evento

Settimana ONU per il Disarmo

24 ottobre 2005
ore 11:25

Anche in Italia, grazie all'azione della Rete Italiana per il Disarmo, quest'anno si celebrerà la:Settimana ONU per il Disarmo

Istituita da una sessione speciale sul disarmo all'Assemblea generale nel 1978, prende sempre inizio dal 24 ottobre, Anniversario della Fondazione delle Nazioni Unite. Da allora gli Stati membri sono invitati a mettere in evidenza il pericolo della corsa alle armi, a propagandare la necessità di una loro riduzione e a incrementare la comprensione pubblica del disarmo come scelta di fondo. Dal 1995 l'Assemblea Generale ha invitato le entità della società civile ad essere parte attiva della Settimana sul Disarmo.
L'intenzione della Rete Disarmo è di rendere più conosciuta e diffusa questa Settimana internazionale, cercando di organizzare diversi momenti sui temi del disarmo per le giornate che vanno dal 24 al 30 ottobre.
Qualsiasi iniziativa (tra quelle suggerite anche in seguito) organizzata nel periodo può essere segnalata ed entrare a far parte del calendario nazionale della Settimana, che verrà diffuso a cura della Rete Disarmo. Senza dimenticare che i materiali e le indicazioni sottostanti possono essere utili anche dopo ed al di fuori della Settimana ONU, traendone però da essa origine e spunto, e rimanendone in collegamento.
Tutti gli aggiornamenti sempre sul sito Rete Disarmo alla pagina http://www.disarmo.org/rete/articles/art_13028.html

Campagna
Tutte le notizie su questa campagna si trovano facilmente alla pagina http://www.disarmo.org/controlarms La campagna sta avendo un grande successo e si sta diffondendo in maniera sempre più capillare! In Italia siamo già arrivati a quasi 20.000 immagini raccolte per la foto-petizione da un Milione di Volti (lo strumento di pressione scelto internazionalmente) e molti saranno da ora gli eventi e le mobilitazioni ad essa collegati. Cosa poter fare??

Diffondere la foto-petizione aggiungendo la propria immagine e raccogliendo quella delle persone vicine (anche online!)
Organizzare "Check Point per la Pace" sul modello di quanto fatto per la Marcia Perugia-Assisi (record mondiale di volti raccolti!!) nei propri territori e in collaborazione con associazioni del territorio
Interagire con la campagna segnalandosi come punto di riferimento locale di supporto e di raccolta immagini per la foto-petizione
Dimostrare un coinvolgimento attivo degli Enti Locali nella Campagna, sia facendo approvare una mozione apposita sia cercando di organizzare sul proprio territorio l'allestimento della mostra fotografica "Controlla le Armi!"
Estendere per quanto possibile la diffusione dei materiali della Campagna (vedi qui e qui) ed anche i gadget di sostegno come maglie e spille

Altre iniziative importanti in concomitanza con la Settimana ONU per il Disarmo

Parliamo di disarmo durante la Giornata Missionaria Mondial

Domenica 23 ottobre si celebra la Giornata Missionaria mondiale. Per questo motivo la CIMI (Conferenza degli Istituti Missionari in Italia) che aderisce alla Rete Disarmo ha pensato di concentrare la propria azione informativa e di riflessione sull'impatto negativo delle armi in tutto il mondo. L'intento è quello di agire congiuntamente fra varie realtà (del mondo missionario, della Rete Italiana per il Disarmo) per riproporre all'attenzione dell'opinione pubblica i temi del disarmo ed una lettura più attenta degli squilibri e delle ingiustizie causate dalla diffusione di armi nel mondo. Anche la scelta del periodo è importante, aprendo idealmente la Settimana delle Nazioni Unite per il Disarmo, nei giorni dal 24 al 30 di ottob

Per tutte le informazioni vedi http://www.disarmo.org/rete/articles/art_13030.html

Il Referendum Brasiliano contro il commercio di armi: dire SI alla vita
Da tempo la Rete Disarmo e molte organizzazioni ad essa collegate (in particolare Pax Christi e il Centro di ricerca per la Pace di Viterbo) stanno portando avanti una campagna informativa forte a riguardo di questo appuntamento democratico (che si terrà il 23 ottobre), importante non solo per il Brasile ma per tutte le organizzazioni che nel mondo si battono per una politica di disarmo. Invitiamo tutti i singoli e tutti i gruppi italiani a continuare l'opera di informazione e sensibilizzazione anche dopo la votazione referendaria, il cui risultato potrà avere un impatto forte su altri percorsi simili. Infatti per la prima volta nella storia viene condotto un referendum atto ad abolire integralmente la vendita di armi in un Paese. Non lasciamo soli gli amici brasiliani del disarmo!

