manifestazione

MANIFESTAZIONE DEGLI IMMIGRATI contro la Bossi Fini PER LA DIGNITÀ, LA LIBERTÀ E I DIRITTI DI CITTADINANZA

31 gennaio 2004
ore 16:00


Il 31 gennaio 2004 la lotta dei migranti rimbomberà tra le frontiere dell’Unione europea. In quella data, il Forum Sociale Europeo di Parigi ha, infatti, proclamato una giornata di mobilitazioni durante la quale i migranti in Europa scenderanno in piazza
per la regolarizzazione di tutti i migranti in Europa.
per il riconoscimento del diritto d’asilo.
per la chiusura dei centri di detenzione, dentro e fuori l’Unione europea
A ROMA IL 31 GENNAIO SI MANIFESTERÀ
- Per la chiusura dei CPT . centri di detenzione per i migranti che da luoghi di eccezione del diritto sono diventati luoghi normali di repressione che il governo vuole istituire in ogni provincia e che sono il punto terminale della catena di condizioni che impongono la precarietà, la clandestinità, lo sfruttamento dei migranti in Europa.
- Perché sia consentito a chi entra o chi è già in Italia di ottenere regolare permesso di soggiorno indipendentemente dalla propria condizione lavorativa.
- Perché si giunga allo sblocco rapido del rinnovo dei permessi di soggiorno e per il rilascio di permessi di “attesa occupazione” a tutte le lavoratrici e i lavoratori truffati dai datori di lavoro con le precedenti pratiche di regolarizzazione.
- Per il trasferimento agli enti locali delle competenze relative al soggiorno e a tutte le pratiche dei cittadini migranti.
- Per la fine degli sgomberi e delle persecuzioni nei confronti del popolo Rom.
- Per l’estensione dei diritti di cittadinanza, al di là della nazionalità di provenienza: casa, lavoro, salute, istruzione. Diritto di voto attivo e passivo per chiunque risieda in Italia.
- Per la piena garanzia del diritto d’asilo, come stabilito dall’Art.10 della Costituzione italiana
- Perché si ponga fine ad ogni atto di repressione e criminalizzazione verso le comunità musulmane presenti nel nostro paese.

Il 31 gennaio sarà una giornata di lotta nella quale confluirà la miriade di percorsi di lotta che contro la legge Bossi-Fini ha visto sorgere la soggettività politica dei migranti, sarà una giornata nella quale gli immigrati scenderanno in piazza per richiedere il rispetto della propria dignità, della loro libertà e proporrà in maniera decisa la lotta per il riconoscimento dei propri diritti.
Per questo chiediamo a tutti di sostenere la costruzione delle manifestazioni che si svolgerà il 31 gennaio 2004 a Roma che sarà in sintonia con le contemporanee e diffuse mobilitazione europee sulla piattaforma decisa al FSE di Parigi.

Prime adesioni: Arci Roma, CSOA Vittorio Occupato, Coordinamento Cittadino Lotta per la Casa(Roma), Confederazione COBAS, Comitato Immigrati in Italia (C.I.I.), Associazione Italia Bangladesh, Associazione Indiana, Associazione Pakistan, Associazione Sunugal, Associazione Illyria, Action, CSOA Snia Viscosa, Fed. Romana Prc, Ass.Senza Confine, Associazione El Condor, Movimento Lotta Per la Casa (Firenze), J.V.P. Roma. O.C.I., Associazione Todo Cambia (Milano), Lunaria, Coordinamento Immigrati di Caserta, C.S.O.A. Ex Canapificio (Caserta), Associazione Dhumacathu, Immigrati in Movimento (Caserta), CSOA Ex Canapificio (Caserta), Associazione Punto di partenza, Federazione Prc Campania, Federazione Prc Napoli, Federazione Prc Caserta, Associazione Less, Associazione Progetto diritti, Action, Disobbedienti (Roma), Giovani Comunisti (Roma), L.O.A. Acrobax project, Donne Brasiliane, NO.DI. Prc Nazionale, Giovani Comunisti Nazionali, Ararat.
Per aderire e partecipare: comitatoimmigrati@libero.it , houeslati@katamail.com , barreto@inwind.it . tel: 0656030162, 3402392099, 3334408921, 0644703827.

Per maggiori informazioni:
tavolo migranti
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Taranto Sociale
    A cura di Max Perrini

    Video su Taranto, l'ambiente e la salute

    Il Comitato cittadino per la Salute e l'Ambiente a Taranto ha creato un canale su Youtube. Vi riportiamo il link per accedervi
    Redazione PeaceLink
  • Ecologia
    E' in Germania, ha 220 mila abitanti e ha creato 13 mila posti di lavoro nella green economy

    Friburgo, i sette impatti della Green City

    Non e' una citta' ma una esperienza di anticipazione del futuro; nel tempo indicativo esiste il 'futuro anteriore' e Friburgo e' qualcosa che viene prima del futuro. Questi sono i primi sette impatti che Friburgo ha avuto su di me
    20 luglio 2012 - Alessandro Marescotti
  • Citizen science
    Open Data Sicilia 2021

    Monitoraggio della qualità dell'aria in provincia di Siracusa

    PeaceLink presenta una semplice ma importante iniziativa per liberare i dati del monitoraggio ambientale e renderli così fruibili a tutti
    16 aprile 2021 - Francesco Iannuzzelli
  • Latina
    Nelle presidenziali dell’11 aprile il maestro rurale Pedro Castillo al ballottaggio

    Perù: al 1° turno spunta un marxista conservatore

    Se la vedrà con la destrissima Keiko Fujimori. Castillo ha ottenuto voti soprattutto nel Perù profondo, dagli indigeni e dai cosiddetti ninguneados, ma le sue posizioni in tema di diritti civili sono profondamente conservatrici
    16 aprile 2021 - David Lifodi
  • Latina
    Costa Rica

    Apicoltori esigono proibizione del Fipronil

    Muoiono 250.000 api al giorno per intossicazione da pesticidi
    14 aprile 2021 - Giorgio Trucchi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)