incontro

Fede vissuta - Celebrazioni de 64° anniversario della morte di Franz JÃgerstÃtter

9 agosto 2007
ore 09:00



Cari amici di Franz JÃgerstÃtter,

il 2007 è un anno ricco di novità ! Il 20 febbraio a Roma la commissione cardinalizia preposta ha confermato che Franz JÃgerstÃtter subì il martirio e ha dato parere positivo al Santo Padre Benedetto XVI per la beatificazione. L'1 giugno il Papa ha firmato il documento.

Ci sono alcune date possibili per la beatificazione (come la festa di Cristo Re il 25 novembre e l'Immacolata Concezione l'8 dicembre), ma quella più probabile è il 26 ottobre, festa nazionale austriaca, alle 10.00 presso il duomo di Linz.

La beatificazione imminente sarà il tema del nostro giorno della memoria. Forse sarà anche l'uultimo in questa data e in questa forma. Poichè il 9 agosto è già la festa di S. Edith Stein, per Franz JÃgerstÃtter sarà scelto un altro giorno; è possibile che Roma opti per il 21 maggio, giorno del battesimo di Franz.

Mi auguro di incontrarvi tutti il 9 agosto e spero che questa mia lettera serva a mantenere il contatto con chi non potrà essere presente.

Vostra Erna Putz



Programma

Giovedì 9 agosto 2007

Chiesa di Ostermiething

09.00 Apertura con momento musicale

Saluto del vescovo Ludwig Schwarz

09.30 Relazione del prof. Roman Siebenrock: Non di questo mondo - la fede vissuta di Franz JÃgerstÃtter

11.00 Tavola rotonda "Aspetti mistico-politici della santità sull'esempio di Franz JÃgerstÃtter, con la partecipazione del vicario episcopale dott. Werner Freistetter, della dott.ssa Hildegard Goss- Mayr, del can. dott. Paul Oestreicher, del vescovo dott. Manfred Scheuer, del prof. Siebenrock e di mons. Willi Thaler

12.30 Pausa pranzo

14.30 Programmi televisivi e radiofonici per i 100 anni dalla nascita di Franz JÃgerstÃtter (nella scuola di musica e in chiesa)

15.30 Ora di preghiera in ricordo della morte di Franz JÃgerstÃtter nella chiesa di Ostermiething

16.30 Pellegrinaggio a piedi verso St. Radegund

19.30 Santa messa nella chiesa di St. Radegund
Al termine: cerimonia dei lumini sulla tomba del martire.
Per il rientro ad Ostermiething sarà a disposizione un pullman.



I relatori

Roman Siebenrock si occupa dell'interpretazione del Concilio vaticano II. Oltre a condurre ricerche sul pensiero di Karl Ranher, collabora intensamente agli studi dell'università di Innsbruck su religione-violenza-comunicazione-ordine mondiale.

Werner Freistetter, figlio di un alto ufficiale austriaco, è direttore dell'Istituto per la pace e la religione e assistente spirituale dell'Organizzazione militare cattolica internazionale (AMI). Da marzo 2007 è vescovo vicario della diocesi militare e si occupa di scienza e ricerca dal punto di vista teologico e di relazioni internazionali.

Hildegard Goss-Mayr si è impegnata prima e durante il Concilio per il superamento della guerra fredda, la fine della corsa agli armamenti e per far cessare l'odio tra i popoli. Moltissime persone sono state formate da lei sulle tecniche di difesa nonviolenta, che ha applicato con successo nelle Filippine e in Madagascar.

Paul Oestreicher è direttore emerito del Centro per la riconciliazione internazionale presso la cattedrale di Coventry, in Inghilterra. E'l'uomo del superamento dei confini, il pellegrino tra i campi nemici, pacifista e peace maker.

Manfred Scheuer è vescovo di Innsbruck. E' stato postulatore nel processo di beatificazione diocesano di Franz JÃgerstÃtter. Per lui Franz è un portatore di speranza e un simbolo di coraggio nelle situazioni difficili.

Willi Thaler, parroco evangelico a Innsbruck, è membro di Pax Christi. Partecipa alla tavola rotonda a nome del soprintendente dell'Alta Austria, dott. Gerold Lehner, che non può intervenire.



La traduzione dell'invito è stata curata da Lucia Togni. Ha collaborato Mauro Buffa.

Per maggiori informazioni:
Giampiero Girardi
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Mappa

Eventi dei prossimi giorni

Ricerca eventi

Dal sito

  • Disarmo
    Ieri il parlamento di Stoccolma ha approvato il controverso patto DCA

    Con l'appoggio dell'estrema destra passa il nuovo patto militare fra Stati Uniti e Svezia

    La Società svedese per la pace e l'arbitrato ha criticato duramente l'accordo, sottolineando che, a differenza di patti simili firmati con Norvegia e Danimarca, il DCA svedese non contiene riserve contro l'introduzione o lo stazionamento di armi nucleari.
    19 giugno 2024 - Redazione PeaceLink
  • MediaWatch
    Mattarella è intervenuto a proposito delle fake news russe

    ChatGPT ricorda a Mattarella: "La disinformazione non è un fenomeno esclusivo della Russia"

    La nota piattaforma di Intelligenza Artificiale generativa elenca vari casi di disinformazione dei governi USA che sono stati alla base di note vicende belliche, dal Vietnam all'Iraq. E annota: "Un approccio focalizzato unicamente sulla Russia potrebbe trascurare altre minacce significative".
    19 giugno 2024 - Alessandro Marescotti
  • Conflitti
    La verità dietro la stabilizzazione del fronte orientale

    I missili Nato a lunga gittata hanno fermato l'avanzata russa a Kharkiv?

    La vera ragione della stabilizzazione del fronte a Kharkiv è dovuta all'arrivo di significativi rinforzi. Ma l'affluenza di truppe a Kharkiv, usate per tappare i "buchi" del fronte, "scopre" altre zone del fronte: è un aspetto che la Russia sta astutamente sfruttando.
    18 giugno 2024 - Alessandro Marescotti
  • Migranti
    Inchiesta della Bbc sulla guardia costiera greca accusata di aver gettato in mare nove migranti

    Migranti, la strage senza fine mentre l'Europa guarda dall'altra parte

    Mentre la Meloni invia i missili a lunga gittata a Kiev, i bambini affogano davanti alle coste italiane. Si palesa il cinismo della Fortezza Europa che non salva i migranti e fa morire oltre a donne e bambini anche la sua anima solidale omettendo di soccorrere chi fugge da povertà e guerre.
    18 giugno 2024 - Alessandro Marescotti
  • Disarmo
    L'opposizione e la società civile esprimono timori, oggi si vota

    La Svezia entra la Nato e già si parla delle armi nucleari

    Il ministro della Difesa svedese nega la possibilità di ospitare armi nucleari, mentre il primo ministro lascia aperta la possibilità in caso di guerra. Parte della società civile, compresi 92 intellettuali e accademici, richiedono un referendum sull'accordo. Le preoccupazioni dei pacifisti.
    18 giugno 2024 - Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.7.15 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)