conferenza

SULLA STRADA PER BEIRUT Dalla rivoluzione dei cedri alla guerra tra Hezbollah e Israele, con Iran e USA sullo sfondo.

14 novembre 2006
ore 12:30 (Durata: 2 ore)

Intervengono:
Gad Lerner
giornalista libanese, conduttore de L'Infedele

Camille Eid
giornalista libanese, inviato di Avvenire in Medio Oriente

Paolo Magri
segretario generale Istituto di Studi di Politica Internazionale

don Fabio Corazzina
coordinatore nazionale Pax Christi

Beirut. Febbraio 2005. I servizi segreti siriani assassinano Rafik Hariri, ex-premier libanese. Inizia la rivoluzione dei cedri, il Libano sembra il nuovo volto del Medio Oriente, dopo l'Ucraina e la Georgia, la rivoluzione di velluto approda sul Mediterraneo.
Estate 2006. Dopo l'offensiva contro Gaza per liberare il soldato rapito, Israele inizia l'operazione "Pioggia d'estate". Attacca il Libano del Sud e Beirut per fermare Hezbollah, il "partito di dio" sciita armato dall'Iran che lancia missili sulle città israeliane. Finalmente il cessate il fuoco, che Gerusalemme vive come una sconfitta e Hezbollah come un trionfo. Arrivano le forze di sicurezza internazionali, anche gli italiani.
E oggi?

Per maggiori informazioni:
Lilliput - studenti indipendenti
3397596480
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Laboratorio di scrittura
    Occorre appoggiare questa inchiesta e farne una bandiera di onestà e di trasparenza

    Dai veleni dell'Ilva al puzzo dell'inchiesta di Potenza

    Che l'Ilva inquinasse lo si sapeva. Ma qui si arriva a un livello di manipolazione delle istituzioni inusitato. Un sistema di potere occulto - con manovre bipartisan - ha tentato di fermare a Taranto l'intransigenza della magistratura prima dall'esterno e poi dall'interno.
    15 giugno 2021 - Alessandro Marescotti
  • Ecologia
    Produzione ILVA a Taranto

    Anche 6 milioni di tonnellate di acciaio sono troppe

    E adesso come faranno ad autorizzare 8 milioni di tonnellate/anno se già 6 mettono a rischio la salute della popolazione? Arpa Puglia, Aress e Asl fanno i calcoli ed emerge ciò che era ovvio. La VIIAS del 2019 aveva dato rischio sanitario inaccettabile a 4,7 milioni di tonnellate/anno di acciaio.
    20 maggio 2021 - Redazione PeaceLink
  • Ecologia
    Ilva, a Taranto pure lo Stato si è liquefatto

    Ma i soldi del recovery Plan non potrebbero risarcire Taranto dandole un futuro pulito?

    Dopo la sentenza di primo grado che ha condannato i Riva per disastro ambientale e disposto la confisca degli impianti, ed ecco emergere un’impressionante continuità di pratiche illegali finalizzate ad ammorbidire l’azione della magistratura.
    11 giugno 2021 - Gad Lerner
  • Ecologia
    Il fervido cattolicesimo dei Riva

    Inquinavano e credevano in Dio

    E' crollato definitivamente il sistema di potere che veniva benedetto e celebrato a Pasqua e Natale in fabbrica, con generose donazioni dai Riva all'ex arcivescovo di Taranto monsignor Benigno Papa.
    11 giugno 2021 - Alessandro Marescotti
  • Latina
    Costa Rica

    Movimento ambientalista esige giustizia

    Ratifica dell'Accordo di Escazú e stop all’impunità le principali richieste
    9 giugno 2021 - Giorgio Trucchi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)