manifestazione

Mercatino di Natale a Roma

13 dicembre 2006

Dal 13 al 23 dicembre, per la quarta volta a Roma, si svolgerà il Mercatino di Natale di Emergency.

Tutti i giorni, dalle 11 alle 20, l’appuntamento è presso la sede dell’associazione in via dell’Arco del Monte 99/A, a due passi da Campo de Fiori, dove sarà possibile acquistare un dono per Natale ed al tempo stesso dare un aiuto concreto alle vittime della guerra.

Il Mercatino di Natale a Roma è diventato nel corso degli anni un appuntamento importante per Emergency e molto atteso dai cittadini che hanno assicurato una partecipazione ed un sostegno sempre maggiore.
Interessante ed ancora più assortito quest’anno il tradizionale mercatino etnico con oggetti e tessuti provenienti dai paesi in cui Emergency è presente: tappeti dall’Afganistan, coloratissimi batik dal Sudan, stoffe dalla Cambogia, preziosa bigiotteria e molto altro ancora. In più alimenti biologici, vini, dolci, profumatissimi tè e prodotti per il benessere con i quali si realizzeranno anche cesti natalizi per tutti i gusti (per prenotare o personalizzare il tuo cesto, roma@emergency.it ).

Per i più piccoli, la novità di uno speciale spazio dedicato a loro con lettura di fiabe ed animazione a cura dei volontari scuola (solo venerdì e sabato, ore 16/18).
Per l’occasione sarà allestita una mostra fotografica ed uno spazio informativo sui nuovi progetti all’estero ed in Italia, dove dal 2006 Emergency è attiva anche con interventi di tipo sanitario a Roma e Palermo.

I fondi raccolti quest'anno saranno destinati al Centro Chirurgico per vittime di guerra ‘Tiziano Terzani’ di Lashkar-gah, nel sud dell'Afganistan. Negli ultimi mesi il Centro ha registrato un notevole aumento della sua attività in seguito all’inasprirsi del conflitto in quest’area del paese dove, da settembre 2004 a settembre 2006, Emergency ha assistito quasi 35.000 persone.

Per maggiori informazioni:
Nicola Tarantino
06 688151
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Conflitti
    Un forum per promuovere un appello contro la guerra

    Il conflitto in Ucraina e il ruolo del movimento per la pace

    In questa pagina web riportiamo le voci di tutti coloro che stanno partecipando ai webinar di PeaceLink con lo scopo di definire una piattaforma comune di obiettivi finalizzati a evitare una degenerazione dell'aspro confronto in atto fra la Russia e la Nato
    22 gennaio 2022 - Redazione PeaceLink
  • Taranto Sociale
    Lo conferma lo studio dell'OMS

    Le emissioni dello stabilimento ILVA continuano ad essere incompatibili con la salute pubblica

    Da ora in poi, con i dati OMS che vanno a confermare le precedenti Valutazioni Danno Sanitario, non si può più considerare normale una situazione anomala. Questo rapporto dell'OMS a nostro parere costituisce notizia di reato.
    22 gennaio 2022 - Comitato Cittadino per la Salute e l'Ambiente a Taranto
  • Cultura
    A Roma a San Lorenzo il Primo Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza

    Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza

    Quattro giorni di presentazioni di libri, incontri, film, workshops, stands a cura di numerose realtà italiane e non solo per aprire dialoghi e confronti su diritti, Mediterraneo e migranti, Obiezione di Coscienza, disarmo nucleare, educazione alla nonviolenza, cultura di pace
    17 gennaio 2022 - Laura Tussi
  • Cultura
    Nessun potere è stato in grado di mettere a tacere la sua disperata vitalità

    A cento anni dalla nascita di Pier Paolo Pasolini

    Scrive Enzo Golino: “Sul vuoto che Pasolini ha lasciato permane la difficoltà di cancellarne l’ombra, e più si tenta di cancellarla e più si proietta nella realtà che stiamo vivendo”. Rimane più che mai attuale la sia critica del potere e dell'omologazione della nuova società neocapitalistica.
    14 gennaio 2022 - Dale Zaccaria
  • Pace
    La prima cosa da chiedere è di non vendere armi all'Ucraina e di non farla entrare nella Nato

    Crisi Ucraina: il ruolo proattivo dei pacifisti

    I pacifisti dovrebbero dire no a un coinvolgimento militare della Nato. La crisi in Ucraina oggi è molto simile alla crisi di Cuba del 1962. Se ne può uscire con un atto di fiducia reciproca, smantellando le armi nucleari Usa in Europa in cambio di un impegno a garantire la sicurezza dell'Ucraina.
    11 gennaio 2022 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)