incontro

A Palermo le foto-petizioni di Control Arms

7 maggio 2005
ore 15:06

Il Centro Studi Geopolitici Atlante, Amnesty International - Circoscrizione Sicilia, Rete Lilliput - nodo di Palermo e la Rete Traduttori per la pace, quattro associazioni che si battono per la tutela dei diritti inalienabili dell’uomo, insieme a Palermo per la campagna Controlarms.

Obiettivo della campagna, lanciata a livello mondiale da Amnesty International, Oxfam e Iansa è l’adozione, entro il 2006, di un trattato sul commercio delle armi.

Le quattro associazioni attive a Palermo hanno deciso di organizzare per le prossime settimane una raccolta di foto-petizioni.

Di seguito i giorni e le date in cui sarà possibile fornire il proprio contributo:

a) il 7 e il 21 maggio, il 4 e il 18 giugno, il 2 luglio, dalle 16 alle 20, nel corso di banchetti allestiti in via Ruggero Settimo, portico lato sinistro, direzione Teatro Massimo.
b) il martedì, dalle 16 alle 19, presso Amnesty International-Circoscrizione Sicilia, via Benedetto d’Acquisto 30.
c) il giovedì, dalle 14 alle 18, presso il Dipartimento di Beni Culturali-Sezione Geografica dell’Università di Palermo, Salita Partanna 16 (piazza Marina, accanto al Teatro Libero).

Per maggiori informazioni:
Coordinamento Control Arms Palermo
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Latina

    Crisi climatica e il rischio di difendere i beni comuni

    Rapporto di Global Witness evidenzia drammatico aumento degli attacchi mortali
    19 settembre 2021 - Giorgio Trucchi
  • Disarmo
    Il Pentagono finalmente ammette l’«orribile errore»

    Il drone americano a Kabul ha fatto una strage di civili

    Un missile americano il 29 agosto ha ucciso 10 persone innocenti. Zamarai Ahmadi, obiettivo del drone, lavorava per una organizzazione umanitaria Usa. Non trasportava esplosivo, ma «taniche d’acqua per la sua famiglia». Il generale Mark Milley aveva inizialmente definito l’attacco «giusto».
    19 settembre 2021 - Marina Catucci
  • PeaceLink
    L’obiezione di coscienza di Daniel Hale

    Italiani per Hale

    L’ex analista dell'intelligence Usa è in carcere perché ha svelato i danni collaterali dei droni. Ha detto: "Abbiamo ucciso persone che non c’entravano nulla con l’11 settembre". Alex Zanotelli aderisce a questa campagna e dice: “Daniel Hale è un eroe del nostro tempo, è un dovere sostenerlo".
    18 settembre 2021 - Redazione PeaceLink
  • Sociale
    Sul programma televisivo Forum

    Basta! Anche io ora dico la mia

    Violenze maschili contro le donne, patriarcato, femminicidi anche in vita: la testimonianza di Ilaria Di Roberto – scrittrice, artista, attivista femminista radicale, vittima di violenza e cyber bullismo – dopo le parole di Barbara Palombelli.
    19 settembre 2021 - Alessio Di Florio
  • Editoriale
    Questo video mostra l’uccisione spietata di un civile disarmato afghano

    Perché la maggioranza degli afghani ha preferito i Talebani agli occidentali?

    Il noto programma TV australiano “Four Corners”, simile a “Report” e “Presa Diretta” in Italia, ha ritrasmesso il video di un soldato australiano mentre uccide un civile afghano a sangue freddo. Si riaccende la polemica intorno alle “forze speciali” e a come vengono addestrate.
    13 settembre 2021 - Patrick Boylan
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)