manifestazione

MANIFESTAZIONE DEGLI IMMIGRATI contro la Bossi Fini PER LA DIGNITÀ, LA LIBERTÀ E I DIRITTI DI CITTADINANZA

31 gennaio 2004
ore 16:00


Il 31 gennaio 2004 la lotta dei migranti rimbomberà tra le frontiere dell’Unione europea. In quella data, il Forum Sociale Europeo di Parigi ha, infatti, proclamato una giornata di mobilitazioni durante la quale i migranti in Europa scenderanno in piazza
per la regolarizzazione di tutti i migranti in Europa.
per il riconoscimento del diritto d’asilo.
per la chiusura dei centri di detenzione, dentro e fuori l’Unione europea
A ROMA IL 31 GENNAIO SI MANIFESTERÀ
- Per la chiusura dei CPT . centri di detenzione per i migranti che da luoghi di eccezione del diritto sono diventati luoghi normali di repressione che il governo vuole istituire in ogni provincia e che sono il punto terminale della catena di condizioni che impongono la precarietà, la clandestinità, lo sfruttamento dei migranti in Europa.
- Perché sia consentito a chi entra o chi è già in Italia di ottenere regolare permesso di soggiorno indipendentemente dalla propria condizione lavorativa.
- Perché si giunga allo sblocco rapido del rinnovo dei permessi di soggiorno e per il rilascio di permessi di “attesa occupazione” a tutte le lavoratrici e i lavoratori truffati dai datori di lavoro con le precedenti pratiche di regolarizzazione.
- Per il trasferimento agli enti locali delle competenze relative al soggiorno e a tutte le pratiche dei cittadini migranti.
- Per la fine degli sgomberi e delle persecuzioni nei confronti del popolo Rom.
- Per l’estensione dei diritti di cittadinanza, al di là della nazionalità di provenienza: casa, lavoro, salute, istruzione. Diritto di voto attivo e passivo per chiunque risieda in Italia.
- Per la piena garanzia del diritto d’asilo, come stabilito dall’Art.10 della Costituzione italiana
- Perché si ponga fine ad ogni atto di repressione e criminalizzazione verso le comunità musulmane presenti nel nostro paese.

Il 31 gennaio sarà una giornata di lotta nella quale confluirà la miriade di percorsi di lotta che contro la legge Bossi-Fini ha visto sorgere la soggettività politica dei migranti, sarà una giornata nella quale gli immigrati scenderanno in piazza per richiedere il rispetto della propria dignità, della loro libertà e proporrà in maniera decisa la lotta per il riconoscimento dei propri diritti.
Per questo chiediamo a tutti di sostenere la costruzione delle manifestazioni che si svolgerà il 31 gennaio 2004 a Roma che sarà in sintonia con le contemporanee e diffuse mobilitazione europee sulla piattaforma decisa al FSE di Parigi.

Prime adesioni: Arci Roma, CSOA Vittorio Occupato, Coordinamento Cittadino Lotta per la Casa(Roma), Confederazione COBAS, Comitato Immigrati in Italia (C.I.I.), Associazione Italia Bangladesh, Associazione Indiana, Associazione Pakistan, Associazione Sunugal, Associazione Illyria, Action, CSOA Snia Viscosa, Fed. Romana Prc, Ass.Senza Confine, Associazione El Condor, Movimento Lotta Per la Casa (Firenze), J.V.P. Roma. O.C.I., Associazione Todo Cambia (Milano), Lunaria, Coordinamento Immigrati di Caserta, C.S.O.A. Ex Canapificio (Caserta), Associazione Dhumacathu, Immigrati in Movimento (Caserta), CSOA Ex Canapificio (Caserta), Associazione Punto di partenza, Federazione Prc Campania, Federazione Prc Napoli, Federazione Prc Caserta, Associazione Less, Associazione Progetto diritti, Action, Disobbedienti (Roma), Giovani Comunisti (Roma), L.O.A. Acrobax project, Donne Brasiliane, NO.DI. Prc Nazionale, Giovani Comunisti Nazionali, Ararat.
Per aderire e partecipare: comitatoimmigrati@libero.it , houeslati@katamail.com , barreto@inwind.it . tel: 0656030162, 3402392099, 3334408921, 0644703827.

Per maggiori informazioni:
tavolo migranti
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Cultura
    A Roma a San Lorenzo il Primo Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza

    Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza

    Quattro giorni di presentazioni di libri, incontri, film, workshops, stands a cura di numerose realtà italiane e non solo per aprire dialoghi e confronti su diritti, Mediterraneo e migranti, Obiezione di Coscienza, disarmo nucleare, educazione alla nonviolenza, cultura di pace
    17 gennaio 2022 - Laura Tussi
  • Cultura
    Nessun potere è stato in grado di mettere a tacere la sua disperata vitalità

    A cento anni dalla nascita di Pier Paolo Pasolini

    Scrive Enzo Golino: “Sul vuoto che Pasolini ha lasciato permane la difficoltà di cancellarne l’ombra, e più si tenta di cancellarla e più si proietta nella realtà che stiamo vivendo”. Rimane più che mai attuale la sia critica del potere e dell'omologazione della nuova società neocapitalistica.
    14 gennaio 2022 - Dale Zaccaria
  • Pace
    La prima cosa da chiedere è di non vendere armi all'Ucraina e di non farla entrare nella Nato

    Crisi Ucraina: il ruolo proattivo dei pacifisti

    I pacifisti dovrebbero dire no a un coinvolgimento militare della Nato. La crisi in Ucraina oggi è molto simile alla crisi di Cuba del 1962. Se ne può uscire con un atto di fiducia reciproca, smantellando le armi nucleari Usa in Europa in cambio di un impegno a garantire la sicurezza dell'Ucraina.
    11 gennaio 2022 - Alessandro Marescotti
  • Conflitti

    Scongiurare il conflitto in Ucraina

    Dal Comitato Esecutivo di IPPNW un documento che invita alla moderazione e al dialogo, nello sforzo di scongiurare il grave pericolo di una guerra che potrebbe facilmente degenerare in un conflitto nucleare.
    13 gennaio 2022 - Roberto Del Bianco
  • Latina
    Due anni fa i lavoratori avevano dato vita ad una cooperativa

    Argentina: a rischio sgombero la fabbrica recuperata de La Nirva

    Sono complici il giudice che ha notificato lo sgombero e l’ex padrone che adesso vuole riprendersi edifici e macchinari
    12 gennaio 2022 - David Lifodi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)