incontro

Somalia Ieri e Oggi - Le radici del conflitto e le possibili vie per una riconciliazione nazionale

19 maggio 2007
ore 15:00 (Durata: 2 ore)

L’associazione El Vagón Libre, con il sostegno del CESV (Centro di Servizio al Volontariato), organizza un incontro di approfondimento sulla situazione in Somalia.

Il paese è sin dal 1990 senza alcun riferimento istituzionale e sembra non trovare nessuna via per superare uno dei periodi più drammatici della sua storia. All’indomani di un’azione militare etiopica che segna una nuova era nel conflitto, la Somalia viene colpita da una delle crisi umanitarie più grandi della sua storia. A stima dell’UNHCR, l’Alto Commissariato per i Rifugiati dell’ONU, sono più di 200.000 gli abitanti che hanno abbandonato Mogadiscio dall’inizio di Febbraio 2007. Circa la metà di essi ha cercato riparo nelle province circostanti di Middle e Lower Shabelle. Chi non è fuggito vive in condizioni allarmanti. “In città non arriva praticamente più cibo e chi è rimasto non può uscire di casa. La scarsità di generi di prima necessità ha lanciato i prezzi alle stelle.”

Avendo ben a mente lo storico legame dell’Italia con la Somalia, occorre informare e mobilitare tutte le persone che hanno a cuore le sorti di questo paese sulle iniziative avviate al riguardo, sia a livello nazionale che internazionale. È di vitale importanza proporre ed individuare nuove strategie per la ricostruzione dello Stato somalo, ed è altrettanto importante che l’Italia, in virtù dei legami suddetti, si adoperi per tenere sempre in primo piano sulla scena internazionale la tragica situazione umanitaria in Somalia.
L’incontro si svolgerà il 19 Maggio 2007 alle ore 15:00 presso la sede del CESV a Roma, Via dei Mille 6 (Zona Stazione Termini). L’ingresso è libero.
Si prega di registrarsi inviando una mail a progetti@elvagonlibre.org

Per maggiori informazioni:
A. Sharif
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Disarmo
    Il trattato TPAN ha raggiunto la sua attuazione

    Nucleare civile e militare: una bomba!

    Il trattato ONU TPAN per la proibizione delle armi nucleari il 22 gennaio 2021 entra in vigore, anche se ha dei limiti perché non è stato ancora né firmato, né ratificato da nessuno dei paesi che detengono l’arma nucleare
    17 gennaio 2021 - Laura Tussi
  • Latina

    Honduras, l'esodo della disperazione

    Anno nuovo, nuove carovane migranti, vecchi mali
    19 gennaio 2021 - Giorgio Trucchi
  • Editoriale
    Webinar di PeaceLink sul Trattato per la Proibizione delle Armi Nucleari (TPAN)

    Formare i docenti per educare al disarmo nucleare nelle scuole italiane

    Fra due giorni entra in vigore il TPAN. Sarà necessario un lavoro di ampia sensibilizzazione dell'opinione pubblica perché anche l'Italia aderisca. L'Educazione civica può diventare un'ora settimanale di formazione alla cittadinanza globale sulle tematiche dell'ambiente, della pace e del disarmo.
    20 gennaio 2021 - Alessandro Marescotti
  • Ecologia
    A pochi giorni dall'uccisione di Agitu emerge un'altra storia di una donna dedita alla pastorizia

    Una donna controcorrente, la Pastora di Altamura

    Una storia che fa il paio con quella di Agitu e anche in Puglia si tratta di una donna. La mia generazione è cresciuta convinta che la terra non fosse un lavoro adatto alle donne anche se già allora c'erano delle eccezioni ed ora le ragazze del ventunesimo secolo sono in prima linea.
    19 gennaio 2021 - Fulvia Gravame
  • Storia della Pace
    Installati nel 1960, furono smantellati dopo la Crisi di Cuba

    Le basi dei missili nucleari Jupiter in Puglia e Basilicata

    Le basi erano 10, di forma triangolare, con tre missili ognuna. Nell'ottobre del 1961 furono colpite quattro testate nucleari da fulmini, e in due casi venne attivato il processo fisico-chimico preliminare all'esplosione (che non avvenne). Un museo della pace e della memoria è oggi possibile
    Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.38 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)