manifestazione

IX Marcia della Pace

14 dicembre 2003
ore 15:00

organizzata dal Comitato "Caserta Città di Pace".

NO ALLA GUERRA, all’uso delle armi e all’occupazione di territori, quale soluzione per risolvere problemi politici, tensioni sociali e fenomeni come il terrorismo, e per evitare l’innescarsi, sempre più, della spirale della violenza;
NO AL TERRORISMO e a tutte le forme di resistenza armata quale risposta alle situazioni di ingiustizia, di disuguaglianza, di insofferenza o malcontento a livello locale e mondiale, di rabbia e di disapprovazione nei confronti di politiche internazionali e regionali;
NO ALLA PRODUZIONE DELLE ARMI che alimenta e sostiene il terrorismo e le guerre;
NO AL RAZZISMO e ad ogni tipo di discriminazione politica, economica, sociale, culturale e religiosa;
NO ALLA PARTECIPAZIONE ITALIANA ALL’AZIONE MILITARE IN IRAQ E ASSOLUTAMENTE NO AL RINNOVO DELLA PRESENZA DEL CONTINGENTE ITALIANO in quanto “l’Italia ripudia la guerra” (art.11 Cost. Italiana) e la presenza militare in Iraq fa del nostro paese una “potenza occupante”.
E intendiamo sostenere e farci promotori di una vera cultura della pace affermando il nostro:
SI ALLA PACE, alla non violenza, al perdono, alla giustizia sociale, unica via per la promozione del bene comune, lo sviluppo della libertà e della democrazia, l’autodeterminazione dei popoli, la convivenza tra culture diverse;
 SI ALLA MEDIAZIONE INTERNAZIONALE E ALLE INIZIATIVE DI AIUTO UMANITARIO affinché prevalga il dialogo e il negoziato sulla violenza e sulle armi, e siano promossi, sostenuti ed incoraggiati aiuti da parte di enti, associazioni e organizzazioni non governative, coordinate dalle agenzie delle Nazioni Unite, quale segno inequivocabile di impegno umanitario a favore della popolazione irachena;
SI ALLA RICONVERSIONE DELL’INDUSTRIA BELLICA, per sostenere progetti umanitari in risposta ai bisogni primari di tante popolazioni disagiate;
SI AI DIRITTI PER OGNI UOMO E DONNA DELLA TERRA per un mondo senza confini, senza barriere e senza muri;
SI AL RITIRO DELLA PRESENZA MILITARE ITALIANA IN IRAQ quale segno forte di impegno della politica italiana nel disinnescare la spirale della violenza e dell’odio che tende ad estendersi ad altre nazioni con conseguenze inimmaginabili

Diocesi di Caserta

Per maggiori informazioni:
Centro Pastorale Giovanile
Tel/Fax 0823.214554/8
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Cultura
    A Roma a San Lorenzo il Primo Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza

    Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza

    Quattro giorni di presentazioni di libri, incontri, film, workshops, stands a cura di numerose realtà italiane e non solo per aprire dialoghi e confronti su diritti, Mediterraneo e migranti, Obiezione di Coscienza, disarmo nucleare, educazione alla nonviolenza, cultura di pace
    17 gennaio 2022 - Laura Tussi
  • Cultura
    Nessun potere è stato in grado di mettere a tacere la sua disperata vitalità

    A cento anni dalla nascita di Pier Paolo Pasolini

    Scrive Enzo Golino: “Sul vuoto che Pasolini ha lasciato permane la difficoltà di cancellarne l’ombra, e più si tenta di cancellarla e più si proietta nella realtà che stiamo vivendo”. Rimane più che mai attuale la sia critica del potere e dell'omologazione della nuova società neocapitalistica.
    14 gennaio 2022 - Dale Zaccaria
  • Pace
    La prima cosa da chiedere è di non vendere armi all'Ucraina e di non farla entrare nella Nato

    Crisi Ucraina: il ruolo proattivo dei pacifisti

    I pacifisti dovrebbero dire no a un coinvolgimento militare della Nato. La crisi in Ucraina oggi è molto simile alla crisi di Cuba del 1962. Se ne può uscire con un atto di fiducia reciproca, smantellando le armi nucleari Usa in Europa in cambio di un impegno a garantire la sicurezza dell'Ucraina.
    11 gennaio 2022 - Alessandro Marescotti
  • Conflitti

    Scongiurare il conflitto in Ucraina

    Dal Comitato Esecutivo di IPPNW un documento che invita alla moderazione e al dialogo, nello sforzo di scongiurare il grave pericolo di una guerra che potrebbe facilmente degenerare in un conflitto nucleare.
    13 gennaio 2022 - Roberto Del Bianco
  • Latina
    Due anni fa i lavoratori avevano dato vita ad una cooperativa

    Argentina: a rischio sgombero la fabbrica recuperata de La Nirva

    Sono complici il giudice che ha notificato lo sgombero e l’ex padrone che adesso vuole riprendersi edifici e macchinari
    12 gennaio 2022 - David Lifodi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)