rappresentazione teatrale

CAMUS - IL PRIMO UOMO

29 gennaio 2008
ore 21:00 (Durata: 1 ore)

TEATRO BINARIO 7, MONZA

dal 29 gennaio al 2 febbraio ore 21.00
e domenica 3 febbraio ore 16.00 e ore 21.00

CAMUS – Il Primo Uomo

di Corrado Accordino e Paolo Bignamini
con Corrado Accordino e Alessia Vicardi
regia Corrado Accordino
produzione La Danza Immobile/ScenaAperta/Accademia delle Arti per l’Infanzia

“Camus il primo uomo” è la nostra testimonianza dell’attualità di Albert Camus. Una riscrittura inedita che sceglie di tenere Camus come punto di riferimento ideale e filosofico, raccontando una vicenda originale ispirata all'opera e alla vita dell'autore premio nobel francese. Un “doppio”, o meglio “multiplo”, dramma nel quale vengono portate sulla scena storie speculari, sinistramente simili e ciclicamente analoghe
Un uomo, forse lo stesso Camus, e una donna su un’automobile viaggiano da un tempo indeterminato e senza apparente destinazione;
un viaggio che è un ritorno alle radici e all’origine della vita, oppure un anticipo della morte. Un ricordo di due persone alla ricerca del sole e della felicità, che attraversano ombre, ferite del quotidiano e incertezze del pensiero. Un tracciato di casualità, di destini incrociati, di percorsi possibili, allo stesso tempo concreti e assurdi
Uno spettacolo per certi versi sfuggente e spiazzante, come possono esserlo i film di David Lynch, perché ha come fondante punto di riferimento il principio assoluto di indeterminazione della realtà, sintetizzato da Camus in una riflessione che ha accompagnato ogni fase della costruzione di questo lavoro: “Non si pensa nello stesso modo la mattina e la sera su una stessa cosa. Ma dov’è il vero? Nel pensiero della notte o nello spirito del mezzogiorno? Due pensieri, due razze di uomini.”

Costo Biglietti: Intero € 18,00 - Ridotto € 12,00 – Under 18 € 6,00

Per informazioni
Teatro Binario 7
Via Turati,8 – Monza
Tel. 039/2027002
www.teatrobinario7.it

Per maggiori informazioni:
BONALUMI GREGORY
039 2027002
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Conflitti
    Un forum per promuovere un appello contro la guerra

    Il conflitto in Ucraina e il ruolo del movimento per la pace

    In questa pagina web riportiamo le voci di tutti coloro che stanno partecipando ai webinar di PeaceLink con lo scopo di definire una piattaforma comune di obiettivi finalizzati a evitare una degenerazione dell'aspro confronto in atto fra la Russia e la Nato
    22 gennaio 2022 - Redazione PeaceLink
  • Taranto Sociale
    Lo conferma lo studio dell'OMS

    Le emissioni dello stabilimento ILVA continuano ad essere incompatibili con la salute pubblica

    Da ora in poi, con i dati OMS che vanno a confermare le precedenti Valutazioni Danno Sanitario, non si può più considerare normale una situazione anomala. Questo rapporto dell'OMS a nostro parere costituisce notizia di reato.
    22 gennaio 2022 - Comitato Cittadino per la Salute e l'Ambiente a Taranto
  • Cultura
    A Roma a San Lorenzo il Primo Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza

    Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza

    Quattro giorni di presentazioni di libri, incontri, film, workshops, stands a cura di numerose realtà italiane e non solo per aprire dialoghi e confronti su diritti, Mediterraneo e migranti, Obiezione di Coscienza, disarmo nucleare, educazione alla nonviolenza, cultura di pace
    17 gennaio 2022 - Laura Tussi
  • Cultura
    Nessun potere è stato in grado di mettere a tacere la sua disperata vitalità

    A cento anni dalla nascita di Pier Paolo Pasolini

    Scrive Enzo Golino: “Sul vuoto che Pasolini ha lasciato permane la difficoltà di cancellarne l’ombra, e più si tenta di cancellarla e più si proietta nella realtà che stiamo vivendo”. Rimane più che mai attuale la sia critica del potere e dell'omologazione della nuova società neocapitalistica.
    14 gennaio 2022 - Dale Zaccaria
  • Pace
    La prima cosa da chiedere è di non vendere armi all'Ucraina e di non farla entrare nella Nato

    Crisi Ucraina: il ruolo proattivo dei pacifisti

    I pacifisti dovrebbero dire no a un coinvolgimento militare della Nato. La crisi in Ucraina oggi è molto simile alla crisi di Cuba del 1962. Se ne può uscire con un atto di fiducia reciproca, smantellando le armi nucleari Usa in Europa in cambio di un impegno a garantire la sicurezza dell'Ucraina.
    11 gennaio 2022 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)