conferenza

Le armi,le industrie e le banche La possibile conversione

9 gennaio 2006
ore 18:00

Gruppi di potere trasversali impediscono di dare attuazione ad una legge vigente (la 185 del 1990) sul controllo della produzione e commercio delle armi da guerra.
Le esportazioni di armi italiane sono dirette anche verso paesi in guerra
o responsabili di violazioni dei diritti umani.
Difesa della Nazione o degli interessi di pochi?
• Non si può parlare di pace senza affrontare la riconversione industriale delle fabbriche di armi e la smilitarizzazione del territorio con la chiusura delle basi non distruggendo posti di lavoro e puntando al recupero per la pubblica utilità.
• Occorrono scelte politiche di spesa coerenti a livello regionale, nazionale ed europeo, senza eludere la questione dell’uso della forza e la resistenza
all’ingiustizia.
• Vogliamo avviare un percorso di confronto e dialogo su argomenti che non
possono essere piegati a scopi elettorali perché sono alla radice della nostra
convivenza civile e si appellano alla coscienza di ognuno, oltre ogni ideologia.

Renato Sacco referente nazionale di Pax Christi per la campagna di
pressione sulle "banche armate"

Gianni Alioti, responsabile internazionale metalmeccanici CISL,
testimone del ruolo che il sindacato deve svolgere in materia di pace e disarmo

Eugenio Melandri, direttore di Solidarietà Internazionale, tra gli artefici
della legge 185 del 1990 sul commercio delle armi

Maurizio Simoncelli, storico, docente di geopolitica dei conflitti,
membro direttivo di Archivio Disarmo

Dibattito e Laboratorio Associazione Teresio Olivelli

Per maggiori informazioni:
3280531322
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • PeaceLink
    L’obiezione di coscienza di Daniel Hale

    Italiani per Hale

    L’ex analista dell'intelligence Usa è in carcere perché ha svelato i danni collaterali dei droni. Ha detto: "Abbiamo ucciso persone che non c’entravano nulla con l’11 settembre". Alex Zanotelli aderisce a questa campagna e dice: “Daniel Hale è un eroe del nostro tempo, è un dovere sostenerlo".
    18 settembre 2021 - Redazione PeaceLink
  • Sociale
    Sul programma televisivo Forum

    Basta! Anche io ora dico la mia

    Violenze maschili contro le donne, patriarcato, femminicidi anche in vita: la testimonianza di Ilaria Di Roberto – scrittrice, artista, attivista femminista radicale, vittima di violenza e cyber bullismo – dopo le parole di Barbara Palombelli.
    19 settembre 2021 - Alessio Di Florio
  • Editoriale
    Questo video mostra l’uccisione spietata di un civile disarmato afghano

    Perché la maggioranza degli afghani ha preferito i Talebani agli occidentali?

    Il noto programma TV australiano “Four Corners”, simile a “Report” e “Presa Diretta” in Italia, ha ritrasmesso il video di un soldato australiano mentre uccide un civile afghano a sangue freddo. Si riaccende la polemica intorno alle “forze speciali” e a come vengono addestrate.
    13 settembre 2021 - Patrick Boylan
  • Disarmo
    Comunicato stampa di Stop RWM e Madri contro la repressione

    "Non vogliamo la fabbrica di bombe"

    Il 23 settembre ci sarà la prima udienza in Consiglio di Stato contro la fabbrica di bombe RWM (Domusnovas, Sardegna) per il ricorso sporto da Italia Nostra, USB, CSS-Assotziu Consumadoris.
    17 settembre 2021 - Redazione PeaceLink
  • PeaceLink
    Le cose fatte e da fare

    Pagina web della Campagna Guantanamo

    L'obiettivo della campagna è quello di chiedere la chiusura della prigione americana di Guantanamo. La campagna si rivolge al presidente del Consiglio Mario Draghi e ai parlamentari italiani ed europei perché facciano pressione sul governo USA e lo richiamino al rispetto dei diritti umani.
    15 settembre 2021 - Campagna Guantanamo
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)