conferenza

Workshop on Networking Communication Rights in the EU

15 ottobre 2004
ore 13:00

All'incontro, che avrà luogo presso la Bartlett School of Architecture and Urban Planning , parteciperanno rappresentanti dell'Accademia, ONG e membri della società civile organizzata. L'obiettivo: conoscere da vicino gli aspetti più critici del sistema della comnuicazione in Europa e rilfettere sul ruolo che la società civile può svolgere nella sperimentazione di pratiche di comunicazione creative e partecipate. Costruendo network su scala eropea e favorendo la produzione di cultura dal basso.

Venerdì 15 ottobre, 13-17

Programma:

Chair: Jason Nardi (APC-Italia)

Introduzione e presentazione del Global Governance Project (GGP): gli obiettivi, il framework, i risultati della ricerca condotta in Europa e le prospettive per il futuro (Sean O’Siochru & Iginio Gagliardone)

Quali diritti a comunicare? Partendo dagli spunti offerti dal GGP, si analizzeranno le sfide e le possibili azioni che la società civile può svolgere nel promovere i diritti a comunicare (Steve Ward, Robin Mansell, Annabelle Sreberny, E. Remondino, F. Heyndrickx, Bart Cammaerts…)

Interventi di ong, network e altri soggetti della società civile, che presenteranno le proprie esperienze nell'ambito dei diritti a comunicare in Europa, analizzando le proposte del GGP per future collaborazioni e azioni in rete. ( tra le organizzazioni invitate: IFJ, Statewatch, IPJustice, Privacy International, More Colours in the Media, Multiple Voices, Media watch, WSIS-EU caucus, Heinrich Boell Foundatin)

Come procedere: prossimi appuntamenti, priorità, metodi, risorse e idee per lavorare insieme (coordinano Claudia Padovani & Bart Cammaerts)

Idee per il futuro, dall'esperienza del global governance project alle prospettive per il futuro

- Ulteriore sviluppo del framework rispetto alla dimensione nazionale, internazionale e all'individuazione di argomenti chiave in ambito europeo per lo sviluppo di un advocacy toolkit.
- Mappatura della azioni sviluppate in Europa sul diritto a comunicare (ricerca, creazione di una directory, network analysis)
- Esplorazione delle strategie per rafforzare la partecipazione della società civile europea in relazione alle politiche sull'informazione e la comunicazione
- Collegamento con le autorità locali e altri attori coinvolti nella definizione di politiche
- Sviluppo di strumenti per la comunicazione e collegare le realtà esistenti.
- Creazione di un calendario europeo di eventi sui diritti a comnicare
- Argomenti da sviluppare in futuro: la comnicazione e i contesti di lavoro; nuove sfide e opportnità in un'Europa a 25, finanziamenti e riduzione del digital divide.

Per maggiori informazioni:
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Laboratorio di scrittura
    Fili concettuali e teoremi virtuali dei vissuti di pace

    Teoremi di pace 

    Con i miei scritti, imparo la relazione nell’azione educativa e di attivismo e di impegno civile, in rapporto con l'altro da me
    30 novembre 2020 - Laura Tussi
  • Ecologia
    Il commento sulla trattativa in corso

    Peacelink: "Il nuovo accordo fra Governo e ArcelorMittal sarà un flop"

    "Il mercato globale travolgerà il nuovo accordo e i soggetti che lo firmano”, sostiene l'associazione che si batte contro l'inquinamento ambientale a Taranto. Secondo Peacelink, “la vecchia Ilva è già fallita e la nuova Ilva ha perdite ingenti che replicano le dinamiche del precedente fallimento".
    AGI (Agenzia Giornalistica Italia)
  • PeaceLink
    Come fare microblogging

    Newsletter di PeaceLink di novembre

    E' dedicata alla piattaforma Sociale.network che funziona con il software libero Mastodon. C'è un piccolo glossario e una veloce guida su come ci si collega. Sociale.network è sempre più integrato nel sito di PeaceLink e lo trovate facilmente dentro le pagine web.
    29 novembre 2020 - Redazione PeaceLink
  • Cultura
    Ecco la tua EquAgenda 2021!

    EquAgenda per la Pace e la Solidarietà

    Una produzione dell’associazione Ita-Nica e della cooperativa EquAzione della Comunità di base “le Piagge”
    28 novembre 2020 - Laura Tussi
  • CyberCultura
    Apple esercita pressioni contro un disegno di legge volto ad arrestare il lavoro forzato in Cina

    L'iPhone sarà anche made in China, ma è progettato con amore a Palo Alto, vuoi mettere?

    Secondo due funzionari del Congresso, Apple intende placare le disposizioni chiave del disegno di legge, il quale ritiene le aziende statunitensi responsabili per aver costretto gli Uiguri al lavoro forzato
    29 novembre 2020 - Reed Albergotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)