veglia

Per la pace in Terra Santa

1 marzo 2008
ore 19:00 (Durata: 1 ore)

PAX CHRISTI LAMEZIA

Nella ricorrenza del 4° anniversario dell’inizio della costruzione del muro

VEGLIA DI PREGHIERA PER LA PACE IN TERRA SANTA

UN APPELLO
Sempre più cristiani di Terrasanta si sentono abbandonati e soli
nell'affrontare condizioni di vita ogni giorno più tragiche. L'occupazione
militare e l'embargo hanno ormai ridotto alla fame anche i palestinesi di
Betlemme e sempre più spesso i Rappresentanti delle Chiese cristiane,
preti e suore, religiose e religiosi, rivolgono appelli disperati ai cristiani
del mondo. Le Suore del Baby Hospital con la loro Lettera di Natale 2007,
hanno lanciato un SOS di solidarietà per le condizioni drammatiche della
popolazione, a causa dell'occupazione e del muro che chiude completamente
la città. È una supplica ai cristiani affinché non li abbandonino e
perché sentano più fortemente la comunione che tutti ci lega alla Terra
Santa.
In particolare vorrebbero che si ricordasse una data...
UN INVITO
Il 1° marzo del 2004 è stata posta la prima pietra, non di una nuova
costruzione di cui gioire, ma di quel “vergognoso muro di distruzione”
che ha fatto della città natale di Gesù una prigione a cielo aperto. La
proposta è semplice: dedicare il 1° marzo, per gettare un ponte di
preghiera, di amicizia e di solidarietà con Betlemme. L'invito è fraterno e
non ha altri scopi se non la comunione che ci lega in Cristo ai cristiani
che più soffrono.
LA NOSTRA RISPOSTA
La Giornata del 1° marzo potrebbe essere dedicata a:
PREGARE in un momento della giornata secondo le intenzioni espresse
nella Traccia “Non di muri ha bisogno Betlemme” che, partendo da
questa affermazione di Giovanni Paolo II, suggerisce piste di
preghiera da poter utilizzare a seconda delle possibilità.
CONOSCERE la realtà di Betlemme. Per questo le suore hanno
preparato una Lettera da Betlemme e Pax Christi il DVD “Andiamo
A Betlemme!” da utilizzare in piccoli gruppi o in incontri di
preghiera o approfondimento da organizzare con giovani o adulti.
Per sottolineare chiaramente l'obiettivo della COMUNIONE dei cuori
non abbiamo definito nessun gesto concreto di solidarietà. I singoli e
le comunità che vorranno approfittare dell'occasione per proporre
anche una raccolta di denaro da destinare alle necessità del Baby
Hospital lo potranno fare contattando direttamente le suore
attraverso una e-mail o una telefonata. Questi i recapiti: Caritas
Baby Hospital sister.silvia@cbh-beth.org Dall'Italia telefonare al
00972 22758500.
PROMUOVONO Un Ponte per Betlemme:
Centro Al-Liqa per il Dialogo Interreligioso, Pax Christi Italia, Seminario
Diocesano di Gerusalemme, Pattuglia Terra Santa Agesci Toscana, Suore
del Baby Hospital, Associazione Habibi Terra Santa.
Richiesta del DVD: Effettuare la richiesta ad uno degli indirizzi e-mail
sotto riportati, insieme al pagamento di 4 € per spese di spedizione da
effettuare sul c/c n. 26635508 intestato ad AGESCI Regione Toscana,
causale versamento: “Giornata 1° marzo Terra Santa”
Informazioni e suggerimenti per l’animazione con testimonianze di
volontari italiani che hanno vissuto il dramma degli abitanti di Betlemme:
nandyno@libero.it 347 3176588 Referente Pax Christi Campagna “Ponti non muri”
sandro@technet.it 349 7582859 Referente AGESCI Toscana – Pattuglia Terra Santa
donmario.c@tiscali.it 339 8171243 Referente Associazione Habibi Terra Santa

Per maggiori informazioni:
Punto Pace Lamezia
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Disarmo
    24.583,2 milioni di euro esclusi i finanziamenti per le missioni internazionali e del MISE

    Questione di valori: la corsa al riarmo italiano inseguendo l'America di Biden e NATO 2030

    il termine “assenza di occidente” era presente nel Rapporto sulla sicurezza di Monaco 2020 e rifletteva il diffuso sentimento di disagio e irrequietezza di fronte alla crescente incertezza sul futuro
    19 aprile 2021 - Rossana De Simone
  • Disarmo
    Una speranza di cambiamento mondiale

    Agenda ONU per il disarmo nucleare

    Le armi nucleari sono le armi più pericolose sulla terra. Una piccola ogiva può distruggere un'intera città, ma qui parliamo di arsenali che possono sterminare centinaia di milioni di persone, mettendo a repentaglio l'ambiente naturale e la vita delle generazioni future
    14 aprile 2021 - Laura Tussi
  • Ecodidattica
    Scuole in rete per la sostenibilità ambientale

    Iniziativa pubblica di Ecodidattica

    Verrà presentata la strategia del service learning una metodologia promossa dalle Avanguardie Educative dell'’INDIRE. Appuntamento in streaming video per il 20 aprile 2021 alle ore 16. Si potrà accedere andando sul sito www.ecodidattica.it e cliccando sul bottone rosso di Youtube.
    19 aprile 2021 - Redazione Ecodidattica
  • Taranto Sociale
    A cura di Max Perrini

    Video su Taranto, l'ambiente e la salute

    Il Comitato cittadino per la Salute e l'Ambiente a Taranto ha creato un canale su Youtube. Vi riportiamo il link per accedervi
    Redazione PeaceLink
  • Ecologia
    E' in Germania, ha 220 mila abitanti e ha creato 13 mila posti di lavoro nella green economy

    Friburgo, i sette impatti della Green City

    Non e' una citta' ma una esperienza di anticipazione del futuro; nel tempo indicativo esiste il 'futuro anteriore' e Friburgo e' qualcosa che viene prima del futuro. Questi sono i primi sette impatti che Friburgo ha avuto su di me
    20 luglio 2012 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)