incontro

La situazione dei popoli indigeni dell'Amazzonia colombiana

14 giugno 2007
ore 18:00 (Durata: 2 ore)

La situazione dei popoli indigeni dell'Amazzonia colombiana

Insieme a: José Sebastián Jansasoy (*)

Presentazione

Il conflitto interno colombiano ha un drammatico impatto popolazioni indigene, minacciando i loro sistemi di governo, l'applicazione della giustizia tradizionale, i loro territori e, in generale, la loro sopravvivenza fisica e culturale. Secondo l'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati, nel corso degli ultimi anni, tutti i gruppi armati presenti nel paese hanno compiuto numerosi atti di violenza ed esecuzioni selettive contro le autorità indigene, i medici tradizionali e le guide spirituali.

Il Relatore Speciale della Commissione dei Diritti Umani, Rodolfo Stavenhagen, nel suo Rapporto sulla Situazione dei Diritti Umani degli Indigeni, ha inoltre sottolineato l'estrema vulnerabilità e la difficilissima sopravvivenza culturale dei popoli indigeni di fronte agli effetti devastanti del conflitto che colpisce la Colombia da diversi anni : assassinii, torture, sfollamento di massa, rapimenti, reclutamento armato forzato, stupro delle donne indigene e occupazione dei loro territori. Il Relatore ha osservato che il crescente fenomeno di militarizzazione e le numerose violazioni dei diritti umani stanno conducendo al rischio di scomparsa di molte comunità indigene.

* José Sebastián Jansasoy è nato a Villagarzón, Putumayo (Colombia). Ha studiato medicina tradizionale indigena per 25 anni con le popolazioni Cofan, Siona e Inga e , negli ultimi anni , con Taita Querubin Queta Alvarado, massima autorità del popolo Cofan. Dal 1995 è Direttore esecutivo della Fundación Zio- A'I - "Unión de Sabiduría". E' stato il Consigliere tradizionale alla Tavola di Lavoro Permanente delle Popolazioni Cofan dal 1998 al 2003.

Relatori

* Maria Cuellar Cabrera - Avvocatessa e ricercatrice sul tema dei diritti umani

Saluto d'apertura

* Antonino Colaianni - Università "La Sapienza"

* José Sebastián Jansasoy - Fundación Zio- A'I

* Luca De Paoli - Comitato Internazionale per lo Sviluppo dei Popoli (CISP)

* Andrea Stroppiana - Ricerca e Cooperazione (RC)

* Carlo Tassara - Comitato Internazionale per lo Sviluppo dei Popoli (CISP)
Conclusioni

Moderatore
Dario Sendoya Zuluaga - El Vagón Libre

Dibattito.

Si prega di registrarsi a:
eventi@elvagonlibre.org
338.2033.711

Per maggiori informazioni:
Dario Sendoya Zuluaga
338.20.33.711
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Ricorrenze del giorno

  • Anno 1973: Firma della cessazione della guerra tra Stati Uniti e Vietnam del Nord.
  • Anno 1973: Il segretario americano alla difesa annuncia a Washington l'abolizione del servizio di leva obbligatorio.
  • Anno 0: Giornata di commemorazione della <b> Shoah</b> e di tutte le persecuzioni. Per non dimenticare

Dal sito

  • Cultura
    Da "L’anima e la notte, della poesia ed altri versi"

    Canzone per un bambino zingaro

    Dale Zaccaria continua la sua ricerca letteraria con la poesia e la prosa, scrivendo racconti e fiabe, in sinergia con altri artisti e generi come la pittura, la danza, la musica, il teatro e il video.
    25 gennaio 2022 - Redazione PeaceLink
  • Cultura
    Recensione

    Il miracolo della corda

    Una storia che non si può narrare tanto facilmente. Ma Monica, la figlia di Elvio Alessandri, riesce nel suo intento fino ad arrivare a scrivere un libello narrativo e riflessivo sulla Resistenza partigiana dei suoi cari.
    21 gennaio 2022 - Laura Tussi
  • Latina
    Honduras

    “Nessuno che abbia provato il dolore del popolo può unirsi a dei dittatori”

    Xiomara Castro invoca la difesa del risultato espresso dai cittadini nelle urne
    25 gennaio 2022 - Giorgio Trucchi
  • Conflitti
    Occorre negoziare una pace sostenibile

    La società civile globale esorta a fermare il tintinnio delle sciabole sull'Ucraina

    Entrambe le "grandi potenze" desiderano possedere l'Ucraina e rivendicare il loro "diritto" di concentrare le loro armi letali, truppe e basi ovunque lo desiderino, il più vicino possibile l'una all'altra. Entrambe oltrepassano la linea rossa del buon senso.
    25 gennaio 2022 - Yurii Sheliazhenko (Ucraina - World BEYOND War)
  • Disarmo
    Iniziativa di NoFirstUse Global

    Armi nucleari: no al "primo uso"

    In una lettera aperta, eminenti leader sollecitano le nazioni ad adottare politiche per ridurre i pericoli nucleari ed eliminare le armi nucleari. L'adozione di politiche di non-primo uso potrebbero aprire la porta a negoziati per la completa eliminazione delle armi nucleari.
    NoFirstUse Global
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)