incontro

COMUNICHIAMO LA PACE

15 giugno 2006
ore 18:30 (Durata: 2 ore)

“I Care” associazione cittadina contro tutte le guerre, il Comune di Bitonto, Assessorato alle Politiche Sociali e Giovanili e il Comune di Andria, Assessorato alla Cultura e Politiche Sociali, in collaborazione con “Eirene”, foglio di cultura della pace del comune di Andria, e l’Ufficio Comunicazione del Comune di Bitonto, invitano a partecipare al pubblico incontro “Comunichiamo la pace” che si terrà giovedì 15 giugno alle ore 18,30 presso l’ex convento dei Cappuccini. ( Bitonto, in fondo a via Traetta).

L’impegno di ciascuno nella costruzione di una società più giusta non può prescindere da un’informazione di pace. La pace si nutre di un´informazione e di una comunicazione libera, attenta al bene comune, vicina ai diritti e bisogni della persona e rispettosa della sua dignità, così come una libera informazione può crescere solo nella pace. La triste realtà quotidiana del nostro paese, purtroppo, ci mostra come pace e informazione siano due beni fondamentali a rischio. Per non rimanere muti spettatori a questo scenario, per dare voce alla pace, per tracciare nuove strade di verità nasce “Comunichiamo la pace”. Al pubblico incontro, dopo i saluti degli amministratori Francesco Paolo Ricci, assessore alle Politiche Sociali e Giovanili, Comune di Bitonto, Vito Masciale, assessore all’Accoglienza, Comune di Bitonto, e Paolo Farina, assessore alla Cultura e Politiche Giovanili, Comune di Andria, interverranno i giornalisti Pino Bruno, consigliere nell’ordine nazionale dei giornalisti, e Vincenzo Rutigliano, direttore responsabile di Eirene, foglio di cultura della pace promosso dal Comune di Andria. La sensibilità e le professionalità dei relatori permetteranno di scorgere la problematica da prospettive diverse e di individuare strumenti ed interventi per costruire una informazione di pace nel locale, partendo dal quotidiano.
Ma la comunicazione non passa soltanto attraverso la parola, assume talvolta le forme e i colori dell’immagine: a Domenico Sicolo, brillante fumettista bitontino, il compito di comunicare la pace attraverso “Bum”; una storia che legge la guerra e la pace attraverso gli occhi di bambino. Il lavoro, vincitore del primo premio come Miglior Sceneggiatura Adnkronos Libri- Corto Circuito- Festival Europeo della Comunicazione Audiovisiva Breve (Palazzo Reale - Napoli - 1998), si compone di sei tavole di fumetti e rimarrà in mostra tutta la serata.

Per maggiori informazioni:
Marica Buquicchio
3288594848
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Latina

    Crisi climatica e il rischio di difendere i beni comuni

    Rapporto di Global Witness evidenzia drammatico aumento degli attacchi mortali
    19 settembre 2021 - Giorgio Trucchi
  • Disarmo
    Il Pentagono finalmente ammette l’«orribile errore»

    Il drone americano a Kabul ha fatto una strage di civili

    Un missile americano il 29 agosto ha ucciso 10 persone innocenti. Zamarai Ahmadi, obiettivo del drone, lavorava per una organizzazione umanitaria Usa. Non trasportava esplosivo, ma «taniche d’acqua per la sua famiglia». Il generale Mark Milley aveva inizialmente definito l’attacco «giusto».
    19 settembre 2021 - Marina Catucci
  • PeaceLink
    L’obiezione di coscienza di Daniel Hale

    Italiani per Hale

    L’ex analista dell'intelligence Usa è in carcere perché ha svelato i danni collaterali dei droni. Ha detto: "Abbiamo ucciso persone che non c’entravano nulla con l’11 settembre". Alex Zanotelli aderisce a questa campagna e dice: “Daniel Hale è un eroe del nostro tempo, è un dovere sostenerlo".
    18 settembre 2021 - Redazione PeaceLink
  • Sociale
    Sul programma televisivo Forum

    Basta! Anche io ora dico la mia

    Violenze maschili contro le donne, patriarcato, femminicidi anche in vita: la testimonianza di Ilaria Di Roberto – scrittrice, artista, attivista femminista radicale, vittima di violenza e cyber bullismo – dopo le parole di Barbara Palombelli.
    19 settembre 2021 - Alessio Di Florio
  • Editoriale
    Questo video mostra l’uccisione spietata di un civile disarmato afghano

    Perché la maggioranza degli afghani ha preferito i Talebani agli occidentali?

    Il noto programma TV australiano “Four Corners”, simile a “Report” e “Presa Diretta” in Italia, ha ritrasmesso il video di un soldato australiano mentre uccide un civile afghano a sangue freddo. Si riaccende la polemica intorno alle “forze speciali” e a come vengono addestrate.
    13 settembre 2021 - Patrick Boylan
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)