festa

Una cena per gli Angeli del Perù

15 marzo 2007
ore 20:30 (Durata: 3 ore)

Roma, 15 marzo 2007, Ristorante ‘I Cigni’ - Il ricavato dell’iniziativa, promossa dalle Associazioni Angeli nel deserto e Bimbo lontano, verrà utilizzato per acquistare un ecografo e un kit di analisi per un centro medico di Lima

A volte gli angeli volano. A volte no.
Per i giovani angeli della periferia di Lima, diocesi di Caraballyo, il cielo è spesso troppo lontano. La realtà è un piccolo insediamento, Horopeza Chonta, situato in una zona poverissima e decentrata, ai piedi delle Ande. Due scuole, alcuni nidi, un centro medico, una chiesa e numerosi agglomerati di lamiera, in realtà baracche buie e umide che ospitano gli oltre 8.000 abitanti del paese. Una storia che sembra non far storia, bambini malnutriti che faticano a crescere, parassitosi e infezioni respiratorie che spesso si rivelano letali, pavimenti di terra e buchi nel soffitto al posto di tavolini e candele per illuminare i pochi appunti presi a scuola.

Gli occhi dei piccoli angeli di Horopeza Chonta sono cosi profondi, in un secondo ti raccontano una vita. Occhi intensi, abituati ad emozioni forti, occhi che sembrano contenere altri occhi, altre storie di infanzie più o meno dimenticate, in Perù, ma non solo.

Dal 2001, in questa periferia a nord della capitale peruviana, operano come missionari alcuni volontari italiani. A maggio del 2006, sulla base della loro esperienza si è formalmente costituita Angeli nel deserto Onlus, un’associazione che si propone di contribuire alla realizzazione di opere sociali con particolare attenzione ai bambini e alle categorie meno protette. Nata su iniziativa di una coppia di sposi italiani, Guido La Longa e Giovanna Bencetti, che hanno scelto di trascorrere un anno di missione a Lima, assieme ai loro sei figli, supportata dall’Italia da due giovani imprenditori, Roberto Cavasin e Guido La Longa, nel 2006 Angeli nel deserto ha finanziato la costruzione e l’organizzazione di un centro medico. In funzione dallo scorso novembre, il centro e gestito da un medico peruviano e, a turno, da un medico volontario proveniente dall’Italia.

Per supportare il centro, Angeli nel deserto Onlus, in collaborazione con Bimbo lontano sta organizzando una cena solidale, che si terrà a Roma, Giovedì 15 marzo 2007, ore 20:30, Ristorante “I Cigni” - Via Aurelia, 480. Partecipando alla cena (costo previsto, 50 Euro) si contribuirà ad una raccolta fondi per l’acquisto di un ecografo e di un kit di analisi, da inviare al centro medico di Lima ad inizio Aprile 2007.

Per partecipare alla cena del 15 marzo 2007:
r.cavasin@tiscali.it
cell. 335 437431
oppure
Riccardo.lalonga@infinito.it
Cell. 335 6616707

Per informazioni sulle iniziative della Onlus, in Italia e all’estero:
mailto:r.cavasin@tiscali.it cell. 335 437431

Per maggiori informazioni:
Roberto Cavasin
cell. 335 437431
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Ecologia
    A pochi giorni dall'uccisione di Agitu emerge un'altra storia di una donna dedita alla pastorizia

    Una donna controcorrente, la Pastora di Altamura

    Una storia che fa il paio con quella di Agitu e anche in Puglia si tratta di una donna. La mia generazione è cresciuta convinta che la terra non fosse un lavoro adatto alle donne anche se già allora c'erano delle eccezioni ed ora le ragazze del ventunesimo secolo sono in prima linea.
    19 gennaio 2021 - Fulvia Gravame
  • Storia della Pace
    Installati nel 1960, furono smantellati dopo la Crisi di Cuba

    Le basi dei missili nucleari Jupiter in Puglia e Basilicata

    Le basi erano 10, di forma triangolare, con tre missili ognuna. Nell'ottobre del 1961 furono colpite quattro testate nucleari da fulmini, e in due casi venne attivato il processo fisico-chimico preliminare all'esplosione (che non avvenne). Un museo della pace e della memoria è oggi possibile
    Alessandro Marescotti
  • Disarmo
    Dal territorio del nostro Paese siano eliminate tutte le armi nucleari

    L’Italia ratifichi il Trattato sulla Proibizione delle Armi Nucleari

    La presenza di tali ordigni sul territorio italiano è in contrasto anche con il Trattato di non proliferazione delle armi nucleari, al quale l’Italia ha aderito nel 1975 impegnandosi a «non ricevere da chicchessia armi nucleari né il controllo su taliarmi, direttamente o indirettamente».
    16 gennaio 2021
  • Storia della Pace
    La storia della pace, dalla secolare opposizione alla guerra al recente pacifismo

    Che cosa è la Peace History

    Per Peace History si intende lo studio delle cause più profonde della guerra nonché dei mezzi per contrastarla e per gestire risoluzioni non violente dei conflitti. In questa pagina web vi sono alcuni riferimenti per la Peace History e link utili per tracciare una storia della pace
    16 gennaio 2021 - Alessandro Marescotti
  • Pace
    Entrambe includono tematiche comuni nella propria area di competenza e hanno punto di contatto

    Educazione civica ed educazione alla pace: un confronto

    L'evoluzione dell’educazione civica ha portato a un sempre maggiore avvicinamento della stessa all’educazione alla pace, fino ad una sovrapposizione di competenze, che oggi può in certi contesti rendere difficile distinguere le due discipline.
    10 gennaio 2021 - Manuela Fabbro
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.38 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)