La Campagna Abolition Now! contro le armi nucleari
Svariate sono state in tutto il mondo le iniziative condotte per il 60esimo anniversario del lancio degli ordigni atomici sul Giappone alla fine della Seconda Guerra mondiale. In Italia punto di riferimento per le iniziative sono stati i Beati Costruttori di Pace (aderenti a Rete Disarmo). Anche ora le azioni continuano, per non lasciare cadere il livello di sensibilizzazione e di attenzione verso armi di ditruzione totale, che non solo possono distruggere, come le altre, vite umane e popolazioni... ma l'intero pianeta! Puoi lasciare la tua adesione tramite questa pagina web. Durante la settimana ONU per il Disamo è inoltre in programma in Italia (a Milano) il primo incontro internazionale per la costruzione di una Rete Europea di giovani per il disarmo nucleare.

...e poi?

Moltissime altre sono le iniziative e le campagne che si possono seguire, e che la Rete Disarmo ospita fra le sue campagne e che promuove continuamente. Tutte le informazioni si trovano sul sito disarmo.org
Tra le altre ricordiamo per importanza: la Campagna Italiana contro le Mine e la Campagna di pressione alle Banche Armate in particolare per quanto riguarda l'azione relativa alle Tesorerie Disarmate

Per maggiori informazioni:
Rete italiana per il disarmo
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Mappa

Eventi dei prossimi giorni

Ricerca eventi

Dal sito

  • Pace
    Matteo annota accanto alla firma: "Che il governo sappia di non avere il nostro silenzio"

    Mobilitazione contro gli euromissili: le voci che si alzano dal basso

    La petizione online contro gli euromissili non è solo una raccolta di firme, ma un movimento di opinione che richiama l'attenzione sulle conseguenze potenzialmente catastrofiche delle scelte politiche legate alla deterrenza. E' una chiamata a raccolta dei pacifisti storici.
    21 luglio 2024 - Redazione PeaceLink
  • Pace
    La Lituania è entrata a far parte dell'Unione Europea dal 2004

    La Lituania nega l’asilo politico alla pacifista Olga Karatch: una decisione sconcertante

    Olga Karatch è stata condannata dal Tribunale bielorusso di Brest a 12 anni per i reati di “tentato colpo di stato per impadronirsi del potere statale con mezzi incostituzionali”, con le aggravanti di “screditamento della Repubblica di Bielorussia” e “diffamazione di Aleksandr Lukashenko”.
    21 luglio 2024 - Redazione PeaceLink
  • Disarmo
    Da oggi è disponibile una pagina web per avere tutte le informazioni sulla campagna

    Uniti contro gli euromissili: la tua firma conta!

    Per esprimere pubblicamente la tua contrarietà ai nuovi euromissili e unirti ad altri cittadini che chiedono un futuro di pace basta compilare il modulo online che abbiamo preparato. Ecco tutte le informazioni che cercavi.
    20 luglio 2024 - Redazione PeaceLink
  • Laboratorio di scrittura
    Cronaca della presentazione di un esposto sulle emissioni dell'ILVA

    Si fa presto a dire

    Il maresciallo comincia a scrivere. Sembriamo a buon punto. La felicità dura poco. Blackout elettrico. Il computer dei Carabinieri perde tutti i dati. Si ricomincia da capo. Così per tre volte mentre fuori si superano i quaranta gradi. L'esposto è proprio sulle vittime delle future ondate di calore.
    18 luglio 2024 - Alessandro Marescotti
  • Ecologia
    Comunicato stampa con allegati

    La valutazione di impatto sanitario sulle emissioni di CO2 dell'Ilva

    Sono di particolare importanza i dati dello studio “Il “mortality cost” delle emissioni di C02 di uno stabilimento siderurgico del Sud Italia: una valutazione degli impatti sanitari derivanti dal cambiamento climatico”. Al centro c'è la questione dell'impatto transfrontaliero e transgenerazionale.
    18 luglio 2024 - Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.7.15 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)