessandro Marescotti, presidente di PeaceLink

    Audizione di PeaceLink sul decreto che istituisce lo scudo penale per l'ILVA

    "Il decreto non è emendabile e se viene convertito in legge equivale a riportare in Italia la pena di morte, per di più verso persone innocenti di cui non conosciamo nome, sesso, età e volto".
    24 gennaio 2023 - Redazione PeaceLink
  • Latina
    Dina Boluarte continua ad utilizzare la mano dura

    Perù: prosegue il conflitto sociale

    Gran parte delle morti dei manifestanti sono state provocate da proiettili sparati da armi da fuoco in dotazione alla polizia e all’esercito
    23 gennaio 2023 - David Lifodi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)