convegno

Esilio: convegno sui diritti umani a 30 anni dal golpe argentino

7 marzo 2006
ore 15:00 (Durata: 4 ore)

Il convegno avrà come tema principale l'esilio, sia l'esperienza dell'esilio italiano in Argentina che dell'esilio argentino in Italia. A parlarne alcuni dei protagonisti che hanno vissuto l'esilio sulla propria pelle come Lita Boitano, Comitato dei Familiares degli italiani desaparecidos, Vera Vigevani Jarach, una delle madri storiche di Plaza de Mayo, Norma Berti, ex prigioniera politica argentina e desaparecidas per sei mesi; oltre alla presenza illustre di storici, professori universitari, giornalisti e politici, come Arrigo Levi, Italo Moretti, Pietro Farnesi, Anna Germani, Monica Cirinnà, Senatore Franco Danieli, Paolo Masini, Cora Herrendorf , Augusto Rodriguez Jauregui, Ettore Masina e Victorio Taccetti.

In questa occasione verrà inoltre presentato il libro “Trasfigurazione, una storia di desaparecidos, accoglienza e solidarietà” di Valentina Cavalletti.

Nelle pagine del libro si narra la storia dell’incontro tra due realtà completamente differenti: i familiari dei desaparecidos argentini, che tentarono di rompere in tutti i modi il muro di silenzio e di omertà alzato intorno alla loro vicenda e la parrocchia della Trasfigurazione a Monteverde, dove alcuni sacerdoti insieme alla gente del quartiere svilupparono, sulla base dei dettami del Concilio Vaticano II, un’esperienza comunitaria innovativa.
Nella vicenda spicca la figura di Don Andrea Santoro, viceparroco di allora, che è stato barbaramente ucciso in Turchia, lo scorso 5 febbraio, da un adolescente turco di religione islamica, proprio mentre era in stampa questa pubblicazione.

Per maggiori informazioni:
Maura Crudeli
338 9765786
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Ricorrenze del giorno

  • Anno 1984: A Torino muore Domenico Sereno Regis, presidente del MIR italiano e attivissimo militante nonviolento

Dal sito

  • Conflitti
    Un forum per promuovere un appello contro la guerra

    Il conflitto in Ucraina e il ruolo del movimento per la pace

    In questa pagina web riportiamo le voci di tutti coloro che stanno partecipando ai webinar di PeaceLink con lo scopo di definire una piattaforma comune di obiettivi finalizzati a evitare una degenerazione dell'aspro confronto in atto fra la Russia e la Nato
    22 gennaio 2022 - Redazione PeaceLink
  • Taranto Sociale
    Lo conferma lo studio dell'OMS

    Le emissioni dello stabilimento ILVA continuano ad essere incompatibili con la salute pubblica

    Da ora in poi, con i dati OMS che vanno a confermare le precedenti Valutazioni Danno Sanitario, non si può più considerare normale una situazione anomala. Questo rapporto dell'OMS a nostro parere costituisce notizia di reato.
    22 gennaio 2022 - Comitato Cittadino per la Salute e l'Ambiente a Taranto
  • Cultura
    A Roma a San Lorenzo il Primo Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza

    Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza

    Quattro giorni di presentazioni di libri, incontri, film, workshops, stands a cura di numerose realtà italiane e non solo per aprire dialoghi e confronti su diritti, Mediterraneo e migranti, Obiezione di Coscienza, disarmo nucleare, educazione alla nonviolenza, cultura di pace
    17 gennaio 2022 - Laura Tussi
  • Cultura
    Nessun potere è stato in grado di mettere a tacere la sua disperata vitalità

    A cento anni dalla nascita di Pier Paolo Pasolini

    Scrive Enzo Golino: “Sul vuoto che Pasolini ha lasciato permane la difficoltà di cancellarne l’ombra, e più si tenta di cancellarla e più si proietta nella realtà che stiamo vivendo”. Rimane più che mai attuale la sia critica del potere e dell'omologazione della nuova società neocapitalistica.
    14 gennaio 2022 - Dale Zaccaria
  • Pace
    La prima cosa da chiedere è di non vendere armi all'Ucraina e di non farla entrare nella Nato

    Crisi Ucraina: il ruolo proattivo dei pacifisti

    I pacifisti dovrebbero dire no a un coinvolgimento militare della Nato. La crisi in Ucraina oggi è molto simile alla crisi di Cuba del 1962. Se ne può uscire con un atto di fiducia reciproca, smantellando le armi nucleari Usa in Europa in cambio di un impegno a garantire la sicurezza dell'Ucraina.
    11 gennaio 2022 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)