incontro

Sabato 10 dicembre riunione nazionale per la manifestazione nazionale sulla Palestina Ore 10.00, via Giolitti 231 (a fianco della stazione Termini)

10 dicembre 2005


Care compagne e compagni,

ci siamo lasciati appena alle spalle le iniziative per la settimana
internazionale contro il Muro dell'apartheid e siamo dovuti correre a dare
sostegno al sindaco di Marano "linciato" per aver dedicato una strada ad
Arafat. Abbiamo sentito il sindaco ed ha affermato di aver ricevuto
centinaia di messaggi di solidarietà da tutta Italia e dunque di sentirsi
rafforzato nella propria scelta.

E' un risultato importante come lo erano stati a Pisa, Firenze, Torino
quando i compagni dei comitati di solidarietà con la Palestina erano stati
attaccati e criminalizzati.

Dobbiamo imparare ad agire in rete ancora meglio di come abbiamo saputo
fare - con successo - fino ad ora.

E' evidente - ed abbiamo fatto autocritica pubblicamente in questi giorni -
come l'abbassamento di tono delle iniziative in solidarietà con il popolo
palestinese abbia lasciato tutto lo spazio politico alle scelte
filo-israeliane e guerrafondaie del governo e a quel complesso di forze che
abbiamo ribattezzato il "likudzik system"operativo anche in Italia. Abbiamo
anche verificato - con la marcia pro-Israele e pro-guerra di Giuliano
Ferrara - come una larghissima parte della sinistra sia subalterna o
pienamente complice della politica filoisraeliana del governo e della
destra. Se questo è il personale politico che determinerà il prossimo
governo e la sua politica estera, è evidente che non possiamo rimanere
fermi né limitarci a iniziative di routine.

Nel nostro paese c'è bisogno di iniziative politiche forti nei contenuti e
nell'efficacia che impediscano arretramenti devastanti sul piano delle
scelte concrete di politica internazionale.

Nei dibattiti e negli incontri di queste settimane in varie città italiane,
è emersa l'esigenza di mettere in campo nei prossimi mesi (si è parlato di
febbraio) una manifestazione nazionale che rimetta la Palestina (ma anche
l'Iraq e il Medio Oriente) al centro dell'agenda politica.

Per questo è stata convocata una riunione nazionale sabato 10 dicembre (ore
10.00, via Giolitti 231) per discutere della manifestazione nazionale per
la Palestina.

Invitiamo tutti a essere presenti o a inviare almeno un portavoce per ogni
città che possa partecipare alla discussione e mantenere il coordinamento
nelle prossime settimane. A questa riunione non ci saranno ovviamente solo
i compagni del Forum Palestina ma tutti coloro che in queste settimane
hanno dato vita alle iniziative di solidarietà con la lotta del popolo
palestinese.

Ciao e buon lavoro a tutte e a tutti

Per maggiori informazioni:
Forum Palestina + altri
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Conflitti
    Un forum per promuovere un appello contro la guerra

    Il conflitto in Ucraina e il ruolo del movimento per la pace

    In questa pagina web riportiamo le voci di tutti coloro che stanno partecipando ai webinar di PeaceLink con lo scopo di definire una piattaforma comune di obiettivi finalizzati a evitare una degenerazione dell'aspro confronto in atto fra la Russia e la Nato
    22 gennaio 2022 - Redazione PeaceLink
  • Taranto Sociale
    Lo conferma lo studio dell'OMS

    Le emissioni dello stabilimento ILVA continuano ad essere incompatibili con la salute pubblica

    Da ora in poi, con i dati OMS che vanno a confermare le precedenti Valutazioni Danno Sanitario, non si può più considerare normale una situazione anomala. Questo rapporto dell'OMS a nostro parere costituisce notizia di reato.
    22 gennaio 2022 - Comitato Cittadino per la Salute e l'Ambiente a Taranto
  • Cultura
    A Roma a San Lorenzo il Primo Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza

    Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza

    Quattro giorni di presentazioni di libri, incontri, film, workshops, stands a cura di numerose realtà italiane e non solo per aprire dialoghi e confronti su diritti, Mediterraneo e migranti, Obiezione di Coscienza, disarmo nucleare, educazione alla nonviolenza, cultura di pace
    17 gennaio 2022 - Laura Tussi
  • Cultura
    Nessun potere è stato in grado di mettere a tacere la sua disperata vitalità

    A cento anni dalla nascita di Pier Paolo Pasolini

    Scrive Enzo Golino: “Sul vuoto che Pasolini ha lasciato permane la difficoltà di cancellarne l’ombra, e più si tenta di cancellarla e più si proietta nella realtà che stiamo vivendo”. Rimane più che mai attuale la sia critica del potere e dell'omologazione della nuova società neocapitalistica.
    14 gennaio 2022 - Dale Zaccaria
  • Pace
    La prima cosa da chiedere è di non vendere armi all'Ucraina e di non farla entrare nella Nato

    Crisi Ucraina: il ruolo proattivo dei pacifisti

    I pacifisti dovrebbero dire no a un coinvolgimento militare della Nato. La crisi in Ucraina oggi è molto simile alla crisi di Cuba del 1962. Se ne può uscire con un atto di fiducia reciproca, smantellando le armi nucleari Usa in Europa in cambio di un impegno a garantire la sicurezza dell'Ucraina.
    11 gennaio 2022 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)