evento

“SalvaLa Gente - Responsabilità e Sostenibilità ”

17 settembre 2005
ore 20:00

La manifestazione è nata da un’idea del Forum dei Giovani nel quadro del progetto di educazione allo sviluppo finanziato dalla Commissione Europea “Se son Rose” coordinato da Ucodep; ha ricevuto il sostegno attivo del Comune di San Casciano e di numerose realtà del mondo economico, sociale, culturale: Banca del Chianti Fiorentino, Coop, Bottega del Mondo, Mani Tese, Aucs, Soka Gattai, scuole.

SalvaLaGente è affiancata dalla campagna “Salvato!”: una foto col salvagente per dichiarare di aver acquistato la consapevolezza nelle tue scelte.

…nella consapevolezza che il futuro passa attraverso la scelta consapevole e responsabile della sostenibilità!

L’iniziativa si articola in più giornate nel territorio di San Casciano in Val di Pesa (FI): si apre

sabato 17 settembre – Parco il Poggione
mercatino equo e stand associazioni.
Cena Mexicana 15 €
per prenotazioni 347 0176319
Concerto con Tamales de Chipil (gruppo che ha suonato al Social Forum di Firenze) e Red Hot Chili Peppers cover band (per rimanere in tema di peperoncini!)
Ingresso gratuito

Mercoledì 21 settembre ore 21.30 - Sala della Biblioteca Comunale
Dove vanno a finire i nostri soldi?
I profitti del mercato globale e le possibilità del commercio equo

Mercoledì 5 ottobre ore 21.30 - Sala della Biblioteca Comunale
Comprare, viaggiare, risparmiare: verso un consumatore consapevole!

Mercoledì 19 ottobre ore 21.30 - Sala della Biblioteca Comunale
L’ambiente, le risorse ed il concetto di sostenibilità

SalvaLaGente ha lo scopo di aiutare i cittadini a comprendere l’importanza del proprio ruolo di consumatori che possono esercitare scelte consapevoli e di presentare modi di fare economia all’insegna della sostenibilità - tali da non sfruttare l’ambiente e la società in modo irreparabile- e all’insegna della responsabilità, nella consapevolezza che un sistema economico in cui tutti i soggetti coinvolti svolgano il proprio ruolo con responsabilità, nel rispetto reciproco, non può che essere sostenibile. Questi sono i temi principali che verranno analizzati e sviluppati con proiezioni video e con esperti di Lilliput, Mani Tese, Ucodep, Forum Energia, Gruppi di Acquisto Solidale durante gli incontri “del mercoledì sera”, così da far diventare una routine le buone pratiche per il futuro. Traguardo raggiungibile attraverso la giustizia commerciale ed una cooperazione paritaria e concreta, che porti benefici ad entrambe le parti. Contrapponendo la giustizia alla redditività, i diritti agli indici di crescita, le relazioni umane alla produttività.

Sembra una sfida difficile, ma qualunque viaggio, per lungo e difficile che sia, inizia con un passo.

Per maggiori informazioni:
David Rinaldi & Tiziana Saracco
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Ricorrenze del giorno

  • Anno 1998: A Viareggio muore don Beppe Socci, dopo aver speso una vita accanto agli ultimi e aver lottato, senza clamori, per una umanità semplice e nonviolenta

Dal sito

  • Cultura
    A Roma a San Lorenzo il Primo Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza

    Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza

    Quattro giorni di presentazioni di libri, incontri, film, workshops, stands a cura di numerose realtà italiane e non solo per aprire dialoghi e confronti su diritti, Mediterraneo e migranti, Obiezione di Coscienza, disarmo nucleare, educazione alla nonviolenza, cultura di pace
    17 gennaio 2022 - Laura Tussi
  • Cultura
    Nessun potere è stato in grado di mettere a tacere la sua disperata vitalità

    A cento anni dalla nascita di Pier Paolo Pasolini

    Scrive Enzo Golino: “Sul vuoto che Pasolini ha lasciato permane la difficoltà di cancellarne l’ombra, e più si tenta di cancellarla e più si proietta nella realtà che stiamo vivendo”. Rimane più che mai attuale la sia critica del potere e dell'omologazione della nuova società neocapitalistica.
    14 gennaio 2022 - Dale Zaccaria
  • Pace
    La prima cosa da chiedere è di non vendere armi all'Ucraina e di non farla entrare nella Nato

    Crisi Ucraina: il ruolo proattivo dei pacifisti

    I pacifisti dovrebbero dire no a un coinvolgimento militare della Nato. La crisi in Ucraina oggi è molto simile alla crisi di Cuba del 1962. Se ne può uscire con un atto di fiducia reciproca, smantellando le armi nucleari Usa in Europa in cambio di un impegno a garantire la sicurezza dell'Ucraina.
    11 gennaio 2022 - Alessandro Marescotti
  • Conflitti

    Scongiurare il conflitto in Ucraina

    Dal Comitato Esecutivo di IPPNW un documento che invita alla moderazione e al dialogo, nello sforzo di scongiurare il grave pericolo di una guerra che potrebbe facilmente degenerare in un conflitto nucleare.
    13 gennaio 2022 - Roberto Del Bianco
  • Latina
    Due anni fa i lavoratori avevano dato vita ad una cooperativa

    Argentina: a rischio sgombero la fabbrica recuperata de La Nirva

    Sono complici il giudice che ha notificato lo sgombero e l’ex padrone che adesso vuole riprendersi edifici e macchinari
    12 gennaio 2022 - David Lifodi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)