manifestazione

FIACCOLATA SUSA MOMPANTERO

5 novembre 2005
ore 20:30 (Durata: 2 ore)

Mompantero continua ad essere un paese militarizzato:
la gente che vi abita non può circolare liberamente, il 1 novembre ha dovuto esibire la Carta d'Itentità per entrare nel cimitero...

Mompantero ha circa 800 abitanti e la gente da lunedì non può muoversi liberamente, c’è paura ad uscire di casa, si viene continuamente fermati, perquisiti e interrogati, tutti, dai bambini ai vecchi che vanno al cimitero e nella stessa situazione si trovano altri Comuni della valle.

La presenza militare continua ad essere pressante, dalla sera del 31 i poliziotti presidiano questo paese, che è sotto assedio ed è stimato in 1500 il numero dei poliziotti presenti in Valle Susa che continuano il presidio militare anche se le manifestazioni sono finite.
Una donna che ha bisogno di assistenza medica in casa non ha potuto ricevere la visita dell'infermiera (è stato comunicao pubblicamente dal Sindaco di Bussoleno mercoledì sera ad un'affollatissima assemblea.

Perché la polizia è ancora li ora? I Sindaci e il Presidente della Comunità Montana hanno chiesto l’immediati sgombero delle forze dell’ordine, non conoscendo i motivi di una presenza così massiccia di polizia.

Per questi e per altri piccoli (grandi) segnali di militarizzazzione, è stata decisa una fiaccolata fra Susa e Mompantero per
SABATO 5 NOVEMBRE ORE 20,30

partenza piazza d'Armi Susa (vicino alla stazione) arrivo a
Mompantero

Nel frattempo rinnovo l'invito a visitare i siti
http://www.notavtorino.org/
http://www.legambientevalsusa.it/
che contengono una fornita ed ufficiale documentazione sulle inoppugnabili ragioni che rendono la TAV/TAC Torino-Lyone una follia economica, sociale, ambientale.

Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Pace
    Entrambe includono tematiche comuni nella propria area di competenza e hanno punto di contatto

    Educazione civica ed educazione alla pace: un confronto

    L'evoluzione dell’educazione civica ha portato a un sempre maggiore avvicinamento della stessa all’educazione alla pace, fino ad una sovrapposizione di competenze, che oggi può in certi contesti rendere difficile distinguere le due discipline.
    10 gennaio 2021 - Manuela Fabbro
  • Storia della Pace
    L'opposizione alla guerra è nata con la guerra stessa

    Le radici storiche del pacifismo

    Il movimento pacifista può diventare un soggetto storico consapevole dei propri compiti solo se ha la consapevolezza della sua storia. La storia della pace studia l'impegno positivo di chi si è opposto alla guerra. Ma è anche analisi strutturale delle cause dei conflitti armati.
    15 gennaio 2021 - Alessandro Marescotti, Daniele Marescotti
  • Processo Ilva
    Il padre Mauro Zaratta: "Mio figlio aveva il diritto di nascere sano, di giocare, di crescere"

    Nove dirigenti ILVA indagati per la morte di un bambino di Taranto

    Per la procura di Taranto, sono state le emissioni velenose dell’ex Ilva a causare la morte del piccolo Lorenzo Zaratta avvenuta il 30 luglio 2014 per un tumore al cervello. Per i pm, le emissioni avrebbero causato “una grave malattia durante il periodo in cui era allo stato fetale”.
    15 gennaio 2021 - AGI (Agenzia Giornalistica Italia)
  • Conflitti
    La repubblica delle banane

    Dopo l’assalto al Campidoglio, il Congresso annuncia la vittoria di Biden

    15 gennaio 2021 - Joey Garrison, Deirdre Shesgreen
  • Latina
    Il 7 febbraio presidenziali in Ecuador

    Elezioni in America latina: il 2021 sarà un anno cruciale

    Si va alle urne fino a novembre, per presidenziali, amministrative e legislative, anche in Perù, El Salvador, Cile, Messico, Bolivia, Honduras e Nicaragua
    14 gennaio 2021 - David Lifodi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.38 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)