incontro

Somalia Ieri e Oggi - Le radici del conflitto e le possibili vie per una riconciliazione nazionale

19 maggio 2007
ore 15:00 (Durata: 2 ore)

L’associazione El Vagón Libre, con il sostegno del CESV (Centro di Servizio al Volontariato), organizza un incontro di approfondimento sulla situazione in Somalia.

Il paese è sin dal 1990 senza alcun riferimento istituzionale e sembra non trovare nessuna via per superare uno dei periodi più drammatici della sua storia. All’indomani di un’azione militare etiopica che segna una nuova era nel conflitto, la Somalia viene colpita da una delle crisi umanitarie più grandi della sua storia. A stima dell’UNHCR, l’Alto Commissariato per i Rifugiati dell’ONU, sono più di 200.000 gli abitanti che hanno abbandonato Mogadiscio dall’inizio di Febbraio 2007. Circa la metà di essi ha cercato riparo nelle province circostanti di Middle e Lower Shabelle. Chi non è fuggito vive in condizioni allarmanti. “In città non arriva praticamente più cibo e chi è rimasto non può uscire di casa. La scarsità di generi di prima necessità ha lanciato i prezzi alle stelle.”

Avendo ben a mente lo storico legame dell’Italia con la Somalia, occorre informare e mobilitare tutte le persone che hanno a cuore le sorti di questo paese sulle iniziative avviate al riguardo, sia a livello nazionale che internazionale. È di vitale importanza proporre ed individuare nuove strategie per la ricostruzione dello Stato somalo, ed è altrettanto importante che l’Italia, in virtù dei legami suddetti, si adoperi per tenere sempre in primo piano sulla scena internazionale la tragica situazione umanitaria in Somalia.
L’incontro si svolgerà il 19 Maggio 2007 alle ore 15:00 presso la sede del CESV a Roma, Via dei Mille 6 (Zona Stazione Termini). L’ingresso è libero.
Si prega di registrarsi inviando una mail a progetti@elvagonlibre.org

Per maggiori informazioni:
A. Sharif
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Ecologia
    E' in Germania, ha 220 mila abitanti e ha creato 13 mila posti di lavoro nella green economy

    Friburgo, i sette impatti della Green City

    Non e' una citta' ma una esperienza di anticipazione del futuro; nel tempo indicativo esiste il 'futuro anteriore' e Friburgo e' qualcosa che viene prima del futuro. Questi sono i primi sette impatti che Friburgo ha avuto su di me
    20 luglio 2012 - Alessandro Marescotti
  • Citizen science
    Open Data Sicilia 2021

    Monitoraggio dalla qualità dell'aria in provincia di Siracusa

    PeaceLink presenta una semplice ma importante iniziativa per liberare i dati del monitoraggio ambientale e renderli così fruibili a tutti
    16 aprile 2021 - Francesco Iannuzzelli
  • Latina
    Nelle presidenziali dell’11 aprile il maestro rurale Pedro Castillo al ballottaggio

    Perù: al 1° turno spunta un marxista conservatore

    Se la vedrà con la destrissima Keiko Fujimori. Castillo ha ottenuto voti soprattutto nel Perù profondo, dagli indigeni e dai cosiddetti ninguneados, ma le sue posizioni in tema di diritti civili sono profondamente conservatrici
    16 aprile 2021 - David Lifodi
  • Latina
    Costa Rica

    Apicoltori esigono proibizione del Fipronil

    Muoiono 250.000 api al giorno per intossicazione da pesticidi
    14 aprile 2021 - Giorgio Trucchi
  • Editoriale
    L'accordo fra Invitalia e ArcelorMittal tutela quest'ultima rispetto alle perdite economiche

    Le sette criticità di Acciaierie d'Italia

    La cosa più grottesca è che il peggioramento del cronoprogramma del piano ambientale venga presentato come "green" solo perché verranno fatti alcuni cenni all'idrogeno e a "emissioni zero" nel 2050, ossia quando tantissimi tarantini saranno già morti.
    16 aprile 2021 - Alessandro Marescotti (Presidente di PeaceLink)
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)