incontro

Sabato 10 dicembre riunione nazionale per la manifestazione nazionale sulla Palestina Ore 10.00, via Giolitti 231 (a fianco della stazione Termini)

10 dicembre 2005


Care compagne e compagni,

ci siamo lasciati appena alle spalle le iniziative per la settimana
internazionale contro il Muro dell'apartheid e siamo dovuti correre a dare
sostegno al sindaco di Marano "linciato" per aver dedicato una strada ad
Arafat. Abbiamo sentito il sindaco ed ha affermato di aver ricevuto
centinaia di messaggi di solidarietà da tutta Italia e dunque di sentirsi
rafforzato nella propria scelta.

E' un risultato importante come lo erano stati a Pisa, Firenze, Torino
quando i compagni dei comitati di solidarietà con la Palestina erano stati
attaccati e criminalizzati.

Dobbiamo imparare ad agire in rete ancora meglio di come abbiamo saputo
fare - con successo - fino ad ora.

E' evidente - ed abbiamo fatto autocritica pubblicamente in questi giorni -
come l'abbassamento di tono delle iniziative in solidarietà con il popolo
palestinese abbia lasciato tutto lo spazio politico alle scelte
filo-israeliane e guerrafondaie del governo e a quel complesso di forze che
abbiamo ribattezzato il "likudzik system"operativo anche in Italia. Abbiamo
anche verificato - con la marcia pro-Israele e pro-guerra di Giuliano
Ferrara - come una larghissima parte della sinistra sia subalterna o
pienamente complice della politica filoisraeliana del governo e della
destra. Se questo è il personale politico che determinerà il prossimo
governo e la sua politica estera, è evidente che non possiamo rimanere
fermi né limitarci a iniziative di routine.

Nel nostro paese c'è bisogno di iniziative politiche forti nei contenuti e
nell'efficacia che impediscano arretramenti devastanti sul piano delle
scelte concrete di politica internazionale.

Nei dibattiti e negli incontri di queste settimane in varie città italiane,
è emersa l'esigenza di mettere in campo nei prossimi mesi (si è parlato di
febbraio) una manifestazione nazionale che rimetta la Palestina (ma anche
l'Iraq e il Medio Oriente) al centro dell'agenda politica.

Per questo è stata convocata una riunione nazionale sabato 10 dicembre (ore
10.00, via Giolitti 231) per discutere della manifestazione nazionale per
la Palestina.

Invitiamo tutti a essere presenti o a inviare almeno un portavoce per ogni
città che possa partecipare alla discussione e mantenere il coordinamento
nelle prossime settimane. A questa riunione non ci saranno ovviamente solo
i compagni del Forum Palestina ma tutti coloro che in queste settimane
hanno dato vita alle iniziative di solidarietà con la lotta del popolo
palestinese.

Ciao e buon lavoro a tutte e a tutti

Per maggiori informazioni:
Forum Palestina + altri
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Dal sito

  • Pace
    Patrizia Mainardi si racconta

    L'Antifascismo di padre in figlia

    "Mobilitarsi significa agire, partecipare, manifestare e rivendicare il rispetto delle fondamentali esigenze della convivenza sociale". Intervista alla Presidente Anpi Salsomaggiore Terme, figlia di Anteo, il Partigiano "Canto".
    6 agosto 2020 - Laura Tussi
  • Disarmo
    Un video di Pax Christi International

    Il costo delle armi nucleari

    Un confronto fra le spese mondiali per fronteggiare la pandemia del Covid-19 e le spese militari connesse alla supremazia nucleare.
    6 agosto 2020 - Redazione PeaceLink
  • Ecologia
    Grandi eventi e tutela ambientale

    Mondiali 2021 e Olimpiadi 2026 sulle Dolomiti

    Le associazioni ambientaliste lanciano l'allarme, "i progetti avviati non sono conformi alla Carta di Cortina 2021 e alla certificazione ISO 20121"
    4 agosto 2020 - Maria Pastore
  • Disarmo
    Nelle basi Nato di Aviano (Pordenone) e Ghedi (Brescia) ci sono 70 testate atomiche americane

    A 75 anni dalla tragedia di Hiroshima e Nagasaki

    La commemorazione di Hiroshima e Nagasaki deve convincere a prendere finalmente decisioni di disarmo, almeno di disarmo atomico, troppo a lungo rimandate.  È inaccettabile che il nostro paese, che ripudia la guerra e ha fatto la scelta antinucleare, ospiti armi nucleari
    6 agosto 2020 - MIR (Movimento Internazionale della Riconciliazione)
  • Latina
    I paramilitari attaccano i municipi occupati dai comuneros con metodi da Ku Klux Klan

    Araucanía: violenza razzista di Stato contro i mapuche

    Preoccupano le condizioni di salute dei prigionieri politici mapuche in sciopero della fame
    5 agosto 2020 - David Lifodi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)