festa

Festa dell'Acqua - 2 Ottobre - "La corsa all'oro blu"

2 ottobre 2005

Tutto è pronto per "La corsa all'oro blu", la Festa dell'Acqua, che si terrà in Piazza Umberto I a Pignataro Maggiore(Caserta) il 2 ottobre, organizzata dall'associazione A-privativo (www.aprivativo.org), con la collaborazione del Comitato civico in difesa dell'acqua e il concorso di molte organizzazioni, tra cui: Sinistra Giovanile, Rifondazione Comunista, Laboratorio Millepiani e Centro Sociale Tempo Rosso. Un'iniziativa volta a promuovere una cultura dell'acqua come bene comune e come un diritto umano fondamentale. La programmazione della giornata parte alle 10:30 con l'apertura degli stand informativi, presso i quali potrete trovare le tessere per iscriversi all'associazione, chi è interessato, e il n°4 del bollettino associativo di satira, politica e filosofia, nonché brochure per chi desidera ricevere informazioni sulla privatizzazione dell'acqua. Si prosegue con giochi d'acqua, degustazioni, spettacoli, incontri, mostre e dibattiti preparati da organizzazioni che da anni si occupano del tema acqua nei suoi aspetti più diversi. Alle 17:30 è previsto il dibattito "Parole sull'Acqua", a cui prenderanno parte, oltre al presidente di A-privativo Carmine D'Errico, anche Domenico Cecere, della Sinistra Giovanile, Enzo Mataluna, capogruppo provinciale del PRC, il Comitato civico in difesa dell'acqua, il Laboratorio Millepiani e il Centro Sociale Tempo Rosso. I temi conduttori dell'incontro sono: la difficile situazione della distribuzione delle risorse idriche, la difesa di un governo pubblico dell'acqua, la riduzione dei consumi. Argomenti questi molto sentiti dai cittadini. Gli interventi si chiuderanno al suono della calda voce di Agnese Ginocchio, cantautrice per la pace, che presenterà il "Canto per l'Acqua". Vi aspettiamo numerosi!

Fonte: www.aprivativo.org

Per maggiori informazioni:
Carmine D'Errico
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Ricorrenze del giorno

  • Anno 1984: A Torino muore Domenico Sereno Regis, presidente del MIR italiano e attivissimo militante nonviolento

Dal sito

  • Conflitti
    Un forum per promuovere un appello contro la guerra

    Il conflitto in Ucraina e il ruolo del movimento per la pace

    In questa pagina web riportiamo le voci di tutti coloro che stanno partecipando ai webinar di PeaceLink con lo scopo di definire una piattaforma comune di obiettivi finalizzati a evitare una degenerazione dell'aspro confronto in atto fra la Russia e la Nato
    22 gennaio 2022 - Redazione PeaceLink
  • Taranto Sociale
    Lo conferma lo studio dell'OMS

    Le emissioni dello stabilimento ILVA continuano ad essere incompatibili con la salute pubblica

    Da ora in poi, con i dati OMS che vanno a confermare le precedenti Valutazioni Danno Sanitario, non si può più considerare normale una situazione anomala. Questo rapporto dell'OMS a nostro parere costituisce notizia di reato.
    22 gennaio 2022 - Comitato Cittadino per la Salute e l'Ambiente a Taranto
  • Cultura
    A Roma a San Lorenzo il Primo Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza

    Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza

    Quattro giorni di presentazioni di libri, incontri, film, workshops, stands a cura di numerose realtà italiane e non solo per aprire dialoghi e confronti su diritti, Mediterraneo e migranti, Obiezione di Coscienza, disarmo nucleare, educazione alla nonviolenza, cultura di pace
    17 gennaio 2022 - Laura Tussi
  • Cultura
    Nessun potere è stato in grado di mettere a tacere la sua disperata vitalità

    A cento anni dalla nascita di Pier Paolo Pasolini

    Scrive Enzo Golino: “Sul vuoto che Pasolini ha lasciato permane la difficoltà di cancellarne l’ombra, e più si tenta di cancellarla e più si proietta nella realtà che stiamo vivendo”. Rimane più che mai attuale la sia critica del potere e dell'omologazione della nuova società neocapitalistica.
    14 gennaio 2022 - Dale Zaccaria
  • Pace
    La prima cosa da chiedere è di non vendere armi all'Ucraina e di non farla entrare nella Nato

    Crisi Ucraina: il ruolo proattivo dei pacifisti

    I pacifisti dovrebbero dire no a un coinvolgimento militare della Nato. La crisi in Ucraina oggi è molto simile alla crisi di Cuba del 1962. Se ne può uscire con un atto di fiducia reciproca, smantellando le armi nucleari Usa in Europa in cambio di un impegno a garantire la sicurezza dell'Ucraina.
    11 gennaio 2022 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)