evento

A 60 ANNI DA HIROSHIMA LANTERNE SULL'ADIGE

6 agosto 2005
ore 21:00


VERONA - 6 AGOSTO 2005

Il 6 agosto 1945 una bomba atomica a fissione di uranio, per la prima
volta venne sganciata su una città, Hiroshima, in Giappone. La
potenza esplosiva era pari a 12.500 tonnellate di tritolo. Circa
75.000 persone vennero uccise all'istante. Tre giorni dopo, il 9
agosto 1945, fu sganciata una bomba atomica a fissione di plutonio
sulla città di Nagasaki e uccise circa 100.000 persone. Le due città
subirono distruzioni enormi, con effetti sulle popolazioni devastanti
e prolungati nel tempo.

Riteniamo necessario ravvivare nell'oggi la memoria di quei giorni:
una vera cultura della pace può radicarsi solo attraverso un processo
di conoscenza e di maturazione, che eviti la rimozione e contrasti
l'ignoranza da parte delle nuove generazioni.

"Ogni anno, il 6 agosto, i sette fiumi di Hiroshima vengono riempiti
di lanterne. Ognuna porta il nome di qualche caro perso a causa della
bomba…. Le lanterne accese formano come fiumi di fuoco e galleggiano
per tutta Hiroshima. La corrente che trasportava i cadaveri , ora
porta le lanterne verso il mare, lentamente. Mii-chian scrive `papà'
su una e `rondine' su un'altra e le fa galleggiare." (da: Il lampo di
Hiroshima – Perosini Ed.)

Vi invitiamo alla manifestazione che la sera del prossimo 6 agosto
evocherà la memoria delle stragi di Hiroshima e Nagasaki per:
• onorare la memoria di tutte le vittime della seconda guerra
mondiale;
• chiedere con forza l'eliminazione dal pianeta di tutte le
armi di distruzione di massa.

PROGRAMMA
Sabato 6 AGOSTO 2005 - Ore 21
• Incontro presso l'Arsenale, corteo fino alla sponda sinistra
dell'Adige nei pressi del ponte di Castelvecchio.
• Lettura di testi di memoria e di impegno per la pace.
Preghiere interconfessionali.
• Posa sulle acque del fiume di lanterne con messaggi di pace.
• Canti del coro A.LI.VE di Verona e del Kirari Kids di
Nagahama (Giappone), insieme i ragazzi canteranno brani scelti per
l'occasione.
• Il fiume sarà solcato intanto da canoe che accompagneranno le
lanterne.

Per maggiori informazioni:
Pax Christi Verona
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Cultura
    A Roma a San Lorenzo il Primo Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza

    Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza

    Quattro giorni di presentazioni di libri, incontri, film, workshops, stands a cura di numerose realtà italiane e non solo per aprire dialoghi e confronti su diritti, Mediterraneo e migranti, Obiezione di Coscienza, disarmo nucleare, educazione alla nonviolenza, cultura di pace
    17 gennaio 2022 - Laura Tussi
  • Cultura
    Nessun potere è stato in grado di mettere a tacere la sua disperata vitalità

    A cento anni dalla nascita di Pier Paolo Pasolini

    Scrive Enzo Golino: “Sul vuoto che Pasolini ha lasciato permane la difficoltà di cancellarne l’ombra, e più si tenta di cancellarla e più si proietta nella realtà che stiamo vivendo”. Rimane più che mai attuale la sia critica del potere e dell'omologazione della nuova società neocapitalistica.
    14 gennaio 2022 - Dale Zaccaria
  • Pace
    La prima cosa da chiedere è di non vendere armi all'Ucraina e di non farla entrare nella Nato

    Crisi Ucraina: il ruolo proattivo dei pacifisti

    I pacifisti dovrebbero dire no a un coinvolgimento militare della Nato. La crisi in Ucraina oggi è molto simile alla crisi di Cuba del 1962. Se ne può uscire con un atto di fiducia reciproca, smantellando le armi nucleari Usa in Europa in cambio di un impegno a garantire la sicurezza dell'Ucraina.
    11 gennaio 2022 - Alessandro Marescotti
  • Conflitti

    Scongiurare il conflitto in Ucraina

    Dal Comitato Esecutivo di IPPNW un documento che invita alla moderazione e al dialogo, nello sforzo di scongiurare il grave pericolo di una guerra che potrebbe facilmente degenerare in un conflitto nucleare.
    13 gennaio 2022 - Roberto Del Bianco
  • Latina
    Due anni fa i lavoratori avevano dato vita ad una cooperativa

    Argentina: a rischio sgombero la fabbrica recuperata de La Nirva

    Sono complici il giudice che ha notificato lo sgombero e l’ex padrone che adesso vuole riprendersi edifici e macchinari
    12 gennaio 2022 - David Lifodi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)