concerto

Accademia Nazionale di Santa Cecilia PROVA GENERALE APERTA DEL CONCERTO DIRETTO DA GEORGES PRÊTRE A SOSTEGNO DI AMNESTY INTERNATIONAL Sabato 3 febbraio ore 10,30 Sala Santa Cecilia

3 febbraio 2007
ore 10:30 (Durata: 3 ore)

Sabato 3 febbraio alle ore 10,30 nella Sala Santa Cecilia dell’Auditorium Parco della Musica il Maestro Georges Prêtre, alla guida dell'Orchestra e del Coro dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, con al pianoforte Gabriel Tacchino, aprirà al pubblico la prova generale del concerto per dedicarla ad Amnesty International. Il programma prevede la Suite Sinfonica da Porgy and Bess di Gershwin, il Concerto in fa per pianoforte e orchestra sempre del compositore americano, Trois Nocturnes per Coro e Orchestra di Debussy e La Valse poema coreografico di Ravel.
E’ la seconda volta che l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia collabora con grande generosità al lavoro di Amnesty International in favore dei diritti umani. Il ricavato dei biglietti (20, 15 e 10 euro) andrà a finanziare le attività di Amnesty,
Il concerto è dedicato alla Campagna “Invisibili” lanciata un anno fa dalla Sezione italiana di Amnesty International per difendere i diritti delle centinaia di minori che ogni anno arrivano in Italia, passando il Mediterraneo su piccole barche insicure. Per fuggire da guerre, povertà e paura.
Amnesty chiede che i minori non siano mai detenuti, se non in casi estremi e rispondenti al loro superiore interesse, e che la detenzione di migranti e richiedenti asilo non sia generalizzata e rispetti gli standard internazionali sulla legittimità e sulle condizioni di detenzione.
Amnesty chiede inoltre che i centri di detenzione e i dati statistici siano resi accessibili al monitoraggio indipendente delle Ong e che l’Italia adotti, finalmente, una legge organica in materia di asilo, conforme agli standard internazionali, ponendo così fine al vuoto di tutela che favorisce il perpetrarsi di queste e di altre violazioni.

I biglietti ( 20, 15 e 10 euro) sono in vendita presso il botteghino dell'Auditorium Parco della Musica in V.le de Coubertin tutti i giorni dalle 11 alle 20.

Ufficio Stampa Santa Cecilia
Viale de Coubertin 34
00196 Roma
Tel 06 80 242 330
Fax 06 80 242 301
ufficio_stampa@santacecilia.it
www.santacecilia.it

Per informazioni:
Ufficio stampa Amnesty International
Paola Nigrelli
Tel. (+39) 06 4490224 – 348 6974361
E-mail: press@amnesty.it

Ufficio stampa circoscrizione Lazio di Amnesty International
Annalisa Zanuttini
Tel. O6-44131844. -3404024648
e.mail:ufficiostampa@amnestylazio.it

Per maggiori informazioni:
Amnesty International
06 4490224
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Cultura
    Nessun potere è stato in grado di mettere a tacere la sua disperata vitalità

    A cento anni dalla nascita di Pier Paolo Pasolini

    Scrive Enzo Golino: “Sul vuoto che Pasolini ha lasciato permane la difficoltà di cancellarne l’ombra, e più si tenta di cancellarla e più si proietta nella realtà che stiamo vivendo”. Rimane più che mai attuale la sia critica del potere e dell'omologazione della nuova società neocapitalistica.
    14 gennaio 2022 - Dale Zaccaria
  • Pace
    La prima cosa da chiedere è di non vendere armi all'Ucraina e di non farla entrare nella Nato

    Crisi Ucraina: il ruolo proattivo dei pacifisti

    I pacifisti dovrebbero dire no a un coinvolgimento militare della Nato. La crisi in Ucraina oggi è molto simile alla crisi di Cuba del 1962. Se ne può uscire con un atto di fiducia reciproca, smantellando le armi nucleari Usa in Europa in cambio di un impegno a garantire la sicurezza dell'Ucraina.
    11 gennaio 2022 - Alessandro Marescotti
  • Conflitti

    Scongiurare il conflitto in Ucraina

    Dal Comitato Esecutivo di IPPNW un documento che invita alla moderazione e al dialogo, nello sforzo di scongiurare il grave pericolo di una guerra che potrebbe facilmente degenerare in un conflitto nucleare.
    13 gennaio 2022 - Roberto Del Bianco
  • Latina
    Due anni fa i lavoratori avevano dato vita ad una cooperativa

    Argentina: a rischio sgombero la fabbrica recuperata de La Nirva

    Sono complici il giudice che ha notificato lo sgombero e l’ex padrone che adesso vuole riprendersi edifici e macchinari
    12 gennaio 2022 - David Lifodi
  • Ecologia
    Health Impact Assessment of the steel plant activities in Taranto as requested by Apulia Region

    Studio OMS sull'impatto dell'ILVA di Taranto sulla salute

    Lo studio è stato richiesto dalla Regione Puglia ed è del giugno 2021, ed è uno studio predittivo. Nelle conclusioni si legge: "Le stime della presente relazione sono pienamente in linea con le precedenti valutazioni, effettuate da autorità regionali e altri ricercatori".
    12 gennaio 2022
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)