conferenza

SULLA STRADA PER BEIRUT Dalla rivoluzione dei cedri alla guerra tra Hezbollah e Israele, con Iran e USA sullo sfondo.

14 novembre 2006
ore 12:30 (Durata: 2 ore)

Intervengono:
Gad Lerner
giornalista libanese, conduttore de L'Infedele

Camille Eid
giornalista libanese, inviato di Avvenire in Medio Oriente

Paolo Magri
segretario generale Istituto di Studi di Politica Internazionale

don Fabio Corazzina
coordinatore nazionale Pax Christi

Beirut. Febbraio 2005. I servizi segreti siriani assassinano Rafik Hariri, ex-premier libanese. Inizia la rivoluzione dei cedri, il Libano sembra il nuovo volto del Medio Oriente, dopo l'Ucraina e la Georgia, la rivoluzione di velluto approda sul Mediterraneo.
Estate 2006. Dopo l'offensiva contro Gaza per liberare il soldato rapito, Israele inizia l'operazione "Pioggia d'estate". Attacca il Libano del Sud e Beirut per fermare Hezbollah, il "partito di dio" sciita armato dall'Iran che lancia missili sulle città israeliane. Finalmente il cessate il fuoco, che Gerusalemme vive come una sconfitta e Hezbollah come un trionfo. Arrivano le forze di sicurezza internazionali, anche gli italiani.
E oggi?

Per maggiori informazioni:
Lilliput - studenti indipendenti
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Mappa

Eventi dei prossimi giorni

Ricerca eventi

Dal sito

  • Conflitti
    La CIA è presente sul terreno

    Forze speciali della Nato già operano in Ucraina

    Un'operazione segreta che coinvolge le forze delle operazioni speciali statunitensi indica l'entità dello sforzo per assistere l'esercito ucraino che non ha ancora ricevuto le nuove armi.
    26 giugno 2022
  • Cultura
    Quattro giorni di cinema al femminile a Taranto

    Mostra del Cinema di Taranto dal tema «Lo sguardo della tigre»

    Storie di donne, testimonianze di vita di registe e attrici che da Afghanistan, Iran, Palestina e Marocco si danno appuntamento a Taranto.
    23 giugno 2022 - Fulvia Gravame
  • Pace
    I dati del sondaggio europeo ECFR dà i pacifisti in minoranza fra i Grünen

    I Verdi tedeschi e il pacifismo

    La maggiore percentuale di pacifisti in Germania non è fra i Verdi ma fra i socialdemocratici dell'SPD. Intanto il giornale Der Spiegel ironizza sui leader verdi tedeschi ribattezzandoli "verdi oliva" e raffigurandoli con tute militari verdi, elmetto e bazooka
    23 giugno 2022 - Alessandro Marescotti
  • Conflitti
    Oggi alla Camera dei Deputati

    Cosa rispondere a Draghi che dice: "L'Ucraina si deve difendere"

    Una difesa è tale quando riduce le sofferenze, i morti, i feriti, non quando li aumenta, ed è quello che sta avvenendo. Biden ha detto che occorre vincere e battere la Russia (cosa che si sta rivelando irreale); prima tutti dicevano "no all'escalation" ma poi è arrivato l'ordine: "Vincere".
    22 giugno 2022 - Alessandro Marescotti
  • Migranti
    Peacelink Common Library

    Siamo una società di pace? La criminalizzazione della solidarietà

    Mi sono avvicinata allo studio delle migrazioni, alla complessità delle storie che ogni rifugiato, richiedente asilo o migrante porta con sé. Perché le stragi delle frontiere marittime e terrestri sono catastrofi umanitarie. Qual è la nostra responsabilità? Qual è oggi il ruolo della società civile?
    21 giugno 2022 - Carmen Zaira Torretta
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)