rassegna cinematografica

"la legalità in pellicola. Indagine su un cinema al di sopra di ogni sospetto"

18 marzo 2004

rassegna cinematografica sulla convivenza civile, la salvaguardia ed e il rispetto dei principi e delle regole della democrazia
TRA GLI OSPITI GIOVANNI IMPASTATO E IL REGISTA PAOLO BENVENUTI

Parte domani giovedì 18 marzo al Cinema Stella di Grosseto la rassegna “La legalità in pellicola. Indagine su un cinema al di sopra di ogni sospetto” organizzata da Arci Comitato Provinciale di Grosseto, Associazione Nazionale Magistrati di Grosseto, Magistratura Democratica Toscana, Libera Toscana, Associazione Nickelodeon in collaborazione con la Cineteca Nazionale ed il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca - Ufficio Scolastico Regionale per la Toscana - Centro Servizi Amministrativi di Grosseto. Scopo del progetto è quello di diffondere e rafforzare la cultura della legalità, il rispetto dei principi e delle regole della democrazia, la conoscenza della Costituzione attraverso il cinema come strumento privilegiato per una comunicazione di sicuro impatto emotivo.

Fino al 29 aprile, ogni giovedì, le proiezioni avranno quindi un filo conduttore importante: la legalità, la costituzione, la giustizia che attraverso sette film metteranno in primo piano vicende umane e d’impegno civile sulle quali è importante tornare a discutere. Ogni pellicola è legata infatti ad un articolo della Costituzione che potrà essere spunto di dibattito negli incontri previsti dopo le proiezioni che vedranno tra gli ospiti Giovanni Impastato, fratello di Peppino protagonista de “I cento passi”, Paolo Benvenuti che in “Segreti di Stato” ripercorre la strage di Portella della Ginestra ed i rappresentanti delle associazioni che hanno dato vita a questo percorso destinato a proseguire nel mese di settembre con un coinvolgimento delle scuole cittadine.

Tra i film proposti “Ilaria Alpi: il più crudele dei giorni” di Ferdinando Vicentini Orgnani, previsto per giovedì 18 marzo, “Placido Rizzotto” di Pasquale Scimeca (25 marzo), “Il fuggiasco” di Andrea Manni (1° aprile), “I cento passi” di Marco Tullio Giordana (15 aprile), “I nostri anni” di Daniele Gaglianone (22 aprile), “Segreti di Stato” di Paolo Benvenuti (29 aprile).

Appuntamento centrale della rassegna è quello di giovedì 8 aprile con “Indagine su un cittadino al di sopra di ogni sospetto” di Elio Petri in collaborazione con la Cineteca Nazionale. Massima espressione del cinema d’impegno civile degli anni ’70, questo film valse al regista il premio Oscar come miglior film straniero, grazie anche all’interpretazione di Gian Maria Volonté che la rassegna vuole ricordare come icona del cinema politico italiano a dieci anni dalla sua scomparsa.

Una serie di pellicole eterogenee che ben rappresentano un cinema che conferma la propria vitalità nella lotta per i valori principali di ogni società moderna e democratica, come quello del rispetto della giustizia. Un cinema bello e necessario, che tocca il cuore, la mente e la coscienza civile e per questo da non perdere.

Per informazioni: Arci 0564-417751 – e.mail: cultura.gr@arci.it

Per maggiori informazioni:
Adriana Andreini
0564-417751
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Latina

    Crisi climatica e il rischio di difendere i beni comuni

    Rapporto di Global Witness evidenzia drammatico aumento degli attacchi mortali
    19 settembre 2021 - Giorgio Trucchi
  • Disarmo
    Il Pentagono finalmente ammette l’«orribile errore»

    Il drone americano a Kabul ha fatto una strage di civili

    Un missile americano il 29 agosto ha ucciso 10 persone innocenti. Zamarai Ahmadi, obiettivo del drone, lavorava per una organizzazione umanitaria Usa. Non trasportava esplosivo, ma «taniche d’acqua per la sua famiglia». Il generale Mark Milley aveva inizialmente definito l’attacco «giusto».
    19 settembre 2021 - Marina Catucci
  • PeaceLink
    L’obiezione di coscienza di Daniel Hale

    Italiani per Hale

    L’ex analista dell'intelligence Usa è in carcere perché ha svelato i danni collaterali dei droni. Ha detto: "Abbiamo ucciso persone che non c’entravano nulla con l’11 settembre". Alex Zanotelli aderisce a questa campagna e dice: “Daniel Hale è un eroe del nostro tempo, è un dovere sostenerlo".
    18 settembre 2021 - Redazione PeaceLink
  • Sociale
    Sul programma televisivo Forum

    Basta! Anche io ora dico la mia

    Violenze maschili contro le donne, patriarcato, femminicidi anche in vita: la testimonianza di Ilaria Di Roberto – scrittrice, artista, attivista femminista radicale, vittima di violenza e cyber bullismo – dopo le parole di Barbara Palombelli.
    19 settembre 2021 - Alessio Di Florio
  • Editoriale
    Questo video mostra l’uccisione spietata di un civile disarmato afghano

    Perché la maggioranza degli afghani ha preferito i Talebani agli occidentali?

    Il noto programma TV australiano “Four Corners”, simile a “Report” e “Presa Diretta” in Italia, ha ritrasmesso il video di un soldato australiano mentre uccide un civile afghano a sangue freddo. Si riaccende la polemica intorno alle “forze speciali” e a come vengono addestrate.
    13 settembre 2021 - Patrick Boylan
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)