incontro

A Foras? – Incontro dibattito sulle servitù militari in Sardegna

22 ottobre 2005
ore 16:00 (Durata: 4 ore)

Collettivu Barbagia Reverde

A Foras? – Incontro dibattito sulle servitù militari in Sardegna

Il Collettivu Barbagia Reverde, gruppo di discussione e iniziativa politica, culturale e sociale che opera in Barbagia, organizza per il giorno sabato 22 ottobre 2005, presso l’Auditorium dell’Istituto d’Istruzione Superiore “Carmelo Floris”, in via Maristiai a Gavoi (Nu), l’incontro dibattito: A Foras? La Sardegna avamposto di guerra. Il tema della giornata sarà quello delle servitù/occupazioni militari del territorio della Sardegna.
Nel periodo in cui la Nato intensifica le esercitazioni sul suolo sardo, i pescatori di Sant’Antioco si oppongono con le loro barche, il dibattito sulle servitù militari arriva in consiglio regionale e i movimenti sono in fibrillazione, Collettivu Barbagia Reverde ha voluto quest’incontro per aumentare il livello di coscienza pubblica sulla problematica e suscitare una reazione, abbattere un altro muro di indifferenza, creare movimento e cercare una piattaforma comune attraverso la quale portare avanti una battaglia di civiltà e di pace.

I lavori inizieranno alle ore 16.00 con gli interventi di alcuni esperti che faranno il quadro sulla situazione attuale, sulla storia e sulle conseguenze per la salute, la libertà, e la sopravvivenza economica della Sardegna, delle servitù militari. La seconda parte sarà interamente dedicata alle eventuali soluzioni politiche della annosa questione.

Partecipano:

- SALVATORE SANNA: saggista e esperto sulle servitù militari
. MARIELLA CAO: Comitato Gettiamo le Basi
- PIERO MANNIRONI: giornalista della Nuova Sardegna, esperto di questioni politico-militari
. MARCO MOSTALLINO: giornalista del Giornale di Sardegna e autore del saggio: Italia radioattiva
- MATTEO FLORIS: Comitato difesa ambientale Sarrabus-Gerrei
- VINCENZO MIGALEDDU: consulente scientifico wwf. esperto in materia di radioattività e salute
- GAVINO SALE: coordinatore del movimento Indipendentzia Republica de Sardigna – Consigliere Provincia di Sassari
- MAURO BULGARELLI: deputato del parlamento italiano per i Verdi
- PAOLO PISU: consigliere regionale per Rifondazione Comunista
- BUSTIANU COMPOSTU: coordinatore nazionale di Sardigna Natzione

Invitandovi a partecipare, vi preghiamo di dare notizia dell’evento sul vostro giornale/televisione/sito o attraverso le vostre reti informali.
Grazie e tantos saludos.
Collettivu Barbagia Reverde

Collettivu Barbagia Reverde. Chi siamo?

Collettivu Barbagia Reverde è un gruppo di impegno sociale, culturale e politico libero, laico e indipendente dalle logiche dei partiti nato dall’esigenza di risvegliare la coscienza critica e la voglia di partecipazione nei paesi della Barbagia. Il collettivo affonda le sue radici nei valori del pensiero libertario, umanista, pacifista, non-violento, antifascista e antirazzista e intende agire contro l’emarginazione e le disuguaglianze sociali, per affermare i diritti fondamentali dell’uomo. Il collettivo crede nel diritto all’autodeterminazione del popolo sardo e si batte perché si affermi un nuovo modo di essere sardi e antagonisti in alternativa al pensiero unico e all’appiattimento della globalizzazione. Dalla storia delle nostre comunità pensiamo che nasca lo spirito ribelle del collettivo, ma anche quello spirito solidale e comunitario che è parte della nostra identità.
Il collettivo ha in cantiere diverse proposte e iniziative nei campi della cultura, dell’arte, dell’aggregazione sociale, dell’azione ambientalista, dello sviluppo e dell’economia sostenibile, della solidarietà, della protesta e proposta politica, della informazione alternativa e del lavoro volontario.

Per maggiori informazioni:
Collettivu Barbagia Reverde
329 8813769
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Disarmo
    24.583,2 milioni di euro esclusi i finanziamenti per le missioni internazionali e del MISE

    Questione di valori: la corsa al riarmo italiano inseguendo l'America di Biden e NATO 2030

    il termine “assenza di occidente” era presente nel Rapporto sulla sicurezza di Monaco 2020 e rifletteva il diffuso sentimento di disagio e irrequietezza di fronte alla crescente incertezza sul futuro
    19 aprile 2021 - Rossana De Simone
  • Disarmo
    Una speranza di cambiamento mondiale

    Agenda ONU per il disarmo nucleare

    Le armi nucleari sono le armi più pericolose sulla terra. Una piccola ogiva può distruggere un'intera città, ma qui parliamo di arsenali che possono sterminare centinaia di milioni di persone, mettendo a repentaglio l'ambiente naturale e la vita delle generazioni future
    14 aprile 2021 - Laura Tussi
  • Taranto Sociale
    A cura di Max Perrini

    Video su Taranto, l'ambiente e la salute

    Il Comitato cittadino per la Salute e l'Ambiente a Taranto ha creato un canale su Youtube. Vi riportiamo il link per accedervi
    Redazione PeaceLink
  • Ecologia
    E' in Germania, ha 220 mila abitanti e ha creato 13 mila posti di lavoro nella green economy

    Friburgo, i sette impatti della Green City

    Non e' una citta' ma una esperienza di anticipazione del futuro; nel tempo indicativo esiste il 'futuro anteriore' e Friburgo e' qualcosa che viene prima del futuro. Questi sono i primi sette impatti che Friburgo ha avuto su di me
    20 luglio 2012 - Alessandro Marescotti
  • Citizen science
    Open Data Sicilia 2021

    Monitoraggio della qualità dell'aria in provincia di Siracusa

    PeaceLink presenta una semplice ma importante iniziativa per liberare i dati del monitoraggio ambientale e renderli così fruibili a tutti
    16 aprile 2021 - Francesco Iannuzzelli
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)