evento

Il Fjestival delle diversità

23 giugno 2007

Al parco Sempione una festa dedicata alla solidarietà e ai talenti emergenti
Il Fjestival delle Diversità
Sabato 23 giugno 2007, ore 11.00 - 24.00
Parco Sempione di Milano (davanti all’Arena Civica)

Si terrà a Milano sabato 23 giugno 2007 il 6° Fjestival delle Diversità, per un quartiere, una città, un mondo solidale, evento promosso dal Centro delle Culture di Milano.

Un evento all’insegna della solidarietà che si propone di sostenere la cultura del volontariato, di promuovere la diversità in ogni sua forma e di dare spazio alla libera espressione musicale e artistica.

Nel corso della giornata il Fjestival delle Diversità ospiterà spettacoli teatrali, laboratori creativi, giocoleria e arte di strada, animazione per bambini, dibattiti, stand di associazioni no profit, performance di danza, musica multietnica, mostre fotografiche e installazioni.

La serata continua con concerti di gruppi emergenti grazie al supporto di Radio Quintessenza Network, la radio indipendente dei talenti emergenti. Si esibiranno: Bovisa Reggae Foundation, RDB, Grenouille e Fanali di scorta.

Tutti gli spettacoli sono a ingresso libero e gratuito.

In occasione dell’evento sarà pubblicato e distribuito gratuitamente Fateci Spazio, il nuovo bollettino umanista di libera informazione interamente redatto dalle associazioni presenti.

Il Fjestival ha l’intento da un lato di dare forma alla diversità, alla creatività e all’arte senza limiti e confini, dall'altro far scoprire ai cittadini milanesi i suoi artisti e le potenzialità del panorama musicale emergente. Si propone inoltre di diffondere la cultura e la pratica del volontariato sul territorio cittadino, riconoscendo la necessità di un’azione comune tra realtà no profit che vada nella direzione della collaborazione e ripensando il volontariato in termini di reciprocità.

Il programma prevede esibizioni musicali e performance artistiche e di danza
- giocolieri, artisti di strada, performance di tango argentino, danza del ventre e danze etniche e popolari
- ritmi afro-brasiliani con i Mitoka Samba
- concerti di talenti emergenti con il supporto di Radio Quintessenza Network: Bovisa Reggae Foundation, RDB, Grenouille, Fanali di scorta
- Mama Alma Sound System
- concerto di tar con Fakraddin Gafarov
- piano bar con Fabio di Benedetto
- performance della Bar Boon Band, i senza fissa dimora della Stazione Centrale e dei Noise Under Dreaming
- spettacolo teatrale per bambini, con Lorenzo Castelluccio
- giochi e animazione per bambini (body painting, disegna la pace, pesca delle meraviglie e molto altro ancora)
- laboratorio multikulti per bambini e spazio all'editoria di strada (con Un mondo a scuola e le Edizioni dell'Arco)
- laboratori creativi di thai chi e ritmi africani
- mostre fotografiche e installazioni sul tema “pace e disarmo”

Spazi dedicati alla controinformazione
- Dibattito su “Pace e disarmo”, con la realizzazione di un simbolo della pace umano
- “Speeritual-date, religioni e culti del nostro tempo”, tavole rotonde con esponenti delle principali religioni
- Banchetto di raccolta firme a favore della Campagna “Acqua bene comune dell’umanità, diritto di tutti” finanziata dall’Unione Europea per promuovere la cultura dell’acqua come bene comune dell’umanità
- Banchetto informativo della Rete di Gruppi di Acquisto Solidali (GAS) alNaturale per sensibilizzare alla cultura delle produzioni biologiche e biodinamiche e a un approccio critico al consumo
- Stand informativi sulle attività di volontariato delle associazioni presenti

Ad oggi hanno aderito
Centro delle Culture, I Cammini Aperti Onlus, Informazione Donna Bambini Ancora Onlus, Che Gusto Rete Umanista di Reciprocità Onlus, Bambini nel Deserto, Cooperativa Il Nostro Futuro Onlus, Radio Quintessenza Network, Collettivo Vagabondi di Pace, Mascherenere, Studenti per il Tibet libero, Officina dei Colori, Rete AlNaturale, Ipsia, Naga, Insieme per la sfida, Proficua, Amani, Associazione CUI, Casaumanista, SOS Stazione Centrale-Fondazione Exodus Associazione Anneau Manquant, Birimbao, Veronica Sacchi Onlus, Edizioni dell'Arco, Confraternita dei Sufi Jerrahi-Halveti in Italia con la partecipazione di Gabriele Mandel Khan.

Il progetto è sostenuto dal Centro Servizi per il Volontariato della provincia di Milano (CIESSEVI). Si ringrazia l’Azienda Trasporti Milanese (ATM) per il supporto alla promozione dell’evento.

Per informazioni e adesioni: info@fjestival.it , www.fjestival.it
Per approfondimenti: www.fjestival.it/download

Per maggiori informazioni:
Giorgia Marino
02 29062784
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Ricorrenze del giorno

  • Anno 1925: Accordo internazionale per mettere al bando i gas velenosi

Dal sito

  • Taranto Sociale
    Lettera al Ministro della Transizione Ecologica Roberto Cingolani

    Richiesta di fermo batteria 12 cokeria ILVA per mancata messa a norma

    E' stato autorizzato uno scenario emissivo (6 milioni di tonnellate annue di acciaio) a cui corrisponde un rischio cancerogeno inaccettabile. Tutto ciò è acclarato dalla nuova VDS (Valutazione Danno Sanitario) sarà segnalato alla Procura della Repubblica
    15 giugno 2021 - Comitato Cittadino per la Salute e l'Ambiente a Taranto
  • Laboratorio di scrittura
    Occorre appoggiare questa inchiesta e farne una bandiera di onestà e di trasparenza

    Dai veleni dell'Ilva al puzzo dell'inchiesta di Potenza

    Che l'Ilva inquinasse lo si sapeva. Ma qui si arriva a un livello di manipolazione delle istituzioni inusitato. Un sistema di potere occulto - con manovre bipartisan - ha tentato di fermare a Taranto l'intransigenza della magistratura prima dall'esterno e poi dall'interno.
    15 giugno 2021 - Alessandro Marescotti
  • Ecologia
    Produzione ILVA a Taranto

    Anche 6 milioni di tonnellate di acciaio sono troppe

    E adesso come faranno ad autorizzare 8 milioni di tonnellate/anno se già 6 mettono a rischio la salute della popolazione? Arpa Puglia, Aress e Asl fanno i calcoli ed emerge ciò che era ovvio. La VIIAS del 2019 aveva dato rischio sanitario inaccettabile a 4,7 milioni di tonnellate/anno di acciaio.
    20 maggio 2021 - Redazione PeaceLink
  • Ecologia
    Ilva, a Taranto pure lo Stato si è liquefatto

    Ma i soldi del recovery Plan non potrebbero risarcire Taranto dandole un futuro pulito?

    Dopo la sentenza di primo grado che ha condannato i Riva per disastro ambientale e disposto la confisca degli impianti, ed ecco emergere un’impressionante continuità di pratiche illegali finalizzate ad ammorbidire l’azione della magistratura.
    11 giugno 2021 - Gad Lerner
  • Ecologia
    Il fervido cattolicesimo dei Riva

    Inquinavano e credevano in Dio

    E' crollato definitivamente il sistema di potere che veniva benedetto e celebrato a Pasqua e Natale in fabbrica, con generose donazioni dai Riva all'ex arcivescovo di Taranto monsignor Benigno Papa.
    11 giugno 2021 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)