rappresentazione teatrale

Dolorosa soror

25 marzo 2004
ore 21:00 (Durata: 60 ore)

Riduzione ed adattamento per il teatro di Francesco Di Vincenzo

con

Egle Doria e Giovanna Mangiù

Scene e costumi: Federica Buscemi

Regia: Francesco Di Vincenzo

Il fascino ed il pregio, per dirla con Calvino, del testo letterario risiedono nella leggerezza con cui in esso vengono trattate immagini di assoluta violenza.

La vicenda teatrale vuole rendere questa leggerezza nel campo del visivo attraverso l'accostamento all'arte metafisica. Enormi spazi vuoti ma pieni di tensione, di attesa, di sospensione. Il quadro metafisico non va guardato, in quest'ottica, per l'arte del tratto grafico piuttosto che del colore, ma per ciò che dentro di esso accade di invisibile, in una dimensione, appunto, metafisica. Più che sostare in ammirazione estetica, di fronte ad un quadro metafisico si sosta in attesa.

Così, di fronte ai personaggi della vicenda teatrale, ci si pone con lo sguardo proiettato oltre la loro fisicità sul palcoscenico per immergersi in un mondo misterioso e pieno di fascino.

In questa messa in scena il testo non è un pretesto per "fare" erotismo; è l'erotismo ad essere un pretesto per una indagine profonda e di grande intensità dell'animo femminile e del suo stupendo mondo.

Per maggiori informazioni:
Teatro della posta vecchia Agrigento
092226737
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricorrenze del giorno

  • Anno 1998: Muore padre Bernhard Haring. Lungo tutta la vita si è battuto per il passaggio da una morale della legge ad una morale dell'amore e della nonviolenza

Dal sito

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